Annali d'Italia dal principio dell'era volgare sino all'anno 1750/23

Da Wikisource.
Anno 23

../22 ../24 IncludiIntestazione 18 dicembre 2010 25% Da definire

22 24


[p. 67|68 modifica]

Anno di Cristo XXIII. Indizione XI.
Tiberio imperadore 10.


Consoli


Cajo Asinio Pollione e Lucio Antistio Vetere o sia Vecchio


Benchè gli autori de’ fasti consolari comunemente dieno ad Antistio Vetere il prenome di Cajo, pure Lucio vien da me nominato sul fondamento d’una iscrizione della mia Raccolta1, posta Q. IVNIO BLASEO, L. ANTISTIO VETERE; dalla quale eziandio si può raccogliere che nelle calende di luglio ad Asinio Pollione fu sostituito Quinto Giunio Bleso, già da noi veduto governatore dell’Africa. Probabilmente Asinio Pollione, fratello fu del poco fa defunto Asinio Salonino. Mancò di vita sui primi mesi dell’anno presente, dopo lunga malattia Druso Cesare2, unico figliuolo di Tiberio Augusto, giovane destinato a succedergli nell’imperio. Voce pubblica fu che un lento veleno, fattogli dare da Elio Sejano, il conducesse a morte. Tacito e Dione3 danno questo fatto per certo. Druso, giovane facilmente portato alla collera, non potendo digerir l’eccesso del favore di cui godea Sejano presso il padre, un dì venne alle mani con lui, e gli diede uno schiaffo, come vuol Tacito, parendo poco verisimile che il percussore fosse lo stesso Sejano, come s’ha da Dione. Questo affronto, ma più la segreta sete di Sejano di arrivare all’imperio, a cui troppo ostava l’esser vivente Druso, gli fece studiar le vie di levarlo dal mondo. Cominciò la tela, con adescar Giulia Livilla, sorella del fu Germanico Cesare e moglie d’esso Druso, traendola alle sue disoneste voglie. Dopo di che non gli riuscì difficile colle promesse del matrimonio e [p. 69|70 modifica]dell'imperio a farla precipitare in una congiura contro la vita del marito. Scelto Liddo, uno degli eunuchi suoi più cari, un tal veleno gli diede che potesse parer naturale la di lui malattia. Non si conobbe allora l’iniquo manipolator di questo fatto; ma da lì ad otto anni nella caduta di Sejano, ciò venne alla luce per confessione di Apicata sua moglie. Con tal costanza nondimeno portò Tiberio la perdita del figliuolo, che i maligni giunsero fino a sospettare lui stesso complice o autore del veleno, quasichè Druso avesse prima pensato di avvelenare il padre. Neppur Tacito, benchè inclinasse ad annerir tutte le azioni di Tiberio, osò prestar fede a così inverisimil diceria. Del resto non erano tali i costumi e le inclinazioni di Druso, che i Romani internamente si affliggessero della di lui morte. Lasciò egli tre figliuoli di tenera età, ma che l’un dietro all’altro furono rapiti dalla morte, di modo che la succession dell’imperio cominciò a destinarsi ai figliuoli di Germanico. In abbondanza furono fatti onori alla memoria di Druso; ma Tiberio non ammise chi gareggiava per passar seco atti di condoglianza, affinchè non gli si rinnovassero le piaghe del dolore. E perchè da lì a non molto tempo gli ambasciadori d’Ilio, o sia di Troja, venuti a Roma4, gli spiegarono il lor dispiacere a cagion della perdita del figliuolo, per deriderli rispose: «Che anch’egli si condoleva con loro per la morte d’Ettore,» ucciso mille e dugento anni prima.

Buone qualità avea Tiberio mostrato in addietro, e competente governo avea fatto5. Già dicemmo che tolto di vita Germanico, cominciò egli a declinar al male. Peggiorò anche dopo la morte di Druso. Nondimeno a renderlo più cattivo contribuì non poco l’ambizioso e perverso Sejano, le cui mire tendevano tutte a regnar solo col tempo. Perchè gliene avrebbono impedito l’acquisto i[p. 70] figliuoli di Germanico, nipoti per adozione di Tiberio, e raccomandati in quest’anno dallo stesso Tiberio al senato, nè poteva Sejano sbrigarsi di loro col veleno per la buona cura che avea di essi, e della propria pudicizia Agrippina lor madre: si diede a fomentar ed accrescere l’odio di Tiberio contro d’essi, e il mal animo di Livia Augusta contro d’Agrippina. Chiunque ancora de’ nobili sembrava a lui capace d’interrompere i voli della sua fortuna, cominciò egli sotto vari pretesti, e massimamente di aver essi sparlato di Tiberio, a perseguitarli con accuse che in questi tempi ad alcuni, e col progresso del tempo a moltissimi costarono la vita6. Succedeva talvolta che gl’istrioni, o vogliam dire i commedianti, eccedevano nell’oscenità, e tagliavano i panni addosso a determinate donne romane, o pure porgevano occasioni a risse. Tiberio li cacciò di Roma, e vietò l’arte loro in Italia. Alle persone di merito dopo morte erano state alzate alcune statue da esso Tiberio. Videsi nel presente anno questa deformità, cioè, ch’egli mise la statua di bronzo di Sejano nel pubblico teatro. L’esempio del principe servì ad altri, per esporne molte altre simili. E conoscendo già ognuno che costui era la ruota maestra della fortuna e degli affari, risonavano dappertutto le sue lodi ed anche nello stesso senato; piena sempre di nobili l’anticamera di lui; i consoli stessi frequenti visite gli faceano; nulla in fine si otteneva, se non passava per le mani di lui. Una bestialità di Tiberio vien raccontata sotto quest’anno. Un insigne portico di Roma minacciava rovina, essendosi molto inchinate le colonne che lo sostenevano7. Seppe un bravo architetto con argani ed altri ingegni ritornarlo al suo primiero sito. Maravigliatosene molto Tiberio, il fece bensì pagare, ma il cacciò anche fuori di Roma. Tornato un dì costui per [p. 71|72 modifica]supplicarlo di grazia, credendo di farsi del merito, gittò un vaso di vetro in terra; poi raccoltolo fece vedere che possedeva il secreto di racconciarlo. Gli fece Tiberio levar la vita, senza sapersi il vero motivo di così pazza e crudele sentenza. Scrive Plinio8 lo stesso più chiaramente, dicendo che quel vetro era molle e pieghevole, come lo stagno, con aggiugnere nulladimeno, essere stata questa una voce di molti, ma poco creduta dai saggi.

Note

  1. Thesaurus Novus Inscript, pag. 301, n. 4.
  2. Tacitus, lib. 4, c. 8.
  3. Dio. lib. 58.
  4. Sueton. in Tiber., cap. 52.
  5. Dio., lib. 57.
  6. Tacitus, lib. 4, cap. 14.
  7. Dio. lib. 57.
  8. Plinius, lib. 36, cap. 26.