Pagina:Tempesta.djvu/7

Da Wikisource.



Ragione dell’opera


C’è stata un’epoca della mia vita in cui sono stato innamorato di Titania. Io ero allora un ragazzetto appena settenne e vivevo in una vecchia villa toscana fra le giogaie petrose della Gonfolina e i lecci medicei di Artimino. Ma appunto fra quelle pietre, nelle cui fessure crescevano le linarie gialle e dentro i cui ginepri arsicci zirlavano i tordi nei mattini di novembre, o sotto le ombre cupe dell’antico parco dove s’intravedevano ancora gli avanzi dello splendore d’altri tempi io ho ricercato invano la piccola regina delle Fate con tutto il suo minuscolo corteggio di genietti invisibili. Avevo imparato a conoscerla in un vecchio volume illustrato da uno di quelli artisti che con lo Stoddart e col William Blake furono i precursori di tutto l’idealismo letterario della pittura inglese. Avevo imparato a conoscerla in quelle grandi illustrazioni, un poco primitive, dove essa compariva sempre all’ombra dei tassobarbassi vellosi o delle fragole gigantesche, mentre sopra ogni stelo d’erba si cullava maliziosamente il piccolo «Cobweb» o l’inafferabile «Pea’s Blossom», mentre Puck dall’alto di un cespuglio vigilava se Oberon non si avvicinasse. Nella grande