Angue, che in terra per tuo mal rinasci

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giuseppe Maria Ercolani

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Angue, che in terra per tuo mal rinasci Intestazione 11 gennaio 2020 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Giuseppe Ercolani


[p. 157 modifica]

XXII


Angue, che in terra per tuo mal rinasci,
     E la gran Donna inutilmente mordi,
     Nè dell’inimicizia ancor ti scordi

[p. 158 modifica]

     Che in Ciel giurasti, o l’ira antica lasci:
5Poichè il suo piede in van circondi e fasci,
     E perdi tutti i pensier folli e ingordi,
     Torna agli abissi: ivi di sangue lordi
     Sazia i tuoi lumi e di dolor ti passi:
Ivi, quanto ti piace, al Re superno
     10Fa guerra: ivi Colui che Morte estinse
     E la tua, prendi alta Avversaria a scherno.
Vattene; acchè pugmar, se ti respinse
     Sin dal principio col gran Parto eterno,
     E una volta per sempre ella ti vinse?