Adelchi/Atto primo/Scena IV

Da Wikisource.
Poesie

Atto Primo

Scena quarta ../Scena III ../Scena V IncludiIntestazione 28 gennaio 2015 100% poesie

Atto primo - Scena III Atto primo - Scena V

[p. 22 modifica]

SCENA IV.

ANFRIDO, e detti.

                       
                       desiderio.
                            Che rechi, Anfrido?

                       anfrido.
Sire, un legato è nella reggia, e chiede
Gli sia concesso appresentarsi ai regi.

                       desiderio.
Donde vien? Chi l’invia?

                       anfrido.
                                 Da Roma ei viene,
Ma legato è d’un re.

                      ermengarda.
                             Padre, concedi
Ch’io mi ritragga.

                       desiderio.
                          O donne, alle sue stanze
La mia figlia scorgete; a’ suoi servigi

[p. 23 modifica]

Io vi destino: di regina il nome
Abbia e l’onor.
      (ERMENGARDA parte con le DONZELLE).

                      desiderio.
                     D’un re dicesti, Anfrido?
Un legato.... di Carlo?

                       anfrido.
                                O re, l’hai detto.

                      desiderio.
Che pretende costui? quali parole
Cambiar si ponno fra di noi? qual patto
Che di morte non sia?

                       anfrido.
                              Di gran messaggio
Apportator si dice: ai duchi intanto,
Ai conti, a quanti nella reggia incontra,
Favella in atto di blandir.

                      desiderio.
                                   Conosco
L’arti di Carlo.

                       adelchi.
                     Al suo stromento il tempo
D’esercitarle non si dia.

                      desiderio.
                                 Raduna
Tosto i Fedeli, Anfrido, e in un con essi
Ei venga.
                     (ANFRIDO parte).

                      desiderio.
              Il giorno della prova è giunto;
Figlio, sei tu con me?

                       adelchi.
                             Sì dura inchiesta
Quando, o padre, mertai?

                      desiderio.
                                  Venuto è il giorno
Che un voler solo, un solo cor domanda:
Dì, l’abbiam noi? Che pensi far?

                       adelchi.
                                           Risponda
Il passato per me: gli ordini tuoi
Attender penso, ed eseguirli.

[p. 24 modifica]

                      desiderio.
                                       E quando
A’ tuoi disegni opposti sieno?

                       adelchi.
                                        O padre!
Un nemico si mostra, e tu mi chiedi
Ciò ch’io farò? Più non son io che un brando
Nella tua mano. Ecco il legato: il mio
Dover fia scritto nella tua risposta.