Pagina:Tempesta.djvu/40

Da Wikisource.

24 la tempesta



                             Prospero.
                   Sì! Per questo credi
far grandi cose sol perchè calpesti
il fango dell’amaro abisso e scorri
sull’aspro vento settentrionale
e - per il mio servigio - entro le vene
della Terra ti chiudi allor che il gelo
la stringe tutta.

                              Ariele.
                  Non è ver, signore!

                             Prospero.
Tu mentisci, o maligno spirto. Hai dunque
dimenticato Sicoràx, l’infame
strega che gli anni e che l’invidia al pari
di un cerchio avean ricurva? Dimmi, l’hai
dimenticata?

                              Ariele.
             No, signore.

                             Prospero.
                                              L’hai
dimenticata! Ove era nata? Dimmi!

                             Ariele.
In Algeri, o signore!