Alcune lettere delle cose del Giappone/Estratto di una lettera del padre Gregorio de Gespedes

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Estratto di una lettera del padre Gregorio de Gespedes

../Lettera annuale del P. Francesco Carrion ../Lettera annale del padre Lorenzo Mexia IncludiIntestazione 28 settembre 2018 25% Da definire

Lettera annuale del P. Francesco Carrion Lettera annale del padre Lorenzo Mexia


[p. 81 modifica]

E S T R A T T O  D I  V N A  L E T T E R A

del padre Gregorio de Geſpedes della Cō

pagnia di Gieſù dal Giappone, dell'

anno 1 5 7 9.


IN queſti due vltimi anni ſi ſon cōuertite alla noſtra ſanta fede circa quattordici millia anime, & di queſte, noue o dieci millia in queſte parti del Meaco, doue io al preſente fò reſidenza.

Queſte genti ſi come in comparatione del reſto del Giappone è la più nobile & politica coſi ſi moſtra aſſai più Chriſtiana & feruente, pigliando per la principal nobiltà l'eſſer ſignalata nell'oſſeruanza de' precetti diuini, & procede con tanto feruore, & deuotione che ci da grande admiratione, perche ſecondo che hò viſto & prouato nel ſuo modo di viuere paiono più toſto religioſi che ſecolari. Tiene grande giudicio & capacità, & è naturalmente molto affabile, & amoreuole; il che dopo la conuerſione molto ancora aiuta per il lor profitto ſpirituale.

Li Chriſtiani di queste parti del Meaco computati li nuoui ſopradetti con gli altri che prima u'erano, ſaranno in tutto circa quindeci millia; con li quali faciamo reſidenza tre Padri & cinque fratelli. Adeſſo ſi và apprendo la maggior porta per la conuerſione, che ſin qui ſia fatto, perchè Nobunanga ſignor di queſti luoghi del Meaco, & inſieme de altri 30. regni, ſi và ogni di più affettionando alle coſe di noſtra ſancta fede, di [p. 82 modifica] [p. 83 modifica] [p. 84 modifica] [p. 85 modifica]

[p. 81 modifica]

E S T R A T T O  D I  U N A  L E T T E R A

del padre Gregorio de Gespedes della Com

pagnia di Giesù dal Giappone, dell'

anno 1 5 7 9.


IN questi due ultimi anni si son convertite alla nostra santa fede circa quattordici millia anime, et di queste, nove o dieci millia in queste parti del Meaco, dove io al presente fò residenza.

Queste genti si come in comparatione del resto del Giappone è la più nobile et politica cosi si mostra assai più Christiana et fervente, pigliando per la principal nobiltà l'esser signalata nell'osservanza de' precetti divini, et procede con tanto fervore, et devotione che ci da grande admiratione, perche secondo che hò visto et provato nel suo modo di vivere paiono più tosto religiosi che secolari. Tiene grande giudicio et capacità, et è naturalmente molto affabile, et amorevole; il che dopo la conversione molto ancora aiuta per il lor profitto spirituale.

Li Christiani di queste parti del Meaco computati li nuovi sopradetti con gli altri che prima v'erano, saranno in tutto circa quindeci millia; con li quali faciamo residenza tre Padri et cinque fratelli. Adesso ſi và apprendo la maggior porta per la conversione, che sin qui sia fatto, perchè Nobunanga signor di questi luoghi del Meaco, et insieme de altri 30. regni, si và ogni di più affettionando alle cose di nostra sancta fede, di [p. 82 modifica] [p. 83 modifica] [p. 84 modifica] [p. 85 modifica]