Canti del Friuli/Primavera udinese

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Primavera udinese

../Irene di Spilimbergo ../Tra le rovine di Aquileia IncludiIntestazione 7 aprile 2011 100% Da definire

Irene di Spilimbergo Tra le rovine di Aquileia
[p. 77 modifica]
Canti del Friuli 0088-1.jpg



Quando ride primavera nell’azzurro,
quando scherza tra le fronde giovinette
l’aura tiepida d’aprile,
4dal Castello d’Udine

s’apre, tutta di bagliori circonfusa,
la montagna, e sembra il piano un gran lago
di verzura, seminato
8di isole fantastiche;

un giardino di smeraldo, dove in fiore
peschi e mandorli sorridono all’incanto
dell’eterno incantatore,
12al buon sole italico.

Ed ancora pei tortuosi sentieriuoli
galeotti forse va, come Dianora
giva un tempo, silenziosa
16tra le amiche garrule,

[p. 78 modifica]


qualche bella, cui susurra, birichina
come un tempo, l’aura: scegliere conviene
tra il focoso innamorato
20e il marito placido.




Canti del Friuli 0089.jpg


[p. 79 modifica]Nota. — Madonna Bianora. Decamerone Giornata 10.a Novella 5.a