A Teresa Barrera-Fogazzaro di Vicenza

Da Wikisource.
Giacomo Zanella

1861 A Indice:Versi di Giacomo Zanella.djvu Poesie letteratura A Teresa Barrera-Fogazzaro di Vicenza Intestazione 22 dicembre 2011 100% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Versi di Giacomo Zanella


[p. 174 modifica]

a

TERESA BARRERA-FOGAZZARO

DI VICENZA

ESULE COLLA FAMIGLIA DAL 1859

NEL SUO GIORNO ONOMASTICO

in Oria sul Lago di Lugano

15 Ottobre 1861.

___


     Rapido ardente pellegrino all’onda
Del tranquillo Ciresio il cor vïaggia,
     Ove di notte una magion gioconda
4Vivo chiaror di spesse lampe irraggia.

     Sonar l’intima stanza odo di liete
Voci: già ferve l’ospital convito;
     Volan gli augurî; un nome si ripete
8Al mio cor quanto noto e riverito!

     Aprite, alme gentili, al pellegrino
Dall’ancor serva Italia a voi venuto
     Per bevere un bicchier del vostro vino
12E d’antica amistà darvi il saluto.

[p. 175 modifica]


     O mio soave Antonio, o Marïano,
E tu materna gloria, Ina! felici
     Io vi riveggo, o sospirati invano
16Per tante lune da’ lontani amici.

     Non io credea, che sì gran tempo Iddio
Ne volesse disgiunti.O quante volte
     Seguitai con inutile desio
20Fulgide nubi all’occidente volte!

     Quando dal trïonfato Etna torrenti
Precipitaro di guerriera lava,
     Le braccia apersi, ma confusa a’ venti
24L’altera visïon si dileguava.

     Sogno d’infranti cori ognor distrutto
E rinascente ognor, come d’arena
     Cumol leggero che scherzoso flutto
28Scioglie e rifà colla tornante piena,

     Quando fia che s’avveri? Il cor presago
Già l’ore ha noverate. Intanto in questa
     Fidata solitudine del lago
32Che barbarica insegna non funesta,

     La stanca anima mia possa una volta
Prevenir, festeggiando, i dì venturi;
     E alla gentil, che del suo nome ascolta
36Oggi l’aure echeggiar, sciorre gli augurî.

[p. 176 modifica]


     Discendi, Ina, al giardin: spicca la fronda
Che fresco serba d’ogni tempo il santo
     Color della speranza, e ne circonda
40Il mio bicchier: liete venture io canto.

     O dolci capi, a cui men parve amaro
L’esiglio, che mirar volto nemico,
     Ma con memore affanno ognora al caro
44Aere anelanti del soggiorno antico,

     Torneran l’erbe nove; e voi vedrete
Dietro la santa italica bandiera
     Del bello eremo vostro alla quïete
48Accorrere d’amici allegra schiera.

     Noi verremo a levarvi. O generose
Anime schive, nell’angusta chiostra
     Di questi monti troppo a lungo ascose,
52Venite a riveder Vicenza vostra.

     Spezzato il giogo boreal, respira
Aure felici: da rimote bande
     Gli armati figli riedere rimira
56Fieri di cicatrici e di ghirlande.

     O la più cara e misera di quante
Illumina città l’italo sole,
     Racconsolata madre al seno amante
60Alfin raccolga la dispersa prole.