A tardo passo, al sospirato loco

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Vittorio Alfieri

XVIII secolo A sonetti letteratura A tardo passo, al sospirato loco Intestazione 15 aprile 2013 75% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 
A tardo passo, al sospirato loco,
Cui solo abbella di mia donna il volto,
Dopo dodici lune ho il piè rivolto;
4E fortuna a me par più mite un poco.

Ma, per lo pianger lungo, io son sì fioco,
L'ingegno in nebbia così densa è avvolto,
E intero il cor sì nel dolor sepolto,
8Che al canto invan l'alta mia Diva invoco.

Pur, sì invasa ho di lei la mente, e il petto
Caldo così, che parmi, anco senz'arte,
11Abbiano i miei sospiri a dar diletto.

Ma s' io m' inganno, almen sfogato in parte
Avrò quel dolce vario-mesto affetto,
14Che me dal volgo, e da me stesso, parte