Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Perch'io t'abbia guardato di menzogna

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Perch'io t'abbia guardato di menzogna

../Se mai foco per foco non si spense ../Ne la stagion che 'l ciel rapido inchina IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Se mai foco per foco non si spense Ne la stagion che 'l ciel rapido inchina

 
Perch’io t’abbia guardato di menzogna
a mio podere et honorato assai,
ingrata lingua, già però non m’ài
renduto honor, ma facto ira et vergogna:

5ché quando piú ’l tuo aiuto mi bisogna
per dimandar mercede, allor ti stai
sempre piú fredda, et se parole fai,
son imperfecte, et quasi d’uom che sogna.

Lagrime triste, et voi tutte le notti
10m’accompagnate, ov’io vorrei star solo,
poi fuggite dinanzi a la mia pace;

et voi sí pronti a darmi angoscia et duolo,
sospiri, allor traete lenti et rotti:
sola la vista mia del cor non tace.