Alla Musa (Manzoni)

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Alessandro Manzoni

1802 A Indice:Tragedie, inni sacri e odi.djvu Poesie letteratura Alla Musa Intestazione 4 luglio 2013 100% Sonetti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


[p. 375 modifica]

Novo intatto sentier segnami, o Musa,
     Onde non stia tua fiamma in me sepolta.
     È forse a somma gloria ogni via chiusa,
     Che ancor non sia d’altri vestigj folta!
Dante ha la tromba, e il cigno di Valchiusa
     La dolce lira; e dietro han turba molta.
     Flora ad Ascra agguagliosse; e Orobbia incolta
     Emulò Smirna, o vinse Siracusa.
Primo signor de l’italo coturno,
     Te vanta il secol nostro, o te cui dièo
     Venosa il plettro, o chi il flagello audace?
Clio, che tratti la tromba e il plettro eburno,
     Deh! fa che, s’io cadrò sul calle Ascreo,
     Dicasi almen: Su l’orma propria ei giace!

1802.


Altri progetti

Collabora a Wikipedia Wikipedia ha una voce di approfondimento su Alla Musa (Manzoni)