Pagina:Tre tribuni studiati da un alienista.djvu/36

Da Wikisource.

21


le occasionavano delle strane sensazioni. Farina sente ogni volta che va alla latrina le voci Cesar tò e punta che lo indussero per disperazione all’omicidio. - Qualche volta cominciano dopo qualche tempo a calmarsi, a dubitare di sè, oppure si trasformano in forma cronica.

In genere però (e ciò illude l’autorità ed il pubblico sul loro stato) hanno un contegno passivo, di difesa; restano tranquilli, anche quando son colpiti da allucinazioni dolorose o da idee di persecuzione (chiudono le finestre per non lasciar entrare il nemico) e in ciò si distinguon dai maniaci e dai melanconici. Solo l’intossicazione alcoolica, il calore o freddo eccessivo, o la opposizione troppo tenace li spingerà a commettere atti assurdi e feroci e per poco tempo. Un certo Gianinetti, cui la vicinanza della Reggia di Moncalieri inspirò delirio ambizioso, credevasi proprietario di quel R. Castello, sposo di una Napoleonide e pacificatore del Tonchino: minacciato stupidamente di multa e carcere perchè non isgombrava abbastanza presto la neve dal suo portone, egli, che credevasi invulnerabile, grazie ad un certo revolver che Re Umberto avea toccato - sparò addosso ai RR. Carabinieri e alle Guardie del Comune, sicchè diè luogo ad una vera battaglia. Eppure egli era presidente di una fiorente Società operaia - e da tutti chiamato come giardiniere modello.

Malgrado il delirio, la preoccupazione esagerata della propria personalità e l’allucinazione, l’intelligenza è spesso acutissima; e scrivono spesso dei libri (uno ne inserii nel Genio e follia) libri che sono, anzi, in opposizione colla loro coltura, colla loro posizione.