Pagina:Storia della letteratura italiana - Tomo I.djvu/30

Da Wikisource.

xv


I N D I C E

e

S O M M A R I O

DEL TOMO PRIMO.




PARTE PRIMA.


Letteratura degli Etruschi.


I Oscurità ed incertezza della Storia de’ primi abitatori d’Italia. II. I più celebri tra essi sono gli Etruschi. III. Fatiche di molti dotti per illustrarne la Storia e le Antichità. IV. In essa però molti punti non son rischiarati. V. E’ certo, ch’essi coltivaron le Scienze. VI. Ma non è certo, che le apprendessero dagli Egiziani. VII. Pruova del fiore in cui eran le Scienze presso gli Etruschi tratta dalla loro eccellenza nelle Arti Liberali. VIII. Quanto anticamente cominciassero a conoscerle. IX. Quando cominciasse la Pittura fra’ Greci. X. Prima di loro la conobbero gli Etruschi. XI. E prima di tutti gli altri popoli d’Europa. XII. Riflessioni sull’Iscrizione delle Pitture del Tempio di Ardea riferita da Plinio. XIII. Eccellenza delle Pitture Etrusche. XIV. Scultura esercitata dagli Etruschi. XV. Loro vasi, arme, lampadi &c. XVI. Loro Architettura. XVII. Ordin Toscano da essi introdotto forse il più antico di tutti. XVIII. Altre pruove delle Scienze coltivate dagli Etruschi. XIX. Contesa tra ‘l Bruckero e ‘l Lampredi intorno alla Filosofia degli Etruschi. XX. In essa si scorge qualche analogia con quella di Mosè. XXI. In mezzo alle loro superstizioni si vede qualche barlume di buona Fisica. XXII. Gli Etruschi coltivano la Medicina e l’Anatomia. XXIII. Se coltivassero la Botanica. XXIV. Loro invenzioni. XXV. Ebbero qualche sorta di Poesia. XXVI. Opere de’ loro Scrittori perdute. XXVII.