Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Giunto m'à Amor fra belle et crude braccia

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giunto m'à Amor fra belle et crude braccia

../Piú volte già dal bel sembiante humano ../O Invidia nimica di vertute IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Giunto m'à Amor fra belle et crude braccia
Piú volte già dal bel sembiante humano O Invidia nimica di vertute

 
Giunto m’à Amor fra belle et crude braccia,
che m’ancidono a torto; et s’io mi doglio,
doppia ’l martir; onde pur, com’io soglio,
il meglio è ch’io mi mora amando, et taccia:

5ché poria questa il Ren qualor piú agghiaccia
arder con gli occhi, et rompre ogni aspro scoglio;
et à sí egual a le bellezze orgoglio,
che di piacer altrui par che le spiaccia.

Nulla posso levar io per mi’ ’ngegno
10del bel diamante, ond’ell’à il cor sí duro;
l’altro è d’un marmo che si mova et spiri:

ned ella a me per tutto ’l suo disdegno
torrà già mai, né per sembiante oscuro,
le mie speranze, e i miei dolci sospiri.