Adelchi/Atto terzo/Scena VIII

Da Wikisource.
Poesie

Atto terzo

Scena ottava ../Scena VII ../Scena IX IncludiIntestazione 11 febbraio 2015 100% poesie

Atto terzo - Scena VII Atto terzo - Scena IX

[p. 53 modifica]


Bosco solitario.


DESIDERIO, VERMONDO, altri LONGOBARDI

fuggiaschi in disordine.


                       vermondo.
Siamo in salvo, o mio re: scendi, e su queste
Erbe l’antico e venerabil fianco
Riposa alquanto. O mio signor, ripiglia
Gli affaticati spirti. Assai dal campo
Siam lunge, e fuor di strada: al nostro orecchio
Lo scellerato mormorio non giunge.
Cinto non sei che di leali.

                       desiderio.
                                  E Adelchi?

                       vermondo.
Or or fia qui, lo spero; alla sua traccia
Più d’un fido inviai, che lo ritragga
Dall’empio rischio, a miglior pugna il serbi,
E a questa posta de’ leali il guidi.

[p. 54 modifica]

                       desiderio.
O mio Vermondo, il vecchio rege è stanco,
È stanco dalla fuga.

                       vermondo.
                         Ahi traditori!

                       desiderio.
Vili! Nel fango han trascinato i bianchi
Capelli del lor re; l’hanno costretto,
Come un vile, a fuggir. - Fuggire! e quinci
Non sorgerò che per fuggir di nuovo?
A che pro? dove? in traccia d’un sepolcro
Privo di gloria? - E comple? Io, per costoro,
Fuggir? Chi il regno mi rapì, mi tolga
La vita. Ebben! quand’io sarò sotterra,
Che mi farà codesto Carlo?

                       vermondo.
                                 O nostro
Re per sempre, fa cor: son molti i fidi;
La sorpresa gli ha spersi; a te d’intorno
Li chiamerà l’onor: ti restan tante
Città munite; e Adelchi vive, io spero.

                       desiderio.
Maledetto quel dì che sopra il monte
Alboino salì, che in giù rivolse
Lo sguardo, e disse: Questa terra è mia!
Una terra infedel, che sotto i piedi
De’ successori suoi doveva aprirsi,
Ed ingoiarli! Maledetto il giorno,
Che un popol vi guidò, che la dovea
Guardar così! che vi fondava un regno,
Che un’esecranda ora d’infamia ha spento!

                       vermondo.
Il re!

                       desiderio.
            Figlio, sei tu?