Bruto Primo (Alfieri, 1946)/Atto quarto

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto quarto

../Atto terzo ../Atto quinto IncludiIntestazione 29 giugno 2020 100% Da definire

Atto terzo Atto quinto

[p. 193 modifica]

ATTO QUARTO

SCENA PRIMA

Littori, Bruto, Soldati.

Bruto Prodi Romani, assai per oggi abbiamo

combattuto per Roma. Ognun fra i suoi,
quanto riman della inoltrata notte,
può ricovrarsi placido. Se ardire
avrá il nemico di rivolger fronte
ver Roma ancor, ci adunerem di nuovo
a respingerlo noi.


SCENA SECONDA

Collatino, Bruto, Littori, Soldati.

Coll.  Ben giungi, o Bruto.

Giá, del tuo non tornare ansio, veniva
io fuor di Roma ad incontrarti.
Bruto  Io tardi
riedo, ma pieno di speranza e gioja.
I miei forti a gran pena entro alle mura
potea ritrarre; in aspra zuffa ardenti
stringeansi addosso ad un regal drappello,
che, al primo aspetto, di valor fea mostra.
Su le regie orme eran d’Ardèa venuti,

[p. 194 modifica]

né il re sapean respinto: al fuggir forse

altra strada ei teneva. A noi fra mani
cadean costoro; e sbaragliati e rotti
eran giá tutti, uccisi in copia, e in fuga
cacciati gli altri, anzi che il sol cadesse.
Dal piú incalzarli poscia i miei rattenni,
per le giá sorte tenebre, a gran stento.
Coll. Nella mia uscita avventurato anch’io
non poco fui. Per altra porta al piano,
il sai, scendeva io primo: a torme a torme,
pressoché tutto lo sbandato nostro
prode esercito, in sorte a me fu dato
d’incontrare; deserte avean l’insegne
in Ardéa del tiranno. Oh! quai di pura
gioja sublime alte feroci grida
mandano al ciel, nell’incontrarsi, i forti
cittadini e soldati!... Entro sue mura,
da me scortati, or gli ha raccolti Roma;
e veglian tutti in sua difesa a gara.
Bruto Scacciato, al certo, come al figlio imposi,
fu il traditor Mamilio. Andiam noi dunque
tutti a breve riposo; assai ben, parmi,
noi cel mercammo. Al sol novello, il foro
ci rivedrá; che d’alte cose a lungo
trattar col popol dessi.
Coll.  — Oh Bruto!... Alquanto
sospendi ancora. — Or, fa in disparte trarsi,
ma in armi stare i tuoi soldati: io deggio
a solo a sol quí favellarti.
Bruto  E quale?...
Coll. L’util di Roma il vuol; ten prego...
Bruto  In armi
all’ingresso del foro, in doppia schiera,
voi, soldati, aspettatemi. — Littori,
scostatevi d’alquanto.
Coll.  — Ah Bruto!... Il sonno,

[p. 195 modifica]

ancorché breve, infra i tuoi Lari, in questa

orribil notte, il cercheresti indarno.
Bruto Che mai mi annunzj?... Oh cielo! onde turbato,
inquíeto, sollecito,... tremante?...
Coll. Tremante, sí, per Bruto io sto; per Roma;
per tutti noi. — Tu questa mane, o Bruto,
alla recente profonda mia piaga,
pietoso tu, porgevi almen ristoro
di speranza e vendetta: ed io (me lasso!)
debbo in premio a te fare, oh ciel!... ben altra
piaga nel core or farti debbo io stesso.
Deh! perché vissi io tanto?... Ahi sventurato
misero padre! or dei da un infelice
orbo marito udirti narrar cosa,
che punta mortalissima nel petto
saratti!... Eppur; né a te tacerla io deggio;...
né indugiartela posso.
Bruto  Oimè!... mi fanno
rabbrividire i detti tuoi... Ma pure
peggior del danno è l’aspettarlo. Narra.
Finora io sempre in servitú vissuto,
per le piú care cose mie son uso
a tremar sempre. Ogni sventura mia,
purché Roma sia libera del tutto,
udir poss’io: favella.
Coll.  In te (pur troppo!)
in te sta il far libera Roma appieno;
ma a tal costo, che quasi... Oh giorno!... Io primo,
a duro prezzo occasíone io diedi
all’alta impresa; a trarla a fine, oh cielo!...
forza è che Bruto a Roma tutta appresti
un inaudito, crudo, orrido esemplo
di spietata fortezza. — Infra i tuoi Lari,
(il crederesti?) in securtá non stai.
Fera, possente, numerosa, bolle
una congiura in Roma.

