Aquilee

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
friulano

Enrico Fruch Oreste Rosso XX secolo A Canti cantastoria Aquilee Intestazione 1 marzo 2008 50% Canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Contadin che tu rompis la tiare di Aquilee,
ferme i bûs un moment:
sot il cjamp che la uarzine 'e are,
sot la man che semene el forment,
tal soreli e ta l'ombre dal nûl,
je une impronte di Rome , la storie, la glorie
dal nestri Friûl

2Barcjarûl che tu vens di Barbane,
Cuant ch'al sune l'antic cjampanîl,
no tu sintis un glon di cjampane,
ma une vôs che ti rive dal cîl,
e l'eterne peraule ti dîs,
una vôs che traviarse la storie
e la glorie
dal nestri paîs

3Pelegrine de ultime uere,
mari sante dal nestri soldât,
che bessole tu jentris la sere
a preâ sot i pins dal sagrât,
scolte, scolte, lajù il rusignûl
che ti puarte cun tante dolcezze
la cjarezze
dal nestri Friûl

4Tal serèn di une clare matine,
e co'e rît la marine là in fonz:
alze i voi, o gjarnazie latine
su che blancje corone di monz,
sul Friûl!
E ten fede a l' idee
che no mûr: a la grande memorie.
E a la glorie
de nestre Aquilee


Traduzione

Contadino che rompi la terra
di Aquileia, ferma per un attimo i buoi:
sotto il campo che il vomere ara,
sotto la mano che semina il frumento,
sotto il sole e l'ombra della nuvola,
vi è un'impronta di Roma e la storia
e la gloria
del nostro Friuli

2Barcarolo, che vieni da Barbana,
quando suona l'antico campanile,
non senti suono di campana,
ma una voce che ti arriva dal cielo,
e ti dice la parola eterna,
una voce che attraversa la storia
e la gloria
del nostro paese

3Pellegrina dell'ultima guerra,
madre santa del nostro soldato,
che sola tu entri la sera
a pregare sotto i pini del sagrato,
ascolta, ascolta quella melodia laggiù
che ti porta con tanta dolcezza
la carezza
del nostro Friuli

4Nel sereno di una chiara mattina,
ecco, ride il mare là in fondo:
alza gli occhi, o gente latina
su quella bianca corona di monti,
sul Friuli!
E tieni fede all' idea che non muore:
alla grande memoria.
E alla gloria
della nostra Aquileia