Pagina:Tempesta.djvu/10

Da Wikisource.
X ragione dell’opera


fin troppo lusinghiere per la mia versione, conteneva come un ringraziamento per avere con essa fatto conoscere ai lettori italiani il capolavoro della fantasia shekspiriana nella sua integrità; e in secondo luogo venne la rappresentazione che di essa fu fatta dalla compagnia stabile all’Argentina di Roma, rappresentazione che ebbe esito trionfale e che mi procurò l’onore di una lettera dell’ambasciatore inglese sir Rennel Rodd — che è poeta tanto nobile, quanto è sagace diplomatico — nella quale dopo di avermi detto il suo piacere nell’aver assistito a quel trionfo del poema inglese che non credeva possibile d’innanzi a un pubblico latino, m’incoraggiava a proseguire e a dare agli italiani una intiera versione dell’opera shekspiriana.

Debbo confessare che da principio l’impresa mi parve così ardua che non osai concepirla. Ma le due voci diverse mi risuonavano continuamente nel pensiero e mi spronavano a tentarla. L’Italia, in fatti, non ha una vera e propria traduzione del Teatro di Guglielmo Shakespeare. Sia in prosa che in versi i traduttori italiani, per quanto valenti, non hanno mai avuto il coraggio di osare la semplicità e spesso la ruvidezza shekspiriana costretti dalla moda del tempo a quella artificiosità ridondante che era propria della letteratura italiana, essi hanno travisato il testo, travestendolo in uno stile che non è lo stile del poeta inglese e spes-