Sonetti romaneschi/Chi fa, ariscéve I

Da Wikisource.
Chi fa, ariscéve

../Er ceroto de Papa Grigorio ../Chi fa, ariscéve II IncludiIntestazione 16 aprile 2010 75% Sonetti

Er ceroto de Papa Grigorio Chi fa, ariscéve II

 
     De quanti bbelli fatti oggi ho ssentiti
spiegà ssu la Scrittura[1] io ve ne posso
cqua ssu ddu’ piedi ariccontà er piú ggrosso
da favve arimané mmezz’intontiti. [2]
              5
     Disce dunque c’appena li Sdrelliti [3]
terminorno er passaggio der Mar rosso,
scappò ffora un mijjon de Malessciti [4]
che ttutti assieme j’appiommorno[5] addosso.
              
     Iddio se la seggnò sta bbrutt’azzione, [6]
10perché allora l’ebbrei j’ereno amichi
e aveveno la vera riliggione.
              
     Fatti dunque passà cquattroscent’anni,
disse a Ssaulle: «Va’, e de sti nimmichi
nun ce restino ppiú mmanco li panni».[7]


29 ottobre 1836


Note

  1. Nella chiesa del Gesù.
  2. Attoniti.
  3. Gl’israeliti.
  4. Di Amaleciti.
  5. Gli (loro) piombarono, ecc. «Venit autem Amalec, et pugnabat contra Israel in Raphidim». (Exod., cap. XVII).
  6. «Bellum Dei erit contra Amalec a generatione in generationem». (Ibid.).
  7. «Et dixit Samuel ad Saul: - Me misit Dominus, ut ungerem te in regem super populum eius Israel. Nunc ergo audi vocem Domini. Haec dicit Dominus exercituum: Recensui quaecumque fecit Amalec Israel, quomodo restitit ei in via cum ascenderet de Aegypto. Nunc ergo vade, et percute Amalec, et demolire universa eius: non parcas ei, et non concupiscas ex rebus ipsius aliquid; sed interfice a viro usque ad mulierem, et parvulum atque lactantem, bovem et ovem, camelum et asinum». - Questo passo bellissimo del libro I, cap. XV, dei Re, siccome prova della imperscrutabile giustizia di Dio, fa eccellente riscontro, alla solidarietà di Adamo con tutti i suoi discendenti.