Chi la fa l’aspetta/Atto II

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto II

../Atto I ../Atto III IncludiIntestazione 7 agosto 2019 25% Da definire

Atto I Atto III
[p. 415 modifica]

ATTO SECONDO.

SCENA PRIMA.

La stessa camera col tavolino medesimo.

LissANDRo solo, poi Giovani d’osteria.

Lissandro. (Apre colla chiave la porta solila della scala, ed entra e) chiude) Oh bella! oh bella da galantomo! Chi mai se podeva immaginar una cossa simile! Me vien in mente de far una chiassada per rider de sior Zanetto, e trovo che sior Bortolo xe innamora dasseno O de siora Cattina, che le buccole che ha compra siora Cecilia le xe destinade per eia, e che sior Bortolo voi vegnir anca elo a disnar. La cossa se fa seria, e squasi me despiase d’averme impegna. Ma ghe son, e no gh è più remedio. El disnar xe ordenà, xe invida sior Raimondo... (1) Da vero. [p. 416 modifica] No gh’ è più remedio ; lassemo correr. La sarà co la sarà. Semo de carneval. Se divertiremo alle spalle de quel caia de sior Gasparo. Son contento almanco, che m’ho assicura che el xe a disnar da sior Bernardin, e che so muggier xe da so mare. Ch’aveva i mii reverenti dubbi, ma adesso posso star col cuor quieto. Spero che i ne lasserà disnar con tutte le nostre comodità. El se la merita sto legna (’^, el se la merita.) Se vede ch’el l’ ha fatto per avarizia. Gierelo impegna ? bon viazo ; el doveva, el giera in obligo de mandar a chiamar so muggier. (si sente a batlere) I batte ; chi è ? Vedemo. (apre) (Tre o quattro Qarzoni carichi di roba.)

Lissandro. Oh bravi ! Ande là, andè in cusina, mette la roba in calda. Che xe del fogo, ghe xe dei fornelli, ghe xe carbon. Parecchie la tola ^^^ in tinello. Oe Menego, (verso l’appartamento) varda sti putti; dighe quel che i ha da far. E co vorremo che mette su i risi (a), ve aviseremo.

Garzoni. (Dicono di sì di tutto, ed entrano nell’appartamento.)

Lissandro. Andare anca mi a dar un’occhiada in cusina, perchè me preme che sior Gasparo se fazza onor. Ma gh’ho sta roba in scarsella... la me intriga, e no vorave perder qualcossa. (tira) fuori i suoi scrignetti) Se savesse dove metterli... qua, qua ; li logherò (^^ in sta cassella. (// mette nella casselletta del tavolino) No vorave desmentegarmeli... Oh diavolo ! pussibile che sia cussi storno (’’’! me li ricorderò. I batte. (va ad aprire)

SCENA II.

Raimondo (i). Cattina e detto.

Lissandro. Patroni, ben venuti, che le resta servide.

Raimondo. Oh el mi car sgnor (^) Lissandro, bon dì a vossignori.

Lissandro. Bravo, sior Raimondo, brava, siora Cattina, cussi me (a) Metter su i risi, eroe mettere a cuocere il riso, minestra ordinaria e comune de’ Veneziani, (i) T^aimondo parla bolognese. (I) Avaro tignoso. (2) Preparale la tavola. (3) Logar, collocare. (4) Qui significa sbadato e stufiiJo. (5) Ne!!’ ed. Zatta è stampato signor. [p. 417 modifica] piase. No ghe posso dir quanta soddisfazion che gh’averà sior Gasparo e siora Tonina,,.

Cattina. Dove xela? LiSS ANDRO. Ghe dirò...

Raimondo. Dov’el el sior Gaspar ? Dov’el el mi car amigon ?

Lissandro. Ghe dirò. Sior Gasparo e siora Tonina i xe andai tutti do fora de casa per un interesse de gran premura, ma a momenti i sarà qua, e i m’ ha lassa mi a posta per rice- verle, e domandarghe scusa, e farghe compagnia fin che i vien. Le se comoda, le resta servide. (porta due sedie)

Cattina. Starali un pezzo a vegnir ? (siedono)

Lissandro. No i doverave tardar.

Cattina. Sarà debotto vint’ore.

Lissandro. No crederia gnancora.

Raimondo. (Quarda il suo orologio) Disnov’ e mezza.

Lissandro. Eh via, via, no gh’ è mal.

Cattina. Xe che nualtri semo avezzi a disnar tanto a bonora.

Lissandro. Gh’ala appetito, siora Cattina ?

Cattina. Ve dirò, me son levada un pochetto tardi ; tra vestirme, conzarme ^^\ e tra la pressa de vegnir via, no gh’ ho gnancora marendà stamattina.

Lissandro. Oe, se i starà un pezzo a vegnir, co sarà all’ordine, andaremo a tola senza de lori.

Raimondo. Mo sgnor no, da bon, ch’ an’ s’ ha (^) d’ andar a tavla s’ in vien.

Lissandro. (Oh se ghe anderemo senza de lori !) (da se) Perchè no xela vegnua in mascara, siora Cattina ?

Cattina. Oh, perchè in maschera ! Semo vegnui in barca. Son vegnua cussi come che stago per casa. Za co siora Tonina no gh’ ho suggizion.

Lissandro. Gossa disela ? Per diana, la xe pulita, che no se poi far de più. No ghe manca gnente.

Raimondo. L’ am fa (’’) da rider mi fiola. (riderìdo) (I) Acconciarmi: si dice per lo più dei cappelli. V. voi. XVIII, p. 310, n. I ecc. (2) Neir ed. Zalta è slampato cA’ n’s’ Aa ecc. (3) Nell’ed. Z!atla è slampalo /.a me /a ecc. // [p. 418 modifica]

Lissandro. Per cossa ?

Cattina. Cossa ghe fazzo <’) da rider ?

Raimondo. L’ ha chiappa anch’ Il sta bell’usanza. L’ ha semper el mattezz de dir che l’ è vestida come che la va per cà.

Cattina. Oh vardè che gran cosse! Gessa xelo sto strazze de abito?

Raimondo. Ah ! cossa disiv ^^^ ! la ghe dis un strazz ! (a LissanJro)

Lissandro. No, no, siora Cattina. L’assicuro che la xe vestia pulitissimo. El xe un abitin de bon gusto.

Cattina. Ve piaselo ? (guardandosi ed accomodandosi)

Lissandro. El me piase infinitamente.

Cattina. Me l’ ho scielto mi sto raso. (come sopra)

Lissandro. Brava, pulito (^l)

Raimondo. Quant credi mo ch’el gh’ durerà ? (a Lissandro)

Cattina. Oh che songio una strapazzona ("’) ?

Raimondo. Ancù, per esempi, a n’ jera sta necessità da metterà st’abitin per vgnir a disnar con d’ i amigh de confidenza.

Cattina. Mo za, elo el vorave sempre che andasse co fa una massèra ^^\

Lissandro. Eh ancuo no l’ ha fatto mal a vestirse, perchè a disnar ghe sarà qualchedun. (a T^aimondo)

Raimondo. Gmod ? Ai sarà dia zent a disnar ? Mo ne m’ avi (^) miga dit sta cossa.

Cattina. (El gh’ ha paura che la zente i me magna). (da sè)

Lissandro. No gh’ha miga da esser un gran invido. La vederà, la vederà, no la se toga suggizion.

Raimondo. Mo s’ a saveva csì an’ i vgniva miga, vedi. An vui ch’ i diga che la mi fiola...

Lissandro. La me perdona, sior Raimondo, la l’ ha pur menada giersera al festin.

Raimondo. L’ è veira, ma li è sta mi cugnà ch’ m’ ha fatt sta bassetta ^^\ La n’ ha invida a magnar una turta a la bulgnes ; (I) Nell’ed. Zalta è stampato per errore faccio. (2) Nell’ed. Zatta disia. (3) Bene, proprio bene, ben adatto. V. voi. XVI, p. 113, n. 2 ecc. (4) Sciupona, trascurata. (5) Come una serva. (6) Cosi il testo dello Zatta. Forse è da correggere : Mo an m’ avi ecc. (7) Significa scherzo, tiro. [p. 419 modifica] mi a credeva ch’ an’ i fuss nissun, e a poc a la volta, a du, a tri, a quatter s’ ha imperni la cà, e i ha fatt una festa da bai.

