Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Onde tolse Amor l'oro, et di qual vena

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Onde tolse Amor l'oro, et di qual vena

../Il cantar novo e 'l pianger delli augelli ../Qual mio destìn, qual forza o qual inganno IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Il cantar novo e 'l pianger delli augelli Qual mio destìn, qual forza o qual inganno

 
Onde tolse Amor l’oro, et di qual vena,
per far due trecce bionde? e ’n quali spine
colse le rose, e ’n qual piaggia le brine
tenere et fresche, et die’ lor polso et lena?

5onde le perle, in ch’ei frange et affrena
dolci parole, honeste et pellegrine?
onde tante bellezze, et sí divine,
di quella fronte, piú che ’l ciel serena?

Da quali angeli mosse, et di qual spera,
10quel celeste cantar che mi disface
sí che m’avanza omai da disfar poco?

Di qual sol nacque l’alma luce altera
di que’ belli occhi ond’io ò guerra et pace,
che mi cuocono il cor in ghiaccio e ’n fuoco?