Él mi rincresce sí lo star di fuore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Cecco Nuccoli

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. II, 1920 – BEIC 1928827.djvu sonetti Él mi rincresce sí lo star di fuore Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

Non morièr tanti mai di calde febbre Io son del «ti» sí forte innamorato
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XXII. Ser Cecco Nuccoli
[p. 2 modifica]

II

Si duole di star in contado e fuori di Perugia.

É1 mi rincresce si lo star di fuore
dai mura de colei, ch’ogni ben mostra,
ch’io con Tristan ne prendi ria la giostra,
4sol per veder gli occhiucce ner’co’ more
di quel furel, che m’ha’nvolato el core,
e tiènlosi in pregion dentro ai suoi chiostra;
ond’io so’certo ch’a me molto costra
8prima ch’io de pregion nel cave fòre.
El gran diletto, ch’io abbo in contado,
si è d’odir cantar rane e saleppe,
11e le lueerte correr per le greppe.
E tu in Pròsa ha’ el ciamprolino e ’I dado,
a la taverna, colle borse ceppe;
14ed io in essa m’artrovo di rado.
Molto divisa Tesser mio dal vostro;
saluta ’l ciamprolin, ch’usa col nostro