Pagina:Sotto il velame.djvu/25

Da Wikisource.



I.


Nel Convivio Dante parla dell’“adolescente che entra nella selva erronea di questa vita„,1 il quale “non saprebbe tenere il buon cammino, se dalli suoi maggiori non gli fosse mostrato„. Nella Comedia dice:2

mi ritrovai per una selva oscura
chè la diritta via era smarrita.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
I’ non so ben ridir com’io v’entrai.


Non sa Dante ridire come v’entrasse; quando v’entrasse, sappiamo da Beatrice:3

sì tosto come in su la soglia fui
di mia seconda etade e mutai vita,
questi si tolse a me e diessi altrui.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
e volse i passi suoi per via non vera.

  1. Convivio (ed. Fraticelli) IV 24. - Serv. ad Aen.. VI 136: Novimus Pythagoram Samium vitam humanam divisisse in modum Y litterae, scilicet quod prima aetas incerta sit, quippe quae adhuc se nec vitiis nec virtutibus dedit: bivium autem Y litterae a iuventute incipere, quo tempore homines aut vitia, id est partem sinistram, aut virtutes id est dexteram partem sequuntur... Ergo per ramum virtutes dicit esse sectandas, qui est Y litterae imitiatio.....
  2. D. C. (ed. Witte) Inf. I 2 segg.
  3. Purg. XXX 124 segg.