Bramante poeta/XVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Donato Bramante

Sonetto XVII ../XVI ../XVIII IncludiIntestazione 7 settembre 2016 100% Da definire

XVI XVIII
[p. 36 modifica]

XVII. *



     Quelle mie calze che già vostre furo
Pria ch'a Pavia dicessimo valete,
Tosto convertiranno in una rete
4S'i non provvedo a lor danno futuro.

     Immaginate un fico ben maturo
E tutta la lor forma intenderete,
E gli occhi delle stringhe agguaglierete
8A una merlata rota1 intorno a un muro.

     A chi volesse dir de le calcagna,
De varchi, e de' pedugi e de genocchi
11Converrìa di scrittura una campagna.

[p. 37 modifica]


     E le costure en piene di pedocchi
E pajono un vestito di Lamagna,
14O ver del Duomo le finestre o gli occhi.

     Vuoi che me le ritocchi?
Elle han più buchi che non ha un cribello
17E peggio è ancor ch'io ho voto il borsello.

     So che tu intendi quello
Che dir vorria, senza fartel più chiaro,
20Pur tel dirò: ne vorrei un altro paro.

Note

  1. Rotta.