Cattina. Oh la varda che gran cosse ! no gh’ ho m2Ù un fià (a) de divertimento.

Raimondo. E chi eni sta zent, ch’ha da vgnirO a disnar? (aLissandro)

Lissandro. No la se indubita gnente. Tutta zente propria, civil ; tutti mario e muggier. La vederà do zoveni tutti do maridai, e i vegnirà tutti do colle so muggier.

Raimondo. Oh quand l’è cussi, a n’i è mal.

Cattina. Mo una gran cossa de elo che el voi sempre pensar al mal. (a Raimondo)

Raimondo. Eh fraschetta veh ! At cgnoss.

Cattina. (El me fa una rabbia !) (da sè)

Raimondo. E chi eni mo ? Se poi saver ? (a Lissandro)

Lissandro. Do mercanti de rango, de considerazion. La vede ben : sior Gasparo fa el senser...

Raimondo. Eh sior Gaspar, el so mi, l’è un om de giudizi, el fa ben i fatt so. Cossa ghe disni (i) a sti do mercanti ?

Lissandro. Uno xe un certo sior Zanetto Bigolini...

Raimondo. Quel matt !

Lissandro. El xe matto, ma el gh’ ha dei bezzi, e del credito, e dei magazzeni.

Cattina. Quel scempio xe maridà? (a Lissandro)

Lissandro. La vederà so muggier. (a Cattino)

Cattina. Oh che te pustu (t)! Ghi mai xela quella matta che r ha tolto ?

Lissandro. Per i bezzi, fia mia, per i bezzi.

Cattina. (Vardè che sporco (-) ! e giersera el me vegniva a far el grazioso ! Manco mal ch’el me fava stomcgo, e che no gh ho bada). (da sè) (a) Un poco. (b) Cossa disni, cioè come si chiamano. (e) Maniera ha’sa, che significa ammirazione, come se si dicesse : Oh che ti possa romper il collo, e cose simili. (I) Eld. Zatta : zente e vegnir. (2) Qui significa poco di l^uono, insolente, temerario: V. Boerio. [p. 420 modifica]

Raimondo. E quel alter chi el?

Lissandro. Un certo sior Bortolo Parigini.

Cattina. (Sior Bortoletto !) (da sè, con allegrezza)

Raimondo. Sior Bortel Parisin? Al cgnossC), ma n’ho miga mai savù ch’ai sippia maridà.

Lissandro. Sior sì, el vegnirà anca elo co so muggier.

Cattina. (Oh poveretta mi ! Anca elo xe maridà ? Gran busiari) che xe sii omeni). (da sè, afflitta)

Raimondo. A i ò piacer ch’ i sippia el sior Bortel. El cgnoss cussi de vista : so ch’ el fa d’ i bon negozj, ò piaser de far amizizia con lu.

Cattina. Sior padre.

Raimondo. Goss i è?

Cattina. Vedo che sior Gasparo e siora Tonina no vien mai. Ancuo i gh’ averà da far, sarave meggio che tornessimo a casa. Vegniremo più tosto un altro zorno.

Lissandro. Oh cossa disela, siora Cattina ?

Raimondo. Via, via, avi pazinzia.

Cattina. E pò con tutta sta zente la sa che mi non son usa...

Raimondo. Quand a i è de l’alter donne... Quand n’ i è che mari e mujer...

Cattina. In verità me sento una certa cossa. Par che me vegna mal. Andemo via, caro elo.

Lissandro. Vorla una scuela ^^^ de brodo ?

Cattina. Sior no, sior no. Grazie.

Raimondo. Se vulì che andemen, anden.

Lissandro. Garo sior Raimondo, cossa vorla mai che diga sior Gasparo e siora Tonina ? La ghe vorria far sto affronto ?

Raimondo. L’ è veira ; (^) vi (o), la mi fìola, avi pazinzia.

Lissandro. La compatisso, poveretta, xe tardi. Gossa diavolo fali, che no i se destriga (’^^ ? Farò cussi, so dove che i xe, i xe) (a) Via animo. (1) Nell"ed. Zatta: cognoss. (2) Scodella. (3) Lo Zaita stampa : l’i veira vi a, la mìa fiala ecc. Ho qui aggiunto, per chiarire il senso, un punto e virgola, come fece il Cameroni nell’ed. citala. (4) Che non si spicciano ? [p. 421 modifica] poco lontani. Tanto che vien sti altri, andeiò a chiamarli, i vegnirà subito. No la s’ indubita gnente. Se vien sti signori, la prego de riverirli ella, (a Tlaimondo) Vago e vegno in t’un salto. A bon riverirle. (Anderò a veder cossa che i fa in) CUSina). (Ja sè, e oa per andare all’apparlarrìenlo)

Raimondo. Dov’andevO per de là? (a Lissandro)

Lissandro. Eh se va fora anca per de qua. La se scurta ^^\ (parte)

SCENA III.

Raimondo e Cattina.

Raimondo. Ah sì, el me là ditt sior Gaspar, che i è do port int la so cà.

Cattina. (No credeva mai che sior Bortolo fusse maridà !) (da sè)

Raimondo. Anim, anim, alligher (a).

Cattina. Ghe digo che me sento poco ben.

Raimondo. Ti averà tropp striccà el bust. Vot che te delazza O ?

Cattina. El varda se son mola ’-^\

Raimondo. Vot magnar qualcossa ? Cattina, Oh me xe passa la fame.

Raimondo. L’ è el patiment, l’ è el stomegh che te va vi. Ma perchè n’at fatt colazion stamattina ?

Cattina. Non ho avudo tempo.

Raimondo. L’ è quel specch (b), quel maledett specch. Ti gh sta tre or d’orlogg a quel specch, e fa, e desfa, e tira i cavj (e) dzà, e tira i cavj dia ; d’i grum de manteca sul topè ; d’i baril de polver in tei cignon, e sta buda ne va ben, e sta bandetta ne corrisponde a quest’ altr, a gh voi tutta una mat- tina per sto bel conzir.

Cattina. Perchè no me tróvelo un perrucchier ?

Raimondo. Aveva trova una donna ; no l’avi vluda. (a) Jlllegri. (A) Specchio, (e) Capelli. (I) Nello Zatta c’è U (orma veneziana anJeu. (2) Si abbrevia la via. (3) Nel dialetto bolognese si direbbe dulazza. (4) Allentata: dicesi delle allacciature: Bocrio. [p. 422 modifica]

Cattina. Sior no ; le donne no sa far ben ; fazzo meggio mi.

Raimondo. Oh ragazza ! ragazza !..

Cattina. Andemo via, caro elo.

Raimondo. I bau. An gh’è la serva, an gh’è nissun. Avrirò ^’^ mi. (va ad aprire)

Cattina. (Vardè se gh’avesse teso (a) a quel baron ! andarme a dir ch’el giera da maridar ! Manco mal che no gh’ ho mai dito de volerghe ben). (da sè)

Raimondo. (Gmod se fa a avrir sta porta ? Ah, l’ ò trova), (apre) SGENA IV. Zanetto dando mano a Lucietta in abito da signora. Bortolo dando mano a Cecilia, e detti.

Raimondo. Eh i vignin pur innanz ; ch’ i. s’accumda ’^’.

Zanetto. Servitor umilissimo al mio caro patron. (a Raimondo)

Raimondo. Eia la so sgnora (^^ questa ?) (a Zanello, accerìnando Lucietta)

Zanetto. (Senza rispondere lascia Lucietta e corre da Cattina) Ghe fazzo umilissima reverenza. Ala dormio ben sta notte ? S’ala destraccà ? ^’^^ Stala ben ? (a Cattina)

Cattina. Benissimo per servirla. (seria)

Zanetto. (Sala insunià (b) de mi sta notte ?) (a Cattina)

Cattina. (Vardè che sempiezzi (^) !) (da sè, con rabbia)

Lucietta. (E1 m’ ha impianta qua). (piano a Cecilia)

Cecilia. Gossa volevistu ? ch’ el te tegnisse sempre per man ? (piano a Lucietta)

Zanetto. (Sì va aggiustando l’abito e i maneghetti.)

