Adiecta (1905)/I/XXI

Da Wikisource.
De re rustica

../XX ../XXII IncludiIntestazione 19 febbraio 2015 100% Da definire

I - XX I - XXII
[p. 350 modifica]

DE RE RVSTICA


Gallus in sterquilinio suo plurimum potest.

Seneca, Apocol.


I.


     È mio quel gallo che alla prima luce
coll’ingrato cantar saluta il giorno
e già vecchio, spennato e disadorno,
4pur la cresta insolente al sol produce.

     Devasta i seminati e s’introduce
tra le siepi a rubar tutto il contorno,
indi all’usato sterquilinio intorno
8le sue galline a razzolar conduce.

     Poi quando vien la sera e son già sorte
pallide in ciel le prime stelle accese,
11appollaiato sulle gambe storte

     Dice alle sue galline: — «Ora è palese
ch’io son tremendo rispettato e forte
14e la bestia maggior del mio paese!» —



[p. 351 modifica]

II.


     Io penso intanto: «Se tirassi il collo
per non vedermi guasto il seminato,
a questo gallo vecchio e spennacchiato
4che quanto mangia più, meno è satollo?

     E poi, che ne farò? Se fosse un pollo,
benedetto l’arrosto e lo stufato!
Ma un demonio malsano ed arrabbiato
8sul far di questo, non sarà mai frollo.

     Lasciamolo campar! Vada all’inferno
se lo voglion le volpi o le faine,
11o, se piace al Signor, viva in eterno!» —

     Schiva il gallo così l’ultimo fine
e in virtù dello sprezzo e dello scherno,
14regna sovra i capponi e le galline.