Adelchi/Atto quinto/Scena VII

Da Wikisource.
Poesie

Atto quinto

Scena settima ../Scena V ../Scena VIII IncludiIntestazione 11 febbraio 2015 100% poesie

Atto quinto - Scena V Atto quinto - Scena VIII

[p. 89 modifica]


CARLO, DESIDERIO


                      desiderio.
                               Oh! come grave
Sei tu discesa sul mio capo antico,
Mano di Dio! Qual mi ritorni il figlio!
Figlio, mia sola gloria, io qui mi struggo,
E tremo di vederti. Io del tuo corpo
Mirerò la ferita! io che dovea
Esser pianto da te! Misero! io solo
Ti trassi a ciò: cieco amator, per farti
Più bello il soglio, io ti scavai la tomba!
Se ancor, tra il canto de’ guerrier, caduto
Fossi in un giorno di vittoria! o chiusi,
Tra il singulto de’ tuoi, tra il riverente
Dolor de’ fidi, sul real tuo letto,
Gli occhi io t’avessi.... ah! saria stato ancora
Ineffabil cordoglio! Ed or morrai
Non re, deserto, al tuo nemico in mano,
Senza lamenti che del padre, e sparsi
Innanzi ad uom che in ascoltarli esulta.

[p. 90 modifica]

                        carlo.
Veglio, t’inganna il tuo dolor. Pensoso,
Non esultante, d’un gagliardo il fato
Io contemplo, e d’un re. Nemico io fui
D’Adelchi; egli era il mio, nè tal, che in questo
Novello seggio io riposar potessi,
Lui vivo, e fuor delle mie mani. Or egli
Stassi in quelle di Dio: quivi non giunge
La nimistà d’un pio.

                      desiderio.
                         Dono funesto
La tua pietà, s’ella giammai non scende,
Che sui caduti senza speme in fondo;
Se allor soltanto il braccio tuo rattieni,
Che più loco non trovi alle ferite.