Raimondo. A i ho ben piaser, sior Bortel, d’aver l’onor de la so compagni. (a) Se gli avessi abbadalo. (b) Sognato. (1) Neil’ ed. Zatta si legge averzirò, ch’è vece propria del dialetto veneziano. (2) Zatta : accomoda. (3) Zaila : signora. (4) Si è riposata ? (5) Sciocchezze. [p. 423 modifica]

Cecilia. l . , ,. , (da sè, ridendo) L’ am fazza grazia. El mo un pezzo che l’ è CHI LA FA L’ASPETTA 423

Bortolo. La xe una fortuna per mi questa, d’aver l’onor de disnar con eia, e co la degnissima so siora fia. (addrizzandosi a Cattino)

Cattina. (Poco de bon! malignazo O quando che l’ho cognossù !) (da sè)

Raimondo. Vi la mi fiola. Agradì, respondl con un poc di bona grazia. (a Cattina)

Cattina. L’ ho saludà, ho fatto el mio debito ; la sa che mi no so far cerimonie.

Bortolo. (Sia maledetto ! ghe scometto che la crede che sia) maridà). (da sè)

Raimondo. Eia lì (a) la consort del sior Bortel ? (a Cecilia)

Cecilia. Per servirla.

Raimondo. E st’altra sgnoura (^^ ì (verso Lucictta)

Cecilia. St’altra signora... (forzandosi per non ridere) la xe la consorte de sior Zanetto. Z ANETTO. (Ci patisce.)

Raimondo. Me consci infìnitamenl d’aver l’ unor de cognosserla. (a Lucietta)

Lucietta. Grazie tanto, sior. (si cede ch’ è impicciata) I-, i Kidono piano tra di loro,

Bortolo. (

Raimondo. Me ne ralligr con lì, sgnor Zanett, dia (^) bona scelta.

Zanetto. Eh sior sì... Ma... grazie, (a Raimondo) No la creda gnente. (piano a Caltina)

Cattina. (Gossa diavolo diselo ? mi noi capisso). (da sè)

Raimondo. (Am d’avis (b) che la mujier^’’^ e el mari se someggia). manda ? (a Lucietta)

Lucietta. Mi, sior? (imbarazzata)

Cecilia. Via, siora Gasparina... (a Lucietta) (a) Ella (5). (b) Mi pare. (!) Interiezione che significa s:a maledetto ecc. (2) Zatta : signoura. (3) Nell’ed. Zitta; Jc la. (4) Zalla : muggier. (5) Vale a dire: è lei (e ella)? ecc. Ma in fine ho mejSD il punto inteirogativo in vece deli’efclaraativo che si trova nello Zatta, per un errore abbastanza frequente. Il Camcroni, men bene, a parer mio, conserva V esclamativo, e inter- prete eccola li. [p. 424 modifica]

Lucietta. (Oh Gasparina !) (da sè, ridendo)

Cecilia. La ghe diga quanto che xe che la xe maridada. (a Lucielta)

Lucietta. No so, sior, tre anni, quattr’anni. No so gnente.

Raimondo. Hala d’ i fantsin ?

Lucietta. Oh giusto. (ridendo)

Cecilia. (Oh no la tien duro custìa). (a) (da sè)

Raimondo. (Mo che bella copia !) (da sè)

Bortolo. (No son miga maridà, sala ?) (a Cattina)

Zanetto. (Gnanca mi). (piano a Cattina)

Bortolo. (Quella xe mia sorella). (come sopra)

Zanetto. (E quella xe la massera). (come sopra)

Cattina. (Oh matti maledetti tutti do !) (da sè, e riprende la ciera allegra)

Cecilia. Cossa xe de sior Gasparo e de siora Tonina, che no i se vede ?

Cattina. No i ghe xe, ma adesso adesso i vegnirà tutti do. (con) spirito, e si accosta a Gecìlia) Aspettemoli. Xe tardi, ma n’ importa. Semo in compagnia ; no xela ella ? (accennando Bortolo)

Cecilia. Siora sì, la muggier de sior Bortolo.

Cattina. (No xe miga vero, n’ è vero ?) (piano a Cecilia)

Cecilia. (Siora no, so sorella). (piano a Cattina)

Cattina. Me consolo tanto de vederla e de cognosserla. (si) baciano) E questa xe la consorte de sior Zanetto ? (a Lucietta, ridendo)

Lucietta. Siora sì. (si accosta per baciarla)

Cattina. Grazie, (si riUra) Mi no voi basar la massera. (da sè)

Lucietta. Me COgnossela ? (a Cecilia, p:ano)

Cecilia. Oh giusto ! (piano a Lucietta) Bisogna che quei matti gh’abbia scoverto tutto. (da sè)

Raimondo. Per cossa mo i avi fatt ste sgarb ? (pieno a Cattina)

Cattina. Perchè la gh’ ha mal a la bocca. (piano a Raimor.’lo)

Raimondo. Gara la sgnora delicatina. (piano a Gallina) (a) Or ora costei si scuopre. [p. 425 modifica]

SCENA V.

Lissandro e detti.

Lissandro. Patroni reveriti.

Cattina. E cussi ? Vienli, o no vienli ?

Lissandro. I vegnirà.

Cattina. Dove diavolo xeli ficcai stamattina ?

Lissandro. Che dirò : sior Gasparo xe da sior Bernardin Zoccoletti per un negozio de canevi, che se el ghe va ben, el va a rischio de vadagnar almanco un mier de ducati, in tre o quattro zorni.

Cecilia. e cossa gh’ intra siora Tonina ?

Lissandro. Siora Tonina ? La xe una donetta che vai un milion. Sti marcanti che gh’ ha sto canevo da dar via, i gh’ha bisogno de bezzi, ghe voi do mille ducati a la man, e siora Tonina s’ ha cava le zoggie ’’), e tanto che so mario contratta, la xe andada a trovar i bezzi.

Raimondo. Per cossa no eia vgnù da mi, che a gh li averia dadi senza un interess al mond?

Bortolo. Ma in sostanza, vegnirali, o no vegnirali ?

Lissandro. I vegnirà.

Zanetto. Sentemose a tola ^^\ che i vegnirà.

Raimondo. Oh sgnor Zannett, cossa disia ? Senza i patron de cà ? L’am perdona, saravla una bella creanza?

Zanetto. La creanza xe bella e bona, ma mi gh’ ho una fame che no ghe vedo.

Lissandro. E el negozio va lungo, e Dio sa quando che i vegnirà.

Lucietta. (Oh mi dobotto (^) chiappo su, e vago via), (da sè)

Raimondo. Ma coss’ ha ditt el sior Gaspar ?

Lissandro. Sior Gasparo gh’ha el mazor travaggio (’’) del mondo, ma el sa che l’ ha da far con de le persone che ghe voi ben, che no ghe vorrà far perder sta bona occasion, e el li prega, e el li supplica, el li sconzura de sentarse a tola, e de principiar. (I) Si levò i gioielli. (2) Sediamo a tavola. (3) Quasi quasi. Più comune Jebollo. (4) Pena, dispiacere. [p. 426 modifica]

Tutti. (Fuor che Raimondo e LissanJro) Sì, sì, sior sì.

Raimondo. Mo sgnor no, da bon, ch’ i avem da aspetar.

Lissandro. Sior, son andà in cusina : se la vedesse, xe una cossa che fa compassion. Tutto va de mal. E sì, sala, l’ ha parec- chia un boccon de disnarl^ no ghe digo gnente. L’ha tolto un cuogo.... (a Raimondo)

Cecilia. Andemo, andemo, sior Raimondo, che i vegnirà.

Raimondo. Se i voi andar lor, che i vaden pur, ma mi e mi fiola piuttost anderem a cà : el veira, Cattina ?

Cattina. Mi, sior ? In verità che gh’ ho fame, e che no gh’ ho gambe da far le scale.

Raimondo. Ti m’ ha pur ditt, che t’era passa la fam ?

Cattina. Oh la me xe tomada.

Cecilia. Anemo, sior Raimondo, andemo che i vegnirà. (lo prende sotto il braccio)

Bortolo. A tola, a tola. (prende per la mano Cattino)

Zanetto. Sans fa^ons, sans fa5ons (a), (la prende per l’altra mano)

Cattina. Sior padre, se ghe xe ^^\ bisogna starghe. (parte con li due suddetti)

Raimondo. L’am voi far far una cossa... (a Cecilia)

Cecilia. Andemo, andemo drio de sti putti. (ouol condurlo via)

Raimondo. Putti ! (fermandosi)

Cecilia. Eh mi, co i xe zoveni, ghe digo putti. Andemo. (parte con Raimondo) SGENA VI. Lissandro e LuCIETTA

Lissandro. Via, siora novizia, la me favorissa la man. (a Lucietta, ridendo)

Lucietta. Eh novizza i totani, (b)

Lissandro. Quanto pagaressi che fusse la verità ? (a) Senza cerimonie : Jrase francese usata comunemente in Italia, (b) Lo stesso che in toscano corbezzoli. (1) Un pranzo coi fiocchi, suntuoso. (2) Ci siamo [p. 427 modifica] CHI LA FA L’ASPETTA ATI

Lucietta. Oh con quel scempio no, vede.

Lissandro. Piuttosto con mi, n’è vero?

Lucietta. Oh gnanca. Gh’avè troppe cabale.

Lissandro. No cognossè el bon, sorella. Via, la me daga la man. La permetta che gh’abbia l’onor de servirla.

Lucietta. Dove me voleu menar ?

Lissandro. A tola.

Lucietta. A tola? mi no, vare.

Lissandro. No ? per cossa ?

Lucietta. Figureve se mi voi disnar sentada a tola coi mi paroni.

Lissandro. Co lori ve lo permette.

Lucietta. Oh mi no, vede, me vergogno.

Lissandro. Dove voressi andar ? In cusina ?

Lucietta. Feme parecchiar piuttosto qua su d’un taolin.

Lissandro. Eh andemo. Vegnì con mi. (la prende a forza per la mano)

Lucietta. Sior no, ve digo. (fa Jorza per restare)

Lissandro. Sangue de diana che vegnirè. (la prende in braccio, e la porta)

Lucietta. Oe, oe, siestu malignazo’’^ (partono)

SCENA VII.

Tinello con tavola apparecchiata, e le pietanze in tavola colle sedie che occorrono. In fondo una credenza grande da tinello, con portelle che si aprono.

Cecilia, Cattina, Raimondo, Bortolo, Zanetto, poi Lissandro e Lucietta ; SERVITORI d’ osteria ed il GARZONE di Lissandro che servono.

Cecilia. Son qua, son qua, farò mi i onori della casa. Qua, sior Raimondo, in cao de tola. (a)

Raimondo. An so cossa dir. Ai son. (siede in principio, dalla parte) della prima donna.

Cecilia. E mi arente de elo (^^ ; e arente de mi mio mario. (ridendo)

Bortolo. (Prende il posto.) (a) In capo di tavola, al posto d’onore. (I) V. pag. 383, n. 4. (2) E io vicino a lei. [p. 428 modifica]

Cecilia. Là, siora Cattina.

Cattina. (Siede vicino a Bortolo.)

Zanetto. e mi qua. (siede vicino a Collina)

Cecilia. Sì ben, e vu là. (a Zanella)

Zanetto. e mi qua. (fa un poco il pazzo)

Cecilia. Dove xeli sii altri ?

Bortolo. Veli qua che i vien. (comincia a distribuir la minestra)

Raimondo. (Me faravla una grazia ?) (a Cecilia, piano)

Cecilia. (La comandi pur). (piano)

Raimondo. (L’è tant matt quel sior Zanett; siv content de lassar che) mi fiola vegna qui, e lì andar dall’altra banda de so mari ?) (piano)

Cecilia. (Sior sì, volentiera). (51 alza e va da Cattino, e le parla all’orecchio.)

Cattina. (In verità, gh’ ho da caro), (a Cecilia, e si alza ; va tra) Raimondo e Bortolo.

Zanetto. Dove vaia ? (si alza)

Cecilia. E vu qua, e vu qua, fermeve qua. (a Zanella, tenendolo) e caricandolo) Animo, ve destrigheu ? (alla scena)

Lissandro. Semo qua, semo qua anca nu. (Cossa che gh’ha) voleste a farla vegnir !) (da sè)

Cecilia. Anemo, siora Dorotea : arente a vostro mario. (a Lucielta)

Lucietta. (Oh adesso mo Dorotea !) (da sè)

Cecilia. E là sior Lissandro.

Lissandro. Siora sì. (siede infondo, dalla parte della seconda donna) Via, siora Dorotea, la se senta. (a Cecilia)

Lucietta. Oh m’ ave debotto stuffà. (a Lissandro)

Cecilia. Via, cossa fala ? (a Lucielta)

Lucietta. M’ ogio da sentar ? (a Cecilia)

Cecilia. Cossa vorla ? Magnar in pie ?

Lucietta. Sia malignazo ! (vuol sedere, ed è imbrogliata)

Zanetto. (Non vorrebbe vicino Lucietla, guarda Collina, ci patisce, e) vorrebbe alzarsi.

Cecilia. Fermeve qua, ve digo.

Zanetto. (Oh poveretto mi !) (da sè)

Lucietta. (Siede, e sta lontana dalla tavola in maniera che tiene il piatto) metà in maro e metà sulla tavola. [p. 429 modifica]

Cecilia. Cossa diavolo feu, Lucietta ? Feve avanti, che spandere el piatto e ve macchierè la roba.

Lucietta. (Sì tira manzi.)

Raimondo. Sgnora Cecilia.

Cecilia. Sior.

Raimondo. Quanti nomi ala quella sgnora ?

Cecilia. No so gnanca mi. Semo amighe, glie digo quel che me vien in bocca.

Zanetto. (Sior Lissandro). (piano, avanzandosi davanti Lucietta, e) Lucietta lo spinge.

Lissandro. (Sior). (piano)

Zanetto. (M’avè tradio). (come sopra, e Lucietta lo spinge)

Lissandro. (Per cossa ?)

Zanetto. (Songio arente de siora Cattina ?) (come sopra)

Lucietta. La vorla fenir una volta ? (spingendolo) Z ANETTO. Eh, lassème star. (contro Lucietta)

Raimondo. Coss’è ste tananai O?

Cecilia. Via, sior, porte respetto a vostra muggier. (a Zanetto)

Zanetto. (Pazenzia. El finirà sto disnar). (da sè)

Raimondo. (L’ è matt. A l’ ho semper ditt. Ho fatt ben mi a) allontanar el da mi fiola). (da sè, mangiando)

Bortolo. (T)à la carta con le buccole a Cattina. Ella Vorrebbe vedere cos’ è, ma ha soggezion di suo padre) (Oe). (piano a Cecilia)

Cecilia. (Cossa gh’è ?) (piano)

Bortolo. (Gh’ ho dà le buccole).

Cecilia. (L’ala tolte?)

Bortolo. (No voleu ?)

Cecilia. (Me ne consolo).

Raimondo. Almanc el sior Bortel l’ è un zoven savi e prudent ; as ved ch’ai gh voi ben a so muier ; siel benedelt !

Cecilia. Coss’ è, sior Lissandro, no disè gnente ? Paremo morti.

Lissandro. Fin adesso gh’ ho abuo da far. Adessadesso me metterò in vena. Deme da bever. (gli portano da bere) Signori, (I) Trambusto, schiamazzo, confusione. [p. 430 modifica] se i me permette, el primo brindese O... alla salute de sior Gasparo.

Tutti. Evviva. (tutti prendono da bere)

Raimondo. Evviva el sior Gasper. Ma la va longa sta età (a). Noi vien mai ?

Lissandro. Adessadesso el vegnirà.

Cecilia. E mi alla salute de siora Tonina.

Tutti. Evviva.

Lucietta. (Col gotto in mano vorrebbe becere, e non sa come fare; va) menando il gotto, poi si alza e dice) Oh, alla SO bona conservazion. (beve)

Tutti. Evviva. (ridendo)

Lucietta. (Quando ha bevuto, scola il gotto in terra.)

Cecilia. Oe l’abito, in malora. (Jorte a Lucietta)

Cattina. (Curiosa guarda le buccole sotto la tavola.)

Raimondo. Coss’ è quel negozj ? (a Caltina)

Cattina. Eh gnente.

Raimondo. A j ò vist a luser.

Cattina. Le mie buccole che ho rotto giersera. (mette in saccoccia)

Raimondo. Demle a mi, che av le farò accomodar.

Cattina. Oh giusto.

Raimondo. Demle a mi, ve digh.

Cattina. Ghe le darò.

Cecilia. (Vedeu ?) (urlando Bortolo)

Bortolo. (Sì vede agitato.)

Lissandro. Gossa gh’ala ? De le buccole da far comodar ? (a Cattina)

Cattina. Sior sì ; gh’ ho rotto el ganzo (^) giersera.

Lissandro. (Si alza e va da Cattina) La me le daga a mi, che el xe el mio mestier.

Cattina. Sior sì, tolè : eh, ehm. (tosse)

Lissandro. (Ho capio). (da se) Eh gnente, ho visto. Domattina ghe le porterò comodae. (gucrda e mette via, e torna al posto) (a) Ctà, termine stretto bolognese, e significa questa istoria, questa faccenda. (i) Nel lesto dello Zalta è slamp.Tlo bTÌnJesi. (2) GaDcio, uncino: PilriaicKi e Boerio. [p. 431 modifica]

Raimondo. A lu sì, e a mi no ? (a Cattino, con un poco di sdegno)

Cattina. Sior sì, perchè sior Lissandro xe bravo, el comoda le cosse pulito, (’) e lu el le averave tutte precipitae. (a Raimondo)

Cecilia. Brava, brava, pulito, (a Cattino) E vu cossa feu qua in- canta co fa un pandolo ? (^) (a Zanetto) Z ANETTO. Voggio andar via.

Cecilia. Per cossa !

Zanetto. No gh’ho più fame. Voggio andar via.

Cecilia. Se no gh’avè più fame vu, gh’ ha fame vostra muggier.

Zanetto. Cossa m importa a mi de eia ? (disprezzandola)

Lucietta. E gnanca mi de vu, sior ? (colla bocca piena)

Cecilia. Oe, la ve voi tanto ben, che la se soffega.

Raimondo. (Oh, oh, che matrimoni, oh oh). (da sè, ridendo)

Lissandro. Qua nissun magna altro. Oe, porte via ; anemo, alla seconda portada. (Seroitori levano e rimettono i piatti)

Raimondo. Sior Lissander.

Lissandro. Signor.

Raimondo. Mi a nem poss più tegnir.

Lissandro. De cossa?

Raimondo. Sto sior Gasper, sta siora Tonina ?

Lissandro. Mi no so cossa dir. La me par una stravaganza anca a mi.

Raimondo. Ch’agh sia intravegnù qualcossa?

Lissandro. Mi no crederia.

Raimondo. Mandem a veder da qualchèdun.

Lissandro. Adesso manderò el mio garzon. Dov’estu ? Menego. (Menego sarà dentro per portar via i piatti, e Lissandro oo dentro a) parlargli.

Bortolo. (Distribuisce i piatti della seconda portata.)

Cattina. (Che belle buccole !) (piano a Bortolo)

Bortolo. (Che piasele ?) (a Cattino, piano)

Cattina. (Sior sì). (piano)

Raimondo. Cossa ?

Cattina. De che?

Raimondo. Cossa disel s’av pias ? (1) Per bene, (2) Come un minchione, un balordo: Boerìo. [p. 432 modifica]

Bortolo. Ghe domando se ghe piase le gallinazze.

Cattina. Sior sì, che le me piase assae. (con carkclura)

Bortolo. Xele belle ?

Cattina. Bellissime.

Bortolo. Mo cossa ?

Cattina. Le gallinazze.

Bortolo. La compatissa. (dandole una gallinazza sul piatto)

Cattina. La ringrazio tanto.

Cecilia. Gaspita, la la sa longa !

Zanetto. (Taglia un piallo ch’ è dolla sua parte, ne mette sopra un tondo,) e l’offerisce a Cattina) A ella. (a Cattina)

Cattina. Grazie. (rifiuta)

Zanetto. La favorissa.

Cattina. No dasseno.

Zanetto. La se degna. (con pili forza)

Cattina. Mo no la vede che son drio (’^ sta gallinazza ?)

Zanetto. Go no la voi, la lassa star, (butta il tondo in mezzo la tavola)

Cecilia. Oe, oe, sior, dove credeu d’esser ? Al magazzin ^^^ ?

Zanetto. La perdona. Ho fatto mal, xe vero. Ho manca de rispetto, (si alza) Signori, ghe domando a tutti perdon. (gli oien) da piangere, e si getta a sedere.

Tutti. (Ridono.)

Zanetto. (5/ alza, passeggia e batte i piedi.)

Cecilia. L’ è matto sior Zanetto, L’ è matto poveretto, L’ è matto in verità. (cantando, ma senza grande impegno di musica) LisS.’VNDRO. Signori, compatilo, Ghe anca a mi el me fa pecca ^^\ (col medesimo canto)

Tutti. (Ridono, applaudiscono, dicono bravi e battono le mani.)

Zanetto. Deme da bever. (toma a sedere e gli danno da bere) San- gue de diana, se vaga a far squartar la malinconia. Alla salute... (I) Drio, dietro; esser Jri’o, essere intenti a un lavoro: v. Boerio. (2) Più comune- mente magazen, bettola : voi. II, 490, n, 6 e 549, n. 1 . (3) Peccò significa qui com- passione. [p. 433 modifica] No de ella, che me scoffona (a), (a Cecilia, con rabbia) No de ella, che no me voi per gnente. (a Canina, patetico) Alla salute... de mia muggier.

Tutti. Bravo, bravo, evviva.

Lissandro. Comandele altro ? No. Tire via, e porte el deser. (Si alza, i Servilori eseguiscono, Lissandro parla piano col Garzone)

Lissandro. Sèntele ! El garzon xe torna, i conta bezzi, i xe in tei calor del negozio, i ghe domanda mille perdoni, ma per ancuo i dise cussi che no i poi vegnir : xe la verità, Menego ?

Garzone. Sior sì, tal e qual.

Raimondo. Oh l’am despias pò ben. S’ a saveva csi (i) a n’ i vegniva miga, vdì.

Lissandro. Cossa vorla far ? I xe casi che nasce.

Lucietta. Siora, vorla che impizza el fogo ?

Lissandro. Coss’ è ? S’ insoniela ? (a Lucietta)

Lucietta. Sior sì, m’ insuniava.

SCENA Vili.

// Giovine del caffè con cogome e chicchere, e detti.

Lissandro. Oh, xe qua el caffè. Lo vorle bever a tola ? (si alza)

Cecilia. Per mi son stracca de star sentada. Lo voggio bever m pie. (5/ alza, e tutti si alzano)

Raimondo. (Tira avanti la sua sedia e lo beve a sedere.)

Lissandro. Putti, desparecchiè. Mette tutto in quella credenza, piatti, possade, biancheria ; mette tutto là, che pò’ li vegnirè a tor. E ti fa quel che t’ ho dito ; sta attento se mai da una banda o dall’ altra ti vedessi a vegnir sior Gasparo, e se ti lo vedi da lontan, avviseme. (piano al Garzone)

Garzone. Sior sì, no la se indubita gnente. (parte)

Lissandro. I ha da far tre o quattro viazi ; no voria che i incon- trasse sior Gasparo sulle scale, (/ Servitori sparecchiano, mettono tutto nella credenza, levano le tavole,) poi partono. (a) Scoffonare, cioè burlan. (b) Csi, così, g g [p. 434 modifica]

Cecilia. (A Bortolo, bevendo il caffè) E CUSSI, come vaia ?

Bortolo. D’ incanto. La me voi ben. La xe mia. Un de sti di ghe la fazzo domandar. Cossa diseu ?

Cecilia. Sì ben, me par che la lo merita. La me piase anca a mi, son contenta.

Zanetto. Me permettela? (a Callina, colendo prender la tazza dopo) che ella ha bevuto il caffè.

Cattina. No la se incomoda. (la dà al Caffettiere)

Zanetto. (Sangue de mi ! sangue de mi ! poveretto mi ! pove-) retto mi !) (da sè, smaniando)

Cecilia. Cossa feu vu ! no beve el caffè ? (a Lucietta)

Lucietta. A mi el caffè ?

Cecilia. Perchè no ghe deu el caffè a sta signora ? (al Caffettiere)

Caffettiere. No la ghe n’ ha volesto. (a Cecilia, ridendo)

Cecilia. Via, deghelo, che la lo beverà. (al Caffettiere)

Caffettiere. Vorla, siora Lucietta ? (gli dà il caffè, ed ella lo beve)

Cecilia. Ti la cognossi ? (piano al Caffettiere)

Caffettiere. (No vorla?)

Cecilia. (Tasi sa, no dir gnente).

Caffettiere. (Mi no parlo). (ridendo)

Cecilia. (No rider, che te traggo sta tazza in tei muso), (ridendo)

Lucietta. Tolè la tazza. (al Caffettiere)

Caffettiere. Pulito, siora Lucietta.

Lucietta. Oh se savessi, son propriamente in gioa (a).

Caffettiere. El caffè lo paghela eia ? (a Lìssandro)

Lissandro. No, pagherà sior Gasparo.

Caffettiere. Non occorr’altro. (prende la sua roba e parte)

Raimondo. Oh i mi sgnori, con so bona grazia mi a fazz cont che mi e la mi fiola as n’andarem.

Zanetto. Se la me permette, averò l’onor de servirla. (si esibisce di dar la mano a Cattino)

Cattina. No in verità, grazie; la daga man a so muggier che la farà meggio. (a) Impicciala. [p. 435 modifica]

Raimondo. (Brava la mi dola!)

Zanetto. Muggier ? mia muggier ?..

Cecilia. Animo, animo, sior, semo vegnui insieme, andemo via insieme, e no ghe xe altri discorsi. (a Zanella)

Zanetto. Basta. Averò l’ onor de riverirla. (a Gallina)

Raimondo. No, che la s’incomoda miga^’^ vidla. (a Zanella)

Zanetto. Come ? No la me voi ? Un omo della mia sorte ? Cossa gh’oio fatto ?

Raimondo. L’am perdona ; servitor de lor sgnori, andem. (prende salto il braccio Callina)

Bortolo. Addio. (a CalUna, così alla sfuggila)

Cattina. Grazie delle gallinazze. (lo saluta con vezzo)

Zanetto. Sangue de diana ! A mi sto affronto ?

Cecilia. Seu matto ? (a Zanetto)

Raimondo. Saludè ’1 sior Gasper, e ringrazici. (a Lissandio)

Lissandro. La sarà servida. (uà a sollecitar i Servitori)

Zanetto. No la me voi donca ? (a Raimondo, con forza)

Raimondo. Mo... Mo... Che Tam scusa. In casa mi... Patron... Mo a gh digh ^^^ pò de no, mi.

Zanetto. No certo ? (con forza)

Raimondo. No, sicura.

Zanetto. Pazenzia. (patetico)

Raimondo. (Oh el bel matt). (da se) Servitor de lor sgnori. (parte con Callina)

Cecilia. Mo andè là, che gh’avè tanto giudizio co fa un gatto. (a Zanella)

Zanetto. Xe vero. Mi no gh’ ho giudizio. Sala chi gh’ ha giu- dizio ? Quel sior. (accennando Boriala)

Bortolo. Mi ? Percossa ?

Zanetto. Credeu che no abbia visto che ave fatto le carte (a) con quella putta ? (a) Far le carte, amareggiare. (I) Così l’ed. Zatta. Forse bisognerebbe correggere: ch’ an /i s’ incomda miga. (2) Così secondo la giafia goldoniana. Nell’ediz. Zatta è stampato: ag dig. [p. 436 modifica]

Bortolo. Mi ? V inganna, compare...

Zanetto. e per farme smattar ’’\ i me va a far passar per mario de quella martuffa ^^\ (accennando Lucietta)

Lucietta. Come parlelo, sior ! Vare che sesti ^^\ ancora che me lasso vestir da Franceschina (a) per vegnir qua a batterghe l’azzalin... (4)

Zanetto. A mi batterme l’azzalin ?

Bortolo. Sior sì. Ella da una banda, e mi dall’altra. E se ho parla a quella putta, gh’ ho parla per vu.

Zanetto. Per mi ? (tutio allegro)

Cecilia. Sior sì, per vu ; el so anca mi.

Zanetto. Per mi ? Conteme, conteme. (a Bortolo)

Bortolo. Andemo, che ve conterò.

Garzone. (Sior patron. Ho visto sior Gasparo e siora Tonina). (piano a Lissnnaro)

Lissandro. (I vien?)

Garzone. (I vien).

Lissandro. (Da che banda ?)

Garzone. (Dalla fondamenta).

Lissandro. (Anderemo via per la corte. Xeli lontan ?) (al Qarzone)

Garzone. (I ho visti a spontar sull’altra fondamenta de là dal rio).

Lissandro. (Presto, presto, va via), (al Garzone che parte) Patroni, se le voi andar, anca mi bisogna che vaga, e che serra la casa.

Cecilia. Andemo. (vuol andar dalla parte diritta)

Lissandro. No, andemo per de qua. Ghe xe un’altra scala, e la so barca l’ ho fatta vegnir alla riva della corte che xe più comoda. La resta servida con mi.

Cecilia. Andemo. (prende per mano Bortolo) Via, deghe man a la vostra cara muggier. (a Zanetto ridendo, e via)

Zanetto. Son qua, dolcissimo mio tesoro. (a Lucietta)

Lucietta. Che el senta. Mi no vaio gnente, ma per diana de dia ^^\ no me scambiarave. (partono) a) Da bamhoccia. (h) Per tener mano a’ suoi disegni. (1) Vedi se. 5. allo I. p. 392. ^2) "Sciocca" spiega Goldoni, voi. XVIII, p. 333, n. a (v. pure voi. II, p. 486, n. a ecc.). (3) Guardale che bei modi, che bel garbo: V. Patriarchi e Boerio. (4) Esclamazione frequente, a modo di giuramento, come se si dicesse in fede di Dio : v, Paliiarchi e Boerio (e Goldoni stesso, voi. Vili, 115, n, e e 156, n, e). [p. 437 modifica]

SCENA IX.

Gasparo in tabarro, Tonina in zendale. Riosa col zenJale sul braccio. Vengono senza dir gnenie, un poco ingrugnati.

Riosa. Vorla despoggiarse ? (a Tonina)

Tonina. Aspettè, me despoggerò co vorrò ^’\

Tonina. Me par de sentir un certo odor, come de roba da ma- gnar... Sentiu vu ? (a Riosa)

Riosa. Siora sì, me par anca a mi. Gasparo, (jlscolta e rìde.)

Tonina. Ride ? Saveu qualcossa vu ? (a Gasparo)

Gasparo. No saveu che gh’ avemo l’ osteria taccada muro con muro ? Le se sente spesso ste galanterie.

Tonina. Sior Gasparo, mi non ho voleste dir gnente per strada per non far scene : ave voleste che vegna a casa, son vegnua, ho obbedio, perchè ai 6 de Febraro xe la zornada del veggio. Ma adesso mo in casa se poderave saver perchè, za che son vestia, no volè che andemo a far una visita a sior Raimondo e a sior Cattina ?

Gasparo. Perchè ho da scriver, perchè gh’ ho da far, e ancuo no ghe posso andar.

Tonina. Ben, se gh’ ave da far, vu gh’ anderè un’altra volta, e ancuo anderò mi colla donna.

Gasparo. Caveve zo (a), e gh’anderè domattina.

Tonina. Mo perchè domattina ? Mo perchè no ghe possio andar adesso, za che son vestia ?

Gasparo. Cara fia, gh’ ho le mie rason, perchè no gh’abbiè d’andar ancuo, e perchè gh’abbiè d’andar domattina.

Tonina. E a so muggier no se poderave dirghele ste rason ?

Gasparo. (Oh poveretto mi !) Ve soddisferò, ve dirò la rason. Riosa, tolè sto tabarro, portelo de là. (a) Spoglìaleoi. (I) Forse seguivano alcune parole di Riosa. [p. 438 modifica]

Riosa. Sior sì, la daga qua. (Porlo esser più bon de quel che el) xe ? La tira i tonfi (a) tre mia lontan). (prende il tabarro e parte)

Tonina. E cussi ? Cossa xe ste rason ?

Gasparo. Aspettè, deme tempo. Sappiè che stamattina, dopo che vu se partia, xe vegnù un amigo a dirme che sior Raimondo e siora Cattina i voleva vegnir stamattina a farme una burla.

Tonina. Una burla ? (con maraviglia e piacere)

Gasparo. Sì; che all’improvviso i voleva vegnir a disnar da nu.

Tonina. E perchè no xeli vegnui ? (con premura)

Gasparo. Vede ben ; mi giera impegna fora de casa...

Tonina. No ghe gierio mi ? (con forza)

Gasparo. Vu gieri andada da vostra mare...

Tonina. No me podevi mandar a chiamar ? (come sopra)

Gasparo. A quell’ ora cossa ghe volevi parecchiar da disnar ?

Tonina. E li ave rifudai ?

Gasparo. Gh’ ho dito all’amigo la verità, e l’amigo li xe andai a avertir.

Tonina. Ande là, che ave fatto una bella cossa.

Gasparo. Cossa volevi che fasse ?

Tonina. Persone che gh’ avemo tutta l’ obligazion...

Gasparo. Ma giusto per questo...

Tonina. Che se gh’ avemo bisogno de mile o domile ducati da negoziar, i xe capaci d’ imprestameli senza un interesse a sto mondo.

Gasparo. Carneval no xe gnancora fenio.

Tonina. Mi no gh’ ho più muso da farme veder. Riosa. (chiama)

Riosa. Siora. (Oh cossa che ho visto !) (da sè, maravigliandosi assai)

Gasparo. E per questo vói che domattina andè a domandarghe scusa da parte mia.

Tonina. Mi ? No ghe vago gnanca se i me strascina co le caene. (si cava il zendale, e lo dà a Riosa)

Riosa. (Oh che cusina che ghe xe de là ! Oh che diavolezzi !) (da sè) (a) Tonfi, lo stesso che pugni, e Vuol dire che eccita suo marito a batterla. [p. 439 modifica]

Gasparo. Mo per cossa ? Co vu no ghe gieri ? Co mi giera impegna via...

Tonina. Eh lasseme star, caro vu, coi vostri impegni, lasseme star. (caoanJosi la vesta)

Gasparo. Tonina, in verità, dasseno, pare matta.

Tonina. Porte de là. (getta la vesta a Riosa con dispetto)

Riosa. (Oh, se la va in cusina, poveretti nu ! Cossa mai alo fatto) el paron stamattina !) (da se, parte)

Tonina. Refudar un omo de quella sorte, per andar... per andar...

Gasparo. Da mio compare Bernardin.

Tonina. Da vostro compare Bernardin ?

Gasparo. Siora sì, e avemo sera el contratto d’ una partia de quattro balle de canevi.

Tonina. Caro vu, no me fè parlar.

Gasparo. Cossa voressi dir ?

Tonina. Voggio dir che ho manda da sior Bernardin, e che no ghe gieri.

Gasparo. A che ora aveu manda ?

Tonina. A ora che tutti i galantomeni xe a disnar : a vint’ ore (’\)

Gasparo. Se avessi manda a vintiuna, i n’averave trova. Senio andai a visitar i canevi in magazen.

Tonina. Podè dir quel che volè, mi no ve credo ne bezzo, nè bagatin (^\)

Gasparo. Credè donca che sia un baron ?

Tonina. Mi no so quel che siè, vede.

Gasparo. Siora Tonina, no voria che ai sie de Febraro v’avesse da succeder qualch’altra cossa.

Tonina. Coss’ è, sior ? Me manazzaressi ancora ?

Gasparo. Son galantomo, ve stimo, ve voggio ben, ma no me tire per i cavei.

Tonina. Cossa voressi che ghe disesse a sior Raimondo e a siora Cattina ?

Gasparo. Feghe le nostre scuse, e invideli a disnar quando che volè. (I) L’ed. Zalta slampa veni’ ore. (2) V. pag. 381, n. 3 e pag. 396, n. 6. [p. 440 modifica]

Tonina. Bisognerà veder se i ghe vorrà vegnir.

Gasparo. Eh no l’ è cussi puntiglioso, no, sior Raimondo. Lo cognosso ; el xe un omo ragionevole, el ne voi ben, e son seguro ch’el vegnirà.

Riosa. Sior patron, ghe xe uno che lo domanda.

Tonina. Chi xelo ?

Riosa. No so, siora, no lo cognosso.

Gasparo. Ande de là ; sarà qualchedun per qualche interesse. (a Tonino)

Tonina. E cussi ? Me volè ficcar via ? No ghe posso esser ? No posso sentir anca mi ?

Gasparo. (Oh che pazenzia !) Diseghe ch’el vegna avanti, (a Tiiosa)

Riosa. (Ho gusto che la resta. Cussi finirò un pochette de de-) strigar. Prego el cielo che no la se n’accorza). (va alla scena) La resta servida, patron. (alla scena, e parte)

SCENA X.

Paron Menego Oste, e detti.

Oste. Patroni, con so permission.

Gasparo. La reverisso, signor.

Tonina. Chi èlo ? (a Qaspaw)

Gasparo. Mi no so. (a ’Uonina)

Oste. Xela ella sior Gasparo ?

Gasparo. Son mi per servirla.

Oste. Servitor umilissimo. Me pareva, e no me pareva. Patrona reverita. (a Tonino)

Tonina. Patron.

Gasparo. Cossa m’ ala da comandar ?

Oste. Prima de tutto desidero de saver se la xe conlenta de mi.

Tonina. De cossa ? (a Gasparo)

Gasparo. Signor, mi no gh’ ho l’onor de cognosserla.

Oste. Paron Menego per servirla. L’osto qua della Tartaruga.

Gasparo. Ah questo che ne xe tacca ?

Oste. Per obbedirla. [p. 441 modifica]

Tonina. Ave fatto un gran disnar ancuo? se sente dei gran odori.

Oste. Odori e saori. Cossa disela ? (ridendo)

Tonina. Mi ve digo che sto fumo per casa no me piase gnente.

Oste. Bisogna ch’el so camin fazza fumo.

Tonina. Se r ho fatto scoar che no xe quattro zorni.

Gasparo. A monte sti pettegolezzi, (a Tonino) Cossa me comanda sior paron Menego ?

Oste. Prima de tutto, ghe torno a dir, me preme de saver se i mi paroni, se i mi avventori xe contenti de mi. Gh’ ha piasso, xela resta contenta stamattina ?

Gasparo. De cossa?

Oste. De cossa ? De tutto ; del disnar che gh’ ho fatto.

Tonina. Disnar ?

Gasparo. Sior paron, vu me tolè in fallo.

Oste. No xela ella sior Gasparo sanser ?

Gasparo. Son mi seguro.

Tonina. (Sentimo mo !) (da sè)

Oste. E pò cossa serve, ho Servio in sta casa, e s’ ha magna in sto tinello.

Tonina. Quando ? (con ansietà)

Oste. Ancuo.

Tonina. Ah ! questo xe l’odor che sentiva, (a Gasparo, con sdegno)

Gasparo. Mi ve digo, sior, che no so gnente, e che me mara- veggio de vu.

Oste. E mi ghe digo, patron, che me maraveggio de ella, che ho parecchia qua in sta casa per sette persone...

Tonina. Sette persone ? (all’ Oste)

Oste. Siora sì, sette persone, a un zecchin per testa.

Tonina. Una bagatella ? ghe giera donne? (con furia all’Oste)

Gasparo. Quieteve, perchè quello xe un pezzo de matto, (a Tonina)

Tonina. Ghe giera donne ? (con più furia all’ Oste)

Oste. Mi no so chi ghe fusse, ma i m’ ha dito i mi omeni che ghe giera quattro omeni e tre donne.

Tonina. Tre donne ! (contro Gasparo fieramente) L’ ho dito ; l’ ho scoverto : sior Bernardin ah ! El sior diavolo che ve porta. [p. 442 modifica]

Gasparo. Tasè una volta, in tanta malora, (a Tonino) Sior osto, mi son un galantomo.

Oste. E mi son un galantomo anca mi.

Tonina. Cossa serve che ve fè nasar?(’) Paghelo. (a Qasparo)

Gasparo. Tasè. (a Tonino)

Tonina. Aveu magna ? Paghelo. (a Gosparo)

Gasparo. Ma tasi, che te casca la testa, (a Tonino) Disè donca che ave parecchia qua sto disnar ? (all’ Oste)

Oste. Sior sì, lo digo, e lo sostegno.

Tonina. No se salo ?

Gasparo. (Guarda Tonino bruscamente, poi si volta all’ Oste) E. avè parecchia per sette persone, a un zecchin a testa?

Tonina. Sior Bernardin, sior Bernardin.

Oste. Cussi semo restai d’accordo.

Gasparo. Con chi ? Chi v’ ha ordenà da disnar ?

Oste. So sior fradelo.

Gasparo. Compare, vu v’ inganè, perchè mi no gh’ ho fradeli.

Tonina. Tutte finte, tutti rezziri ^^\ Sior sì, per sconderse l’ ha fatto passar qualchedun per so fradelo. (all’ Oste)

Gasparo. Se poi sentir de pezo ! Infamar so mario ! (a Tonino)

Oste. Sior Gasparo, no so cossa dir, me despiase... Se la m’a- vesse dito che no la voleva che so muggier savesse gnente...

