Catechismo Maggiore/Catechismo/Parte quinta/Esercizi

Da Wikisource.
Parte quinta

Degli esercizi divoti che si consigliano al cristiano per ogni giorno

../Novissimi ../../../Feste/Parte prima IncludiIntestazione 8 luglio 2013 75% Cristianesimo

Parte quinta

Degli esercizi divoti che si consigliano al cristiano per ogni giorno
Catechismo - Novissimi Feste - Parte prima

972. Che cosa deve fare un buon cristiano la mattina subito svegliato?

Un buon cristiano, la mattina appena svegliato, deve fare il segno della santa Croce ed offrire il cuore a Dio, dicendo queste o altre simili parole: Mio Dio, io vi dono il mio cuore e l’anima mia.

973. A che cosa si dovrebbe pensare levandosi dal letto e vestendosi?

Levandosi dal letto e vestendosi, si dovrebbe pensare che Dio è presente, che quel giorno può esser l’ultimo della nostra vita; e levarsi e vestirsi con ogni possibile modestia.

974. Levato e vestito, che cosa deve fare un buon cristiano?

Un buon cristiano, appena levato e vestito, deve mettersi alla presenza di Dio, e inginocchiarsi, se può, innanzi a qualche divota immagine, dicendo con divozione:

Vi adoro, mio Dio, e vi amo con tutto il cuore;

vi ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa notte;

vi offerisco tutte le mie azioni, e vi prego di preservarmi in questo giorno dal peccato, e di liberarmi da ogni male. Così sia.

Reciti quindi il Pater Noster, l’Ave Maria, il Credo e gli atti di Fede, di Speranza e di Carità, accompagnandoli con vivo affetto del cuore.

975. Quali pratiche di pietà dovrebbe ogni giorno compiere il cristiano?

Il cristiano, potendolo, dovrebbe ogni giorno:

  1. assistere con divozione alla santa Messa;
  2. fare una visita, anche brevissima, al SS. Sacramento;
  3. recitare la terza parte del santo Rosario.

976. Che cosa si deve fare prima di lavorare?

Prima di lavorare, si deve offrire il lavoro a Dio, dicendo di cuore: Signore vi offerisco questo lavoro: datemi la vostra benedizione.

977. Per qual fine si deve lavorare?

Si deve lavorare per la gloria di Dio e per fare la sua volontà.

978. Che cosa convien fare prima di prender cibo?

Prima di prender cibo, stando in piedi, conviene fare il segno della santa Croce e poi dire con divozione: Signore Iddio, date la vostra benedizione a noi e al cibo che ora prenderemo per mantenerci nel vostro servizio.

979. Avendo finito di prender cibo, che cosa convien fare?

Finito di prender cibo convien fare il segno della santa Croce, e dire: Signore vi ringrazio del cibo che mi avete dato; fatemi degno di partecipare alla mensa celeste.

980. Quando uno si accorge di qualche tentazione che cosa dovrebbe fare?

Quando uno si accorge di qualche tentazione dovrebbe invocare con fede il SS. Nome di Gesù , o di Maria , o dire fervorosamente qualche giaculatoria, come p. e. «datemi grazia, o Signore, che non vi offenda giammai», oppure fare il segno della Croce; evitando però che da segni esterni si accorgano gli altri delle sue tentazioni.

981. Quando uno conosce o dubita d’aver commesso qualche peccato, che cosa deve fare?

Quando alcuno conosce o dubita d’aver peccato, deve fare subito un atto di contrizione, e procurare di confessarsene al più presto.

982. Quando, fuori di chiesa, si sente il segno dell’elevazione dell’ostia alla Messa solenne, o della benedizione del SS. Sacramento, che cosa si deve fare?

Si deve fare, almeno col cuore, un atto di adorazione dicendo p. e.: «Sia lodato e ringraziato ogni momento il Santissimo e divinissimo Sacramento».

983. Che cosa si deve dire quando suona l’Ave Maria, all’alba, al mezzodì e alla sera?

Al suono dell’Ave Maria, il buon cristiano recita l’Angelus Domini, con tre volte l’Ave Maria.

984. La sera, prima di andare a riposo che cosa convien fare?

La sera prima del riposo, convien mettersi, come al mattino, alla presenza di Dio, recitare divotamente le stesse orazioni, fare un breve esame di coscienza e domandare perdono a Dio dei peccati commessi nella giornata.

985. Che cosa farete prima di addormentarvi?

Prima di addormentarmi farò il segno della santa Croce, penserò che posso morire in quella notte, e darò il cuore a Dio, dicendo: «Signore e Dio mio, io vi dono tutto il mio cuore; Santissima Trinità, datemi grazia di ben vivere e di ben morire; Gesù, Giuseppe e Maria, io raccomando a voi l’anima mia».

986. Oltre alle orazioni della mattina e della sera, in quale altra maniera si può ricorrere a Dio nel corso della giornata?

Nel corso della giornata si può pregare Iddio frequentemente con altre brevi orazioni che si chiamano giaculatorie.

987. Dite qualche giaculatoria.

  • Signore aiutatemi
  • Signore sia fatta la vostra santissima volontà
  • Gesù mio, io voglio essere tutto vostro
  • Gesù mio, misericordia
  • Dolce Cuor del mio Gesù, fa ch’io t’ami sempre più.

988. È utile dire durante il giorno molte giaculatorie?

È cosa utilissima dire durante il giorno molte orazioni giaculatorie, e si possono dire anche col cuore senza proferir parola, camminando, lavorando, ecc.

989. Oltre alle orazioni giaculatorie, in quale altra cosa si dovrebbe esercitare sovente il cristiano?

Oltreché nelle orazioni giaculatorie il cristiano si dovrebbe esercitare nella cristiana mortificazione.

990. Che cosa vuol dire mortificarsi?

Mortificarsi, vuoi dire lasciare, per amore di Dio, quello che piace, ed accettare quello che dispiace secondo i sensi, o l’amor proprio.

991. Quando si porta il Santissimo Sacramento ad un infermo, che cosa si deve fare?

Quando si porta il SS.mo Sacramento a qualche infermo, si deve procurare, potendo, di accompagnarlo con modestia e raccoglimento; e se non si può, fare un atto di adorazione in qualunque luogo uno si trovi, e poi dire: «Consolate, o Signore, questo infermo, e dategli grazia di uniformarsi alla vostra santissima volontà e di conseguire la sua salute».

992. Sentendo suonare l’agonia di qualche moribondo, che cosa farete?

Sentendo suonare l’agonia di un moribondo, mi porterò, potendo, alla Chiesa a pregare per lui, e non potendo, raccomanderò al Signore l’anima sua, pensando che fra breve tempo avrò da trovarmi io pure in questo stato.

993. Sentendo il segno della morte di qualcheduno, che cosa farete?

Sentendo il segno della morte di qualcheduno, procurerò di dire un De profundis o un Requiem per l’anima di quel defunto, e rinnoverò il pensiero della morte.