A Nice

Da Wikisource.
latino

Anonimo Antichità A 1868 Giacomo Zanella Indice:Versi di Giacomo Zanella.djvu poesie letteratura A Nice Intestazione 28 dicembre 2011 100% poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Traduzione dal latino di Giacomo Zanella (1868)
Antichità

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Versi di Giacomo Zanella


[p. 328 modifica]

A NICE.


___


    Questo estremo ricovero e quest’ara
A te dedico, o Nice; e ben vorrei
Che i tristi offici a me tu fessi, o cara,
4E miei fossero i tuoi fati sì rei.
Inutil sogno! Dalla Parca avara
Tolta al tuo fido Ermete ecco tu sei;
Ecco tu cadi giovinetta ancora
8Come fior che già langue ed è l’aurora.

    Ma Cibele di latte il sasso irrori,
E lo cinga di sue rose Dione;
Versin l’Oreadi nuvoli di fiori,
12E di ligustri intessano corone.
Nè manchi un pio ch’ogn’anno i mesti onori
Ti rinnovi; e la sua dolce canzone
Sul tumulo, ove dormi ombra quïeta.
16Dal ramo ombroso l’usignuol ripeta.