Annali d'Italia dal principio dell'era volgare sino all'anno 1750/57

Da Wikisource.
Anno 57

../56 ../58 IncludiIntestazione 21 dicembre 2010 25% Da definire

56 58



[p. 205 modifica]

Anno di Cristo LVII. Indizione XV.
Pietro Apostolo papa 29.
Nerone Claudio imperad. 4.


Consoli


Nerone Claudio Augusto, per la seconda volta, e Lucio Calpurnio Pisone

.


Si sa da Svetonio, che Nerone non tenne se non sei mesi il consolato. Disputano gli eruditi, chi a lui ed al collega succedesse nelle calende di luglio. Nulla s’è potuto accertare finora. Non ci somministra l’antica storia alcun fatto rilevante sotto quest’anno. Tacito1 solamente racconta aver Nerone dato un congiario, o sia regalo, al popolo, e levata l’imposta di venticinque danari sopra la vendita che si faceva degli schiavi. Proibì ancora ai governatori delle provincie il fare spettacoli di gladiatori o di fiere, e simili altri giochi: perchè sotto questo pretesto molestavano forte le borse de’ popoli, o cercavano di coprire con tali magnificenze i lor latrocini. Fu accusata Pomponia Grecina, moglie di Aulo Plauzio, conquistator della Bretagna, perchè seguitava una superstizion forestiera. Hanno creduto, e fondatamente i nostri, ch’ella avesse abbracciata la religion cristiana, la quale in questi tempi s’andava dilatando per la terra, e massimamente in Roma. Fu rimessa tal giustizia, secondo l’antico costume, alla cognizion del marito, il quale, esaminato l’affare coi di lei parenti, la giudicò innocente. Potrebbe essere che appartenesse all’anno presente ciò che narra Dione2 con dire, che si fecero vari spettacoli in Roma. Uno di tori, che furono uccisi da uomini a cavallo, correnti a briglia sciolta contra di essi. Un altro, in cui quattrocento orsi e trecento lioni caddero al suolo trafitti dalle lance[p. 206] delle guardie a cavallo di Nerone. Anche trenta uomini dell’ordine de’ cavalieri romani combatterono nell’anfiteatro alla foggia de’ gladiatori, cioè di gente infame. Cresceva intanto lo sregolamento di Nerone ascoltando egli unicamente i consigli di chi adulava le di lui passioni, tutte rivolte ai piaceri anche più abbominevoli. Quei di Burro e di Seneca l’infastidivano, e in fine cominciò a metterseli sotto i piedi. Ottone, che fu poi imperadore, e in tutto simile era a Nerone nelle inclinazioni e nei vizii, siccome ancora gli altri collegati negl’infami di lui divertimenti, gli andavano di tanto in tanto dicendo: «Come mai soffrite che vi facciano i pedanti in questa età? E voi ve ne mettete suggezione, senza ricordarvi che siete l’imperadore, e che non essi, ma voi sopra d’essi avete potere!» Così imparò egli a sprezzare i consigli de’ buoni, e, voltata strada, si diede ad imitar Caligola, anzi a superarlo; parendogli cosa degna di un imperadore il non esser da meno d’alcuno neppur nelle cose mal fatte. Tuttavia in questi primi anni si andò ritenendo. I suoi erano finora vizii privati, e nocevano a lui solo, e a pochi altri, senza che ne patisse la repubblica. Si videro anche in lui alcuni atti di clemenza, intorno alla qual virtù gli avea Seneca composto e dedicato nell’anno precedente un trattato che ci resta. Ma fin dove il portasse la sua perversa natura, e questo abbandonamento di sè stesso, poco staremo a vederlo.


Note

  1. Tacit., lib. 13, cap.
  2. Dio., lib. 61.