Apri lo sguardo, Alma infelice, e mira

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giovanni Battista Cotta

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Apri lo sguardo, Alma infelice, e mira Intestazione 11 gennaio 2020 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Gio. Battista Cotta


[p. 136 modifica]

XIX


Apri lo sguardo, Alma infelice, e mira;
     Ben’otto lustri il viver nostro la corso,
     L’altre vien dietro, che ne preme il dorso;
     E pur anco si tresca e si delira?
5E tempo omai, che all’indomabil’ira
     Ponga Ragione imperiosa il morso;
     Tempo è che volga a miglior’uso il corso
     Del van piacer, che a lacrimar ne tira,
Andiamo, andiam, non per obliqua e ria
     10Strada de’ vizi, ma ove gir conviene,
     Se pur qualch’anno resta a noi di via.
Non torca il piè dal sommo ultimo Bene;
     Che quanto più dal fine suo travia,
     Tanto è minor dell’arrivar la spene.