Pagina:Sulle frontiere del Far-West.djvu/55

Da Wikisource.



CAPITOLO V.


Una storia di briganti.


L’indian-agent era rimasto immobile a guardarlo allontanarsi insieme ad Harry, mentre Giorgio, armatosi del suo bowie-knife, intaccava a gran colpi le zampe deretane dell’orso, le quali dovevano fornire due squisiti arrosti.

Il brav’uomo pareva, come d’altronde gli accadeva sovente, un po’ preoccupato.

— Che cosa ne dici tu dunque, amico? — chiese finalmente allo scorridore della prateria. — Che uomo sarà quello strano individuo che io avrei desiderato non incontrare sul mio cammino? —

Harry scosse il capo, sputò in terra, spezzò una tavoletta di tabacco cacciandosene un pezzo in bocca, poi disse:

— Uhm!... Uhm!... Uhm!...

— I tuoi «uhm» non sono risposte.

— Che cosa diresti allora tu, camerata, che hai quindici anni più di me e che conosci la prateria da fanciullo?

— Uhm!... — fece a sua volta l’indian-agent, sorridendo. — Ti confesso che anch’io sarei imbarazzato a dire a che razza di furfanti appartiene quell’uomo.

Può darsi che sia un gambusino, poichè ne indossa il costume, ma ha per me tutti i tratti dell’indiano.

— Non fuggirebbe davanti all’insurrezione.

— Questo è vero, Harry.

— Che sia piuttosto qualche leperos messicano? Tu sai che fino a poco tempo fa i banditi erano ancora abbondanti nel Colorado.

— Sia quello che si vuole, lui è uno e noi siamo in tre e non avrà certo da scherzare con noi. D’altronde, a Kampa, se sarà possibile, ci sbarazzeremo di lui e lo manderemo a cercare miniere d’oro in California se.... —

L’indian-agent si era bruscamente interrotto, facendo un mezzo giro a sinistra.

Minnehaha si era lentamente avvicinata a loro e si era coricata fra le erbe, alla distanza di pochi passi, in modo da non perdere una sillaba di quello che i due scorridori della prateria dicevano tra loro.

— Che cosa fai tu qui, monella? — gridò l’indian-agent, aggrot-