Chi la fa l’aspetta/Atto III

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto III

../Atto II ../Nota storica IncludiIntestazione 21 maggio 2020 75% Da definire

Atto II Nota storica

[p. 447 modifica]

ATTO TERZO.
SCENA PRIMA.

Notte illuminata. La prima camera o sia sala in casa di Gasparo, col solito tavolino, sul quale una candela accesa ed una spenta.

Tonina e Riosa.

Tonina. Cara vu, lassarne star. (a Riosa con sdegno, camminando)

Riosa. Mo de diana! cossa gh’alo fatto el patron?

Tonina. Cossa ch’el m’ha fatto ah! So mi cossa ch’el m’ha fatto; ma no l’andera sempre cussì1; no, no, no l’anderà sempre cussì.

Riosa. (In verità stavolta ho paura che la gh’abbia rason). (da sè)

Tonina. Nolgh’ha più nè amor, nè convenienza, nè discrezion.

Riosa. Mo se el ghe vol tanto ben. [p. 448 modifica]

Tonina. Che el se lo petta2 el so ben. Dopo quel ch’el m’ha fatto, dopo quel ch’el sa che ho scoverto, el me vede fora de mi, el sa che son dove che posso esser, e in vece de scusarse, e de cercar de quietarme, el chiappa su senza dir gnente, e el va via? Ah! xelo ben questo? Eh, el xe la so arma ch’el toccaa.

Riosa. El la vede cussì... Nol s’averà ossàb.

Tonina. Siora sì, scuselo. Ho paura che ghe tegnì terzo mi3.

Riosa. Cara siora patrona, come parlela? No xe d’ancuo che la me cognosse. Son una putta da ben, onorata, e no son capace de tegnir terzo a nissun.

Tonina. No la se scalda el figà4 patrona. Chi v’ha ditto che andè in pressa in pressa5 a far tante belle faccendine in cusina, che gieri infina suada6?

Riosa. Volévela7 che lassasse la cusina intrigada8?

Tonina. E chi l’ha intrigada quella cusina?

Riosa. Cossa vorla che sappia mi? Me par d’esser stada tutto el zorno con ella.

Tonina. Cossa soggio mi dove che fussi quando che giera al taolin a lavorar co mia siora mare?

Riosa. Oh! che! xelo un palazzo la so casa?

Tonina. Sentì che tocco de temeraria, come che la responde?

Riosa. Oh vorla che ghe diga...

Tonina. La diga mo...

Riosa. La me daga la mia bona licenza che anderò via.

Tonina. Oh certo, che per mi la sarà una gran disgrazia!

Riosa. A ella no ghe mancherà serve, e a mi no me mancherà patrone. Manco salario, manco piatanza, e magnar9 quel fià10 in santa pase.

Tonina. Sentì che battola che la gh’ha!c [p. 449 modifica]

Riosa. Fazzo quel che posso, servo con amor, e ancora i me magna i occhi... (piangendo)

Tonina. Via, via, a monte, patrona. Andè a far quel che avè da far, e doman, se volè andar via, mi no ve tegno per forza.

Riosa. Basta. Parlerò col patron... (singhiozzando)

Tonina. Siora!11 Parlerò col patron! e mi cossa songio? Avè anca tanta temerarità de dirme che parlerè col patron? Vardè cossa che vol dir un mario che tratta mal so muggier? Nissun la stima, la servitù ghe perde el rispetto.

Riosa. Mi, siora...

Tonina. Andè via de qua.

Riosa. No me par mo gnanca...

Tonina. Andè via de qua, ve digo.

Riosa. No ghe stago se credesse de andar porta per porta a domandar un tocco de pan. (parte)

SCENA II.
Tonina, poi Lissandro in maschera.

Tonina. Sior sì che la xe cussì. Mio mario ghe dà de bon in mand . Ma! chi mai l’averave dito? Baron!13 ch’el me fava tante carezze. Tolè susoe. Porlo far de pezo? L’è in dolof, el va via senza dirme gnente; el se vergogna, poveretto. (ironica) El gh’ha rabbia che l’abbia scoverto. (si sente battere) Chi diavolo xe che batte? (va ad aprire) O patron, sior Lissandro. (sostenuta, col suo medesimo tuono sdegnato, senza appena guardarlo)

Lissandro. (In maschera in bautta, ma senza il volto sul viso) Patrona siora Tonina. Gh’èlo sior Gasparo?

Tonina. Sior no, no ’l gh’è. (come sopra) [p. 450 modifica]

Lissandro. (Lo so anca mi che noi gh’è, e se no l’avesse visto fora de casa, per ancuo no ghe sarave vegnù). (da sè, ridendo)

Tonina. Nol ghe xe, sala14 sior Gasparo. (con sprezzatura)

Lissandro. Ho inteso. (Se podesse recuperar la mia roba!) (da sè)

Tonina. Se la vol tornar... (con dispetto ed impazienza)

Lissandro. Eh no gh’ho tanta premura. (Bisogna che in casa ghe sia baruffe, e gh’ho paura d’esser la causa mi. Da una banda me despiaseria). (da se)

Tonina. E credo che nol vegnirà per adesso, sala? (El me doverave capir). (da sè)

Lissandro. Ghe levo l’incomodo, ma... la diga...

Tonina. Mi no me n’impazzo, la veda, in ti interessi de mio mario.

Lissandro. La me parla in t’una certa maniera... (Che la sappia qualcossa de mi?) (da sè)

Tonina. Con grazia... (vuol andar via)

Lissandro. Vago via, ma la supplico d’una parola.

Tonina. Cossa comandela? (rustica)

Lissandro. A caso averavela visto certi stucchi, certe scatole con delle buccole, delle fiube15, dei anelli?

Tonina. Dove?

Lissandro. Qua in casa.

Tonina. Chi l’ha portada sta roba?

Lissandro. Son vegnù per un interesse da sior Gasparo...

Tonina. E avè lassa qua sta roba?

Lissandro. Me l’ho desmentegada.16

Tonina. Ho inteso. (affannata)

Lissandro. Coss’è stà? (timoroso)

Tonina. Mio mario avara17 regalà quelle sporche18 che ancuo xe stae qua a disnar. No ve digo gnente. Buccole, anelli, fornimenti; el vuol andar in malora, el se vuol precipitar elo, e el me vuol precipitar anca mi. [p. 451 modifica]

Lissandro. Le ha avudo zente a disnar ancuo? Le ha disnà in compagnia? (ridendo)

Tonina. Oh mi no, sior, mi no ghe son intrada. Elo, elo s’ha fatto st’onor.

Lissandro. Sior Gasparo xelo sta a casa a disnar?

Tonina. Sior sì, in compagnia de sette persone, quattro omeni, e tre donne, e mi el m’ha ficcà da mia mare.

Lissandro. (E no i sa gnente de mi? Mo la xe la più bella cossa del mondo). (da sè, ridendo)

Tonina. Ridè, ah?

Lissandro. Siora no, no rido. (tenendosi)

Tonina. Mo za, vualtri omeni gh’avè el cuor de orso, de tigre, fodrà de pelle de can.

Lissandro. Me dispiase de vederla desgustada; ma la mia roba l’ho lassada qua per accidente; sior Gasparo no me l’ha domandada, e son seguro che la se troverà tal e qual.

Tonina. