Cecco, io ti prego per virtù di quella

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Cino da Pistoia

XIV secolo C Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu sonetti Letteratura Cecco, io ti prego per virtù di quella Intestazione 30 luglio 2016 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime (Cino da Pistoia)


[p. 105 modifica]


     Cecco, io ti prego per virtù di quella
Ch’è della mente tua pennello e guida,
Che tu scorra per me di stella in stella
Nell’alto ciel, seguendo la più fida :
     E di’ chi m’assecura e chi mi sfida5
E qual per me è laïda e qual bella,
Perchè rimedio la mia vita grida
(E so da tal giudizio non s’appella);
     E se m’è buon di gire a quella pietra
Dov’è fondato il gran tempio di Giove10
O star lungo ’l bel Fiore o gire altrove,
     O se cessar della tempesta tetra
Che sopra ’l genital mio terren piove.
Dimmelo, o Tolomeo che ’l vero trove.