Agresti Dii, su quest'opaco altare

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Filippo Leers

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Agresti Dii, su quest’opaco altare Intestazione 21 dicembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Filippo Leers


[p. 223 modifica]

XI


Agresti Dii, sù quest’opaco altare,
     Che v’alzò de’ Pastor divota cura,
     Con la sua destra Coridone, e giura,
     Che non vuol più l’empia Selvaggia amare,
5Qui le mie labbra, più che assenzio amare
     Pel rio velen di quella bocca impura,
     Lavo con l’onda del bel Fiume pura,
     Perchè sen porti ogni mia colpa al Mare.
O Pastorelli, col coltel radete
     10L’ingrato nome scritto di mia mano

[p. 224 modifica]

     Sulla scorza del Faggio, e dell’Abete.
Coridon, ch’amò tanto, e pianse invano,
     Su i medesimi tronchi indi scrivete,
     Per miracol de’ Numi have il cuor sano.