All'Uom, che col pensier tant'alto sale

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Francesco De Lemene

A Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura All’Uom, che col pensier tant’alto sale Intestazione 26 ottobre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Francesco da Lemene


[p. 228 modifica]

III1


All’Uom, che col pensier tant’alto sale,
     Dio l’esser dona, e pria di fango il forma;
     Poi col soffio divin d’Alma immortale
     Simil a sè, quella vil massa informa,
5Indi con bel mistero ei fa, che dorma.
     E tratta dal suo fianco un’opra eguale,
     Donna gli dà di pellegrina forma,
     Donna eterna cagioni del nostro male.
Godea vita immortal, gran senno, e pace
     10In dolce albergo, ove trovò il desìo
     Quanto in bella onestà ne giova, e piace,
Alfin, lasso!, lo inganna un serpe rio:
     La legge offende, e follemente audace
     Sifa men d’Uom per farsi eguale a Dio.


Note

  1. Dio Creatore.