Bramante poeta/XVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Donato Bramante

Sonetto XVI ../XV ../XVII IncludiIntestazione 7 settembre 2016 100% Da definire

XV XVII
[p. 34 modifica]

XVI.



     Messer Gaspare dopuo lunga via
Di Genova, di Nizza, e di Saona
E d'Alba e d'Asti e d'Acqui e di Tortona,
4E di quanti Castelli han signoria,

     Son, Dei Gratia, pur giunto a Pavia
Benchè arrostito son della persona
Ver è ch'in borsa un sol quattrino non suona
8Tanta ell'ha di moneta carestia;

     E 'l mio mantel di ciò fa mille frappe.
Pensa poi quel che fanno i borzacchini
11Che sen van per dispetto a giappe a giappe.

[p. 35 modifica]


     Del caval so che tu te l'indovini
Senza ch'io el dica, ei mostra altro che rappe
14E ha cariche le spalle di rubini:

     Sì che de malandrini
Non so s'io tema, e vo pur là pian piano:
17Dimane, o l'altro, giungerò a Milano.