Adelchi/Atto terzo/Scena III

Da Wikisource.
Poesie

Atto terzo

Scena terza ../Scena II ../Scena IV IncludiIntestazione 11 febbraio 2015 100% poesie

Atto terzo - Scena II Atto terzo - Scena IV

[p. 46 modifica]


Uno SCUDIERO frettoloso e atterrito, e DETTI.


                      lo scudiero.
                              I Franchi! i Franchi!

                       desiderio.
Che dici, insano?

                    un altro scudiero.
                         I Franchi, o re.

                       desiderio.
                                           Che Franchi?
(la scena s’affolla di LONGOBARDI fuggitivi. Entra BAUDO)

                       adelchi.
Baudo, che fu?

                        baudo.
                      Morte e sventura! Il campo
È invaso e rotto d’ogni parte: al dorso
Piombano i Franchi ad assalirci.

                       desiderio.
                                             I Franchi!
Per qual via?

                        baudo.
                   Chi lo sa?

                       adelchi.
                                  Corriamo; ei fia
Un drappello sbandato.
                    (in atto di partire)

                        baudo.
                                 Un’oste intera:
Gli sbandati siam noi: tutto è perduto.

                       desiderio.
Tutto è perduto?

                       adelchi.
                       Ebben, compagni, i Franchi?
Non siamo noi qui per essi? Andiam: che importa
Da che parte sian giunti? I nostri brandi,
Per riceverli, abbiamo. I brandi in pugno!
Ei gli han provati: è una battaglia ancora:
Non v’è sorpresa pel guerrier: tornate;
Via, Longobardi, indietro; ove correte,
Per Dio? La via che avete presa è infame:
Il nemico è di là. Seguite Adelchi.
                      (entra ANFRIDO)
Anfrido!

[p. 47 modifica]

                       anfrido.
                O re, son teco.

                       adelchi.
                      (avviandosi)
                                  O padre; accorri.
Veglia alle Chiuse.
(parte seguito da ANFRIDO, da BAUDO e da alcuni LONGOBARDI.)

                       desiderio.
         (ai fuggitivi che attraversano la scena)
                         Sciagurati! almeno
Alle Chiuse con me: se tanto a core
Vi sta la vita, ivi son torri e mura
Da porla in salvo.
(sopraggiungono soldati fuggitivi dalla parte opposta a quella)
              da cui è partito ADELCHI)

                  un soldato fuggitivo.
                           O re, tu qui? Deh! fuggi.
                    (attraversa le scene)

                       desiderio.
Infame! al re questo consiglio? E voi,
Da chi fuggite? In abbandon le Chiuse
Voi lasciate così? Che fu? Viltade
V’ha tolto il senno.
(i SOLDATI continuano a fuggire. DESIDERIO appunta la spada
           al petto d’uno di essi, e lo ferma.)
                           Senza cor, se il ferro
Fuggir ti fa, questo è pur ferro, e uccide
Come quello de’ Franchi. Al re favella:
Perché fuggite dalle Chiuse?

                       soldati.
                                        I Franchi
Dall’altra parte hanno sorpreso il campo;
Gli abbiam veduti dalle torri. I nostri
Son dispersi.

                       desiderio.
                   Tu menti. Il figliuol mio
Gli ha radunati, e li conduce incontro
A que’ pochi nemici. Indietro!

                       soldati.
                                        O sire,
Non è più tempo: e’ non son pochi; e’ giungono;
Scampo non v’è: schierati ei sono; e i nostri
Chi qua, chi là, senz’arme, in fuga: Adelchi
Non li raduna: siam traditi.

[p. 48 modifica]

                       desiderio.
                (ai fuggitivi che s’affollano)

                                        Oh vili!
Alle Chiuse salviamci; ivi a difesa
Restar si può.

                      un soldato.
                     Sono deserte: i Franchi
Le passeranno; e noi siam posti intanto
Tra due nemici: un piccol varco appena
Resta alla fuga: or or fia chiuso.

                       desiderio.
                                               Ebbene;
Moriam qui da guerrier.

                    un altro soldato.
                                Siamo traditi;
Siam venduti al macello.

                    un altro soldato.
                                 In giusta guerra
Morir vogliam, come a guerrier conviensi,
Non isgozzati a tradimento.

                    altro soldato.
                                 I Franchi!

                    molti soldati.
Fuggiamo!

                       desiderio.
                  Ebben, correte; anch’io con voi
Fuggo: è destin di chi comanda ai tristi.
                   (s’avvia coi fuggitivi)