A Dante (Giusti)

Da Wikisource.
Giuseppe Giusti

1848 A Indice:Versi di Giuseppe Giusti.djvu poesie letteratura A Dante Intestazione 4 settembre 2013 100% poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Versi editi ed inediti di Giuseppe Giusti


[p. 328 modifica]

A DANTE.


La colpa seguirà la parte offensa
In grido, come suol.
Dante, Paradiso.


Allor che ti cacciò la Parte Nera
     Coll’inganno d’un Papa e d’un Francese,
     Per giunta al duro esiglio, il tuo Paese
     4Ti diè d’anima ladra e barattiera.

E ciò perchè la mente alta e severa
     Con Giuda a patteggiar non condiscese:
     Così le colpe sue torce in offese
     8Chi ripara di Giuda alla bandiera.

E vili adesso e traditori ed empi
     Ci chiaman gli empi, i vili, i traditori,
     11Ruttando sè, devoti ai vecchi esempi.

Ma tu consoli noi, tanto minori
     A te d’affanni e di liberi tempi,
     14Di cuor, d’ingegno, e di persecutori.