Gasparo. Mi no voleva !...

Tonina. Sior sì, sior sì, noi voleva che mi lo savesse. Ma lo so, r ho scoverto a so marzo despetto.

Gasparo. Orsù, son stuffo de soffrir ste insolenze, (a Tonino) E a vu, sior, ve digo che no so gnente, che no v’ ho da dar gnente, e che andè a bon viazo ^^\ (all’ Oste)

Oste. Me maraveggio de eia. Se no la me voi pagar, ghe pen- serò mi a farme pagar, ma intanto la me daga la mia roba, patron.

Gasparo. Che roba ?

Oste. Le mie possae, i mi piatti, la mia biancheria. (I) Farse nasar, farsi scorgere: voi. XII, 145, n. 2 e XVIII, 362, n. ì>. (2) Così il testo : più comunemente razziti, raggiri. (3) In santa pace. [p. 443 modifica]

Tonina. Sior sì, deghe quel che ghe vien. (a Gasparo)

Gasparo. Ve digo che sè matto da ligar.

Oste. Come ? La me nega l’arzentaria ?

Gasparo. Mi no so quel che ve disè.

Oste. M’ ha dito i mi zoveni che i ha fatto logar tutto in t’una credenza, che la credenza xe in tinello e la sarà quella là.

Gasparo. Sè matto, ve digo.

Tonina. Vardemo, vardemo. (coire alla credenza, apre, e si vede tutta) la roba.

Gasparo. Coss’è sta roba ? (resta attonito)

Oste. Putti, vegnì avanti. Portemo via la mia roba, (entrano i) Garzoni con delle ceste, mettono via tutto, e V Oste va ad aiutare e ad incontrar le posate.

Tonina. Cossa disela ? (a Gasparo)

Gasparo. Son fora de mi.

Tonina. Sior Bernardin ?

Gasparo. Chi ghe xe sta ? El diavolo in casa mia ?

Tonina. Oh sì el diavolo, gh’avè rason. Queste xe cosse che altri ch’el diavolo no le fa far.

Gasparo. Vu sarè stada.

Tonina. Mi ? via mo, da bravo.

Gasparo. Altri che vu no gh’aveva le chiave O, altri che vu no podeva vegnir.

Tonina. Vardè, se sè fora de vu, se la passion ve orba, se no savè quel che ve disè ? No v’ arecordè, patron, che m’ ave fatto lassar a casa la chiave del saggiaor? (con sdegno)

Gasparo. (Xe vero : son fora de mi. Vele qua tutte do), (le) tira fuori) Ma adesso che vedo, questa no xe compagna de st’ altra. Questa no xe della nostra porta. Sè vu che me l’ha scambiada. (a Tonino)

Tonina. Mi, ah ! mi, can ! mi, traditor ! a mi sta sorte de impu- tazion ! a una donna della mia sorte ? Son tradia, son sassi- nada ; e anca m’ ho da lassar strapazzar ? Ah poveretta mi ! (I) Q>sì nel testo dello Zatta : luaii cfiiaile in dialetto anche per il plurale. [p. 444 modifica] Son morta, la xe fenia, no gh’ è più remedio per mi, no gh’ è più remedio per mi. (disperata)

Gasparo. Mo via, cara fia, ho dito mal...

Tonina. Sassin della to povera muggier, traditor del mio povero cuor.

Gasparo. Mo via, digo...

Tonina. Lasseme star, lasseme star!., che farò qualche bestialità. (parte)

Gasparo. Da una banda la gh’ ha mo anca rason. Bestia che son mi, andarghe a dir che Pavera ella scambia la chiave (’\)

Oste. Servitor umilissimo. (con muso duro)

Gasparo. Patron reverito. (con sdegno)

Oste. La me favorissa sette dei so zecchini.

Gasparo. Ma se ve digo cussi...

Oste. La senta, son galantomo ; se no la li gh’ ha, n’ importa, aspetterò. Basta che la prometta de darmeli ; aspetterò.

Gasparo. Ve torno a dir che mi no v’ ho da dar gnente.

Oste. Co l’ è cussi, co la me nega el debito, la farò chiamar dove se convien : andemo. (ai Qiovani)

Gasparo. Sentì, fermeve. Un omo della mia sorte, farme chiamar ? Con che fondamento me fareu chiamar ?

Oste. Ghe disela poco fondamento aver trova la mia roba in te la so credenza, in tei so tinello? E ancora negarme la mia arzentaria ?

Gasparo. Zitto, amigo, no fè altro strepito. No so gnente... ma gh’avè rason.

Oste. No la sa gnente ?

Gasparo. No so gnente... Ma ve pagherò.

Oste. Me basta cussi ; quando me pagherala ?

Gasparo. Doman sarò sodisfa, ma feme almanco un servizio. Chi xe quella persona che xe passada per mio fradelo ?

Oste. Mi no lo cognosso ; el m’ ha fatto vegnir qua, avemo con- tratta in sta casa, ho manda el disnar in sta casa. Mi no so altro più de cussi. (1) Il Cameroni, ed. citala, stampa anche qui le chiave ; ma si prende ben altre libertà col testo goldoniano. [p. 445 modifica]

Gasparo. Ma come gierelo sto mio fradelo ? Grando, piccolo, grasso, magro, come gierelo vestio ?

Oste. No so, no m’ arecordo ben. Grando no certo ; gnanca tanto piccolo. Me par magretto... So ch’ai gh’ aveva un tabarro de scarlatto, mi no so altro.

Gasparo. (No crederave mai ch’el fusse Lissandro !)

Oste. Me comandela altro ?

Gasparo. La vostra bona grazia. Patron.

Oste. Son ai so comandi, de dì e de notte, co la voi ; e un’altra volta, se no la voi che so consorte lo sappia, la me avvisa per tempo, e la lassa far a mi. (parte coi Garzoni)

SCENA XI.

Gasparo, // Caffettiere, poi Riosa.

Gasparo. Eh vatte a far squartar anca ti. Più che ghe penso, e più gh’ ho sospetto sora Lissandro. Ch’el m’abbia fatto elo sta baronada ? No l’ è baronada, se volemo, ma la xe un’ in- solenza : tanto più che m ha tocca quel siropo de mia muggier.

Caffettiere. Patron, sior Gasparo.

Gasparo. Cossa gh’ è, sior ?

Caffettiere. Son vegnù a incontrar se la pagherà ella quei sette caffè che ho porta qua ancuo.

Gasparo. Mi no so gnente. Chi ve r ha ordenai ?

Caffettiere. So ch’ ella no sa gnente, e son vegnù qua per questo. Me li ha ordenai sior Lissandro.

Gasparo. Gierelo qua Lissandro ?

Caffettiere. Sior sì, no alo disnà qua in compagnia?

Gasparo. (Oh bona ! ho scoverto tutto), (da se) Saveu chi ghe giera qua a disnar ?

Caffettiere. Sior sì, li conosso tutti a un per un. Ghe giera anca una massèra vestia da lustrissima.

Gasparo. Conteme, conteme. Ma no vorria che vegnisse mia muggier. Andemo, ve pagherò, e me contare per strada. (in allo di partire, ed il Caffettiere l’aspetta alla porta) [p. 446 modifica]

Riosa. Sior patron. (coi stucchi e le scatole)

Gasparo. Cossa gh’è? (toma un passo indietro)

Riosa. Presto, ch’el metta via sta roba. (gli dà tutto)

Gasparo. Coss’ è là ? (apre e vede) (Questa xe marcanzia de Lis-) sandro). (da sè)

Riosa. L’ho trovada in cestella del taolin de portego O.

Gasparo. Chi ghe l’ ha messa ?

Riosa. No so, la patrona no certo. Che el metta via, che se la patrona se n’accorze, la se butta in canal. (parte)

Gasparo. Ho capio. Questa xe roba de sior Lissandro. El se r averà desmentegada. Gh’ ho gusto da galantomo. Sto sior cortesan ^^^ me la pagherà. Fine dell’ Allo Secondo. (1) In molte edizioni posteriori è stampato taoìinetto de portego. Dicesi portego la sala maggiore della casa, come si legge spesso negli antichi inventarii vene:nani : v. anche Boerio. (2) Qui intendesi bellumore (v. Boerio) o anche astulaccio.