Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Se 'l pensier che mi strugge

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Se 'l pensier che mi strugge

../Amor, Fortuna et la mia mente, schiva ../Chiare, fresche et dolci acque IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Amor, Fortuna et la mia mente, schiva Chiare, fresche et dolci acque

 
Se ’l pensier che mi strugge,
com’è pungente et saldo,
cosí vestisse d’un color conforme,
forse tal m’arde et fugge,
5ch’avria parte del caldo,
et desteriasi Amor là dov’or dorme;
men solitarie l’orme
fôran de’ miei pie’ lassi
per campagne et per colli,
10men gli occhi ad ognor molli,
ardendo lei che come un ghiaccio stassi,
et non lascia in me dramma
che non sia foco et fiamma.

Però ch’Amor mi sforza
15et di saver mi spoglia,
parlo in rime aspre, et di dolcezza ignude:
ma non sempre a la scorza
ramo, né in fior, né ’n foglia
mostra di for sua natural vertude.
20Miri ciò che ’l cor chiude
Amor et que’ begli occhi,
ove si siede a l’ombra.
Se ’l dolor che si sgombra
aven che ’n pianto o in lamentar trabocchi,
25l’un a me nòce et l’altro
altrui, ch’io non lo scaltro.

Dolci rime leggiadre
che nel primiero assalto
d’Amor usai, quand’io non ebbi altr’arme,
30chi verrà mai che squadre
questo mio cor di smalto
ch’almen com’io solea possa sfogarme?
Ch’aver dentro a lui parme
un che madonna sempre
35depinge et de lei parla:
a voler poi ritrarla
per me non basto, et par ch’io me ne stempre.
Lasso, cosí m’è scorso
lo mio dolce soccorso.

40Come fanciul ch’a pena
volge la lingua et snoda,
che dir non sa, ma ’l piú tacer gli è noia,
così ’l desir mi mena
a dire, et vo’ che m’oda
45la dolce mia nemica anzi ch’io moia.
Se forse ogni sua gioia
nel suo bel viso è solo,
et di tutt’altro è schiva,
odil tu, verde riva,
50e presta a’ miei sospir’ sí largo volo,
che sempre si ridica
come tu m’eri amica.

Ben sai che sí bel piede
non tocchò terra unquancho
55come quel dí che già segnata fosti;
onde ’l cor lasso riede
col tormentoso fiancho
a partir teco i lor pensier’ nascosti.
Cosí avestú riposti
60de’ be’ vestigi sparsi
anchor tra’ fiori et l’erba,
che la mia vita acerba,
lagrimando, trovasse ove acquetarsi!
Ma come pò s’appaga
65l’alma dubbiosa et vaga.

Ovunque gli occhi volgo
trovo un dolce sereno
pensando: Qui percosse il vago lume.
Qualunque herba o fior colgo
70credo che nel terreno
aggia radice, ov’ella ebbe in costume
gir fra le piagge e ’l fiume,
et talor farsi un seggio
fresco, fiorito et verde.
75Cosí nulla se ’n perde,
et piú certezza averne fôra il peggio.
Spirto beato, quale
se’, quando altrui fai tale?

O poverella mia, come se’ rozza!
80Credo che tel conoschi:
rimanti in questi boschi.