[p. 196 modifica]

Bruto  Io giá ’l sospetto

n’ebbi, in udir del rio Mamilio i caldi
raggiri; e quindi ordine espresso a fretta,
pria di nona, a Tiberio ebbi spedito,
di farlo uscir tosto di Roma.
Coll.  Il sole
giungea giá quasi d’occidente al balzo,
quand’io quí ancor con i tuoi figli entrambi
ritrovava Mamilio. — Il dirtel duolmi;
ma vero è pur; male obbedito fosti.
Bruto Oh! qual desti in me sdegno a terror misto?...
Coll. Misero Bruto!... Or che sará, quand’io
ti esporrò la congiura?... e quando il nome
dei congiurati udrai?... Primi, fra molti
de’ piú stretti congiunti e amici tuoi,
anima son del tradimento, e parte,
primi i Vitellj stessi...
Bruto  Oimè! i germani
della consorte mia?...
Coll.  Chi sa, se anch’essa
da lor sedotta or contra te non sia?
E,... gli stessi... tuoi figli?...
Bruto  Oh ciel! Che ascolto?
Mi agghiacci il sangue entro ogni vena... I figli
miei, traditori?... Ah! no, nol credo...
Coll.  Oh Bruto!...
Cosí non fosse! — Ed io neppure il volli
creder da prima: agli occhi miei fu poscia
forza (oimè!) ch’io ’l credessi. — È questo un foglio
fatal per noi: leggilo.
Bruto  ... Il cor mi trema.
Che miro io quí? di propria man vergati
nomi su nomi: e son gli Aquilj i primi,
indi i Vitellj tutti; e i Marzj; ed altri;
ed altri; e in fin... Tito! Tiberio!... Ah! basta...
Non piú;... troppo vid’io. — Misero Bruto!...

[p. 197 modifica]

Padre omai piú non sei... — Ma, ancor di Roma

consol non men che cittadin, tu sei. —
Littori, olá, Tito e Tiberio tosto
guidinsi avanti al mio cospetto.
Coll.  Ah! meglio,
meglio era, o Bruto, che morir me solo
lasciassi tu...
Bruto  Ma come in man ti cadde
questo terribil foglio?
Coll.  Io stesso il vidi,
bench’ei ratto il celasse, in mano io ’l vidi
del traditor Mamilio: il feci io quindi
torre a lui nell’espellerlo di Roma.
A fida guardia in tua magion commessi
ebbi intanto i tuoi figli; a ogni altra cosa
ebbi a un tratto provvisto: a vuoto, io spero,
tutti cadranno i tradimenti. In tempo
n’ebbi io l’avviso; e fu pietade al certo
di Giove, somma, che scoperto volle
un sí orribile arcano a me non padre.
Io, palpitando, e piangendo, a te il narro:
ma forza è pur, che te lo sveli io pria,
che in tua magion tu il piede...
Bruto  Altra magione
piú non rimane all’infelice Bruto,
fuorché il foro, e la tomba. — È dover mio,
dar vita a Roma, anzi che a Bruto morte.
Coll. Mi squarci il core. Il tuo dolor mi toglie
quasi il senso del mio... Ma, chi sa?... forse,
scolpar si ponno i figli tuoi... Gli udrai...
Io, fuorché a te, né pur parola ho fatto
finor della congiura: ogni piú saldo
mezzo adoprai, per impedir soltanto
ch’uom non si muova in questa notte: all’alba
convocato ho nel foro il popol tutto...
Bruto E il popol tutto, alla sorgente aurora,

[p. 198 modifica]

il vero appien, qual ch’esser possa, e il solo

vero saprá, per bocca mia.
Coll.  Giá i passi
dei giovinetti miseri...
Bruto  I miei figli!...
Tali stamane io li credea; nemici
or mi son fatti, e traditori a Roma?...


SCENA TERZA

Tito, Tiberio fra littori, Bruto, Collatino.

Bruto In disparte ognun traggasi: voi soli

inoltratevi.
Tito  Ah padre!...
Bruto  Il consol io
di Roma sono. — Io chieggo a voi, se siete
cittadini di Roma.
Tiberio  Il siamo; e figli
ancor di Bruto...
Tito  E il proverem, se udirci
il consol degna.
Coll.  Ai loro detti, agli atti,
sento il cor lacerarmi.
Bruto  — Un foglio è questo,
che ai proscritti Tarquinj riportava
il reo Mamilio. Oltre molti altri, i vostri
nomi vi stan, di vostro proprio pugno.
Voi, traditori della patria dunque
siete, non piú di Bruto figli omai;
figli voi de’ tiranni infami siete.
Tito Vero è (pur troppo!) ivi sott’altri molti
illustri nomi, il mio v’aggiunsi io primo;
e, strascinato dal mio esempio poscia,
firmò il fratello. Ei non è reo: la pena,
sia qual si vuol, soltanto a me si debbe.

[p. 199 modifica]

Mi sconsigliava ei sempre...

Tiberio  Eppur, non seppi
io mai proporti altro consiglio: e d’uopo
salvar pur n’era il giá tradito padre,
ad ogni costo. Al falso il ver commisto
avea sí ben Mamilio, che noi presi
dall’arti sue, da tutti abbandonato
credendo il padre, a lui tradir noi stessi
sforzati, noi, dal troppo amarlo fummo.
Ah! se delitto è il nostro, al par siam degni
noi d’ogni grave pena: ma la sola
che noi temiamo, e che insoffribil fora,
(l’odio paterno) il ciel ne attesto, e giuro,
che niun di noi la merta.
Bruto  Oh rabbia! e in seggio
riporre il re, voi, con quest’altri infami,
pur prometteste?
Tito  Io, col firmar, sperava
render Tarquinio a te piú mite...
Bruto  A Bruto?
Mite a Bruto Tarquinio? — E s’anco il fosse;
perfido tu, tradir la patria mai
dovevi tu per me? Voi forse, or dianzi,
voi non giuraste morir meco entrambi,
pria ch’a niun re mai piú sopporci noi?
Tito Nol niego io, no...
Bruto  Spergiuri sete or dunque,
e traditori... In questo foglio a un tempo
firmato avete il morir vostro;... e il mio!...
Tiberio Tu piangi, o padre?... Ah! se del padre il pianto,
sovra il ciglio del giudice severo,
attesta almen, che noi del tutto indegni
di tua pietá non siam, per Roma lieti
morremo noi.
Tito  Ma, benché reo, non era
né vil, né iniquo Tito...

[p. 200 modifica]

Bruto  Oh figli! oh figli!...

— Che dico io figli? il disonor mio primo
voi siete, e il solo. Una sprezzabil vita,
voi, voi serbarla al padre vostro, a costo
della sua gloria e libertá? ridurmi
a doppiamente viver con voi servo,
allor che stava in vostra man di andarne
liberi meco a generosa morte?
E, a trarre a fin sí sozza impresa, farvi
della patria nascente traditori?
Sordi all’onor, spergiuri ai Numi? — E s’anco
foss’io pur stato oggi da Roma intera
tradito; e s’anco, a esempio vostro, io sceso
fossi a implorar clemenza dal tiranno;
ahi stolti voi! piú ancor che iniqui, stolti!
creder poteste mai, che in cor d’espulso
vile tiranno, altro allignar potesse,
che fera sete di vendetta e sangue?
A morte certa, e lunga, e obbrobríosa,
voi, per salvarlo, or serbavate il padre.
Tito Timor, nol niego, in legger tanti e tanti
possenti nomi entro quel foglio, il petto
invaso mi ebbe, ed impossibil femmi
l’alta impresa parere. Io giá, non lieve,
e per se dubbia, e perigliosa (il sai)
la credea; benché in cor brama ne avessi.
Quindi, in veder cangiarsi affatto poscia
in sí brev’ora il tutto, e al re tornarne
i cittadini, ed i piú illustri, in folla;
tremai per Roma, ove gran sangue, e invano,
scorrer dovrebbe, e il tuo primiero. Aggiunti
i nomi nostri a quei tanti altri, in cuore
nasceami speme, che per noi sottratto
dalla regia vendetta cosí fora
il padre almeno: e in larghi detti, astuto
Mamilio, a noi ciò promettea.

[p. 201 modifica]

Bruto  Che festi?

Che festi? oh cielo! — Ah! cittadin di Roma
non eri tu in quel punto; poiché Roma
per me tradivi... Né figliuol di Bruto
eri tu allor, poiché il suo onor vendevi
al prezzo infame dei comuni ceppi.
Tiberio Il tuo giusto furor, deh! padre, in lui
non volger solo; al par lo merto anch’io.
Per te, il confesso, anch’io tremai; piú amato
da noi fu il padre, che la patria nostra:
sí, padre, il nostro unico error fu questo.
Coll. Ahi giovinetti miseri!... Oh infelice
padre!...
Bruto  Ah! pur troppo voi di Bruto foste,
piú che di Roma, figli! In rio servaggio
voi nati, ad ingannarvi io pur costretto
dai duri nostri tempi, a forti ed alti
liberi sensi io non potea nudrirvi,
qual debbe un padre cittadino... O figli,
del vostro errar cagion non altra io cerco.
Me, me ne incolpo, ed il servir mio prisco,
e il mio tacere; e, ancorché finto, il mio
stesso tremar, che a tremare insegnovvi.
Ah! non è muta entro al mio cor pietade;...
ma, in suon piú fero, mi grida tremenda
giustizia; e a dritto or la pretende Roma. —
Figli miei, figli amati, io son piú assai
infelice di voi... Deh! poiché a vostra
scelta era pure o il tradir Roma, o a morte
sottrarre il padre; oh ciel! perché scordarvi,
che a sottrar Bruto dall’infamia (sola,
vera sua morte) a lui bastava un ferro?
Ed ei lo aveva; ed il sapean suoi figli:
tremar potean mai quindi essi pel padre?
Coll. Deh! per ora il dolore e l’ira alquanto
acqueta, o Bruto: ancor, chi sa?... salvarli
forse...

[p. 202 modifica]

Tito  Ah! salvarmi or si vorrebbe indarno:

non io piú omai viver potrei; perduta
ho dell’amato genitor la stima,
e l’amor, forse... Ah! non fia mai, ch’io viva.
Ma il tristo esemplo mio bensí discolpi
l’innocente minor fratello; ei salvo...
Tiberio Orrido è molto il nostro fallo, o padre;
ma pari egli è; giusto non sei, se pari
non ne dai pena. Il tutelar celeste
Genio di Roma espressamente or forse
volea, che base a libertá perenne
fosse il severo esempio nostro.
Bruto  Oh figli!...
Deh! per or basti... Il vostro egregio e vero
pentimento sublime, a brani a brani
lo cuor mi squarcia.. Ancor, pur troppo! io sono,
piú che console, padre... Entro ogni vena
scorrer mi sento orrido un gelo... Ah! tutto,
tutto il mio sangue per la patria sparso
sará fra poco... A far rinascer Roma,
l’ultimo sangue or necessario, è il mio:
pur ch’io liberi Roma, a voi, né un solo
giorno, o miei figli, io sopravviver giuro. —
Ch’io per l’ultima volta al sen vi stringa,
amati figli;... ancora il posso... Il pianto...
dir piú omai... non mi lascia... Addio,... miei figli. —
Consol di Roma, ecco a te rendo io ’l foglio.
Sacro dovere al dí novel t’impone
di appresentarlo a Roma tutta. I rei
stanno affidati alla tua guardia intanto.
Teco nel foro al sorger dell’aurora
anch’io verronne. — Or, sostener piú a lungo,
no, piú non posso cosí fera vista.

[p. 203 modifica]


SCENA QUARTA

Collatino, Tito, Tiberio, Littori.

Coll. Necessitá fatal.

Tito  Misero padre!...
Tiberio Purché salva sia Roma!...
Coll.  Ognun me segua.