Assai mi son coverta, amore meo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rustico Filippi

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. I, 1920 – BEIC 1928288.djvu sonetti Assai mi son coverta, amore meo Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Graza e merzé, madonna, a voi mi rendo Gentile ed amorosa ed avvenente
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta I. Rustico Filippi
[p. 29 modifica]

LVI

3 — MADONNA
Gli si chiarisce ardentemente innamorata.

Assai mi son coverta, amore meo:
oi lassa me, piú non posso soffrire;
cotanto forte d’Amor son presa eo,
4ch’io non aggio potenza, omè, di dire!
Ch’io non amo né temo tanto Deo,
quanto te, amoroso e dolze sire;
e vo’ ben che tu sacce e penzi ch’eo
8condotta son per te presso al morire.
E, se con gli ocelli piangi o ti lamente,
e’ son quella, che non trovo riposo
11lo di, ch’io non ti veggio, amor piagente.
E, se due giorni o tre mi stesse ascoso,
io n’anderei piangendo infra la gente,
14cherendo te, meo sir disideroso.