Pagina:Sulle strade ferrate dell'Impero d'Austria.djvu/2

Da Wikisource.

201


19 dicembre 1841, relativa alla costruzione delle strade di ferro.

Questi lavori sono ormai portati ad un tal punto che durante la seconda metà del mese d’agosto, o tutto al più tardi nei primi giorni di settembre 1842, le costruzioni d’imbasamento in ambedue le direzioni verso Praga e verso Trieste saranno incominciate, e sì questi come gli altri lavori necessarj al compimento delle strade di ferro saranno colla conveniente reciproca progressione attivamente continuati.

Una delle operazioni preliminari più importanti era un più accurato esame delle linee che le strade devono percorrere fra i punti estremi da Vienna a Praga e da Vienna a Trieste, stabiliti da Sua Maestà.

Prima di ogni altra cosa dovevano ponderarsi o risolversi le quistioni della possibilità, della relativa facilità, della relativa lunghezza delle linee, indi quella del tempo e della spesa che le costruzioni richiedevano.

La costruzione ed il servizio delle strade di ferro dipendono essenzialmente dalle diverse circostanze del terreno. Molte delle difficoltà di questa natura, atteso lo stato in cui l’arte si trova presentemente, non possono ancora superarsi, molte possono superarsi soltanto con una spesa tale che non sarebbe in niuna proporzione collo scopo che si vuol conseguire.

La linea in apparenza più breve diviene a motivo delle salite o di altri impedimenti naturali molto più lunga di quella che in apparenza è più lunga; e la sicurezza e facilità del servizio che sono l’oggetto principale riescono talmente compromesse, che l’arte è insufficiente a vincere o a dirigere le forze contrarie della natura.

Da tali considerazioni derivava già la necessità di esatti ed imparziali rilievi, cui aggiungevasi un’altra circostanza, che non potevasi trascurare. Interessi privati bene o male apprezzati, uniti a mire superficiali, e ad insufficiente cognizione di causa, trovano facilità laddove l’uomo dell’arte scorge difficoltà insuperabili, censurano ciò che contrasta coi loro desiderj, e poco sti-