Pagina:Sotto il velame.djvu/25

Da Wikisource.



I.


Nel Convivio Dante parla dell’“adolescente che entra nella selva erronea di questa vita„,[1] il quale “non saprebbe tenere il buon cammino, se dalli suoi maggiori non gli fosse mostrato„. Nella Comedia dice:[2]

mi ritrovai per una selva oscura
chè la diritta via era smarrita.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
I’ non so ben ridir com’io v’entrai.


Non sa Dante ridire come v’entrasse; quando v’entrasse, sappiamo da Beatrice:[3]

sì tosto come in su la soglia fui
di mia seconda etade e mutai vita,
questi si tolse a me e diessi altrui.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
e volse i passi suoi per via non vera.

  1. Convivio (ed. Fraticelli) IV 24. - Serv. ad Aen.. VI 136: Novimus Pythagoram Samium vitam humanam divisisse in modum Y litterae, scilicet quod prima aetas incerta sit, quippe quae adhuc se nec vitiis nec virtutibus dedit: bivium autem Y litterae a iuventute incipere, quo tempore homines aut vitia, id est partem sinistram, aut virtutes id est dexteram partem sequuntur... Ergo per ramum virtutes dicit esse sectandas, qui est Y litterae imitiatio.....
  2. D. C. (ed. Witte) Inf. I 2 segg.
  3. Purg. XXX 124 segg.