Adelchi/Atto quarto/Scena II

Da Wikisource.
Poesie

Atto quarto

Scena seconda ../Scena I ../Scena III IncludiIntestazione 11 febbraio 2015 100% poesie

Atto quarto - Scena I Atto quarto - Scena III

[p. 71 modifica]


Notte. Interno d’un battifredo sulle mura di Pavia.

Un’armatura nel mezzo.


GUNTIGI, AMRI.


                       guntigi.
Amri, sovvienti di Spoleti?

                        amri.
                                  E posso
Obbliarlo, signor?

                       guntigi.
                       D’allor che, morto
Il tuo signor, solo, dai nostri cinto,
Senza difesa rimanesti? Alzata
Sul tuo capo la scure, un furibondo
Già la calava; io lo ritenni: ai piedi
Tu mi cadesti, e ti gridasti mio.
Che mi giuravi?

                        amri.
                     Ubbidienza e fede
Fino alla morte. - O mio signor, falsato
Ho il giuro mai?

                       guntigi.
                       No; ma l’istante è giunto
Che tu lo illustri con la prova.

                        amri.
                                        Imponi.

                       guntigi.
Tocca quest’armi consacrate, e giura
Che il mio comando eseguirai; che mai,
Nè per timor nè per lusinghe, fia,
Mai, dal tuo labbro rivelato.

                        amri.
                (ponendo le mani sull’armi)
                                     Il giuro:
E se quandunque mentirò, mendico
Andarne io possa, non portar più scudo,
Divenir servo d’un Romano.

                       guntigi.
                                      Ascolta.
A me commessa delle mura, il sai,
È la custodia; io qui comando, e a nullo
Ubbidisco che al re. Su questo spalto

[p. 72 modifica]

Io ti pongo a vedetta, e quindi ogn’altro
Guerriero allontanai. Tendi l’orecchio,
E osserva al lume della luna; al mezzo
Quando la notte fia, cheto vedrai
Alle mura un armato avvicinarsi:
Svarto ei sarà.... Perchè così mi guardi
Attonito? egli è Svarto, un che tra noi
Era da men di te; che ora tra i Franchi
In alto sta, sol perchè seppe accorto
E segreto servir. Ti basti intanto,
Che amico viene al tuo signor costui.
Col pomo della spada in sullo scudo
Sommessamente ei picchierà: tre volte
Gli renderai lo stesso segno. Al muro
Una scala ei porrà: quando fia posta,
Ripeti il segno; ei saliravvi: a questo
Battifredo lo scorgi, e a guardia ponti
Qui fuor: se un passo, se un respiro ascolti,
Entra ed avvisa.

                        amri.
                     Come imponi, io tutto
Farò.

                       guntigi.
           Tu servi a gran disegno, e grande
Fia il premio.
                      (AMRI parte)