Archivio Glottologico Italiano, vol. II, 1876/Lagomaggiore, Rime genovesi della fine del secolo XIII e del principio del XIV/LXXVII. De cogitatione in anno novo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LXXVII. De cogitatione in anno novo

../LXXVI. Quando preliaverunt xxxx dies in Janua inter Guerfos et Gibelinos ../LXXVIII. De tardando ad scribendo facta sua IncludiIntestazione 5 marzo 2014 75% Da definire

Lagomaggiore, Rime genovesi della fine del secolo XIII e del principio del XIV - LXXVI. Quando preliaverunt xxxx dies in Janua inter Guerfos et Gibelinos Lagomaggiore, Rime genovesi della fine del secolo XIII e del principio del XIV - LXXVIII. De tardando ad scribendo facta sua
[p. 255 modifica]

LXXVII.
De cogitatione in anno novo (ivi).


Quando e penso in ano novo,
quanto tempo e o falio!
chi in falir son invegio
4e pu peccaor me trovo;

[p. 256 modifica]

per corvime aotri descrovo;
e o lo cor si durao,
che chi tanto son pricao,
8per dir scacho e no me movo;
a li morti vago aprovo
che no vego mai tornar;
quanto e o miso in aquistar
12no me vara pu un ovo.
doncha voio e far controvo
de mi mesmo ben punir;
che chi se vor de mar pentir,
16la pietae de De g e provo.