Ahi che ben veggio al lito avvinta ognora

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Francesco Maria Della Volpe

A Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Ahi che ben veggio al lito avvinta ognora Intestazione 28 settembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Francesco Maria Della Volpe


[p. 410 modifica]

III


Ahi che ben veggio al lito avvinta ognora
     Starsi quella d’Amor nave superba,
     Mia stanza un dì, che le catene ancora
     Di mia perduta libertà riserba!
5Veggio assiso il Nocchier sù l’empia prora,
     Che il fiero antico aspro rigor pur serba,
     Veggio l’altero ciglio ad ora ad ora,
     Che mi minaccia orrida strage acerba.
Eppur cieco desio, mentre dal lido
     10Parte la nave, ancor sì mi trasporta,
     Che su risalgo, e al rio Nocchier m’affido.
E se Ragion consiglio non m’apporta,
     Nel gran viaggio disastroso infido
     Chi mi sa dir dove il Crudel mi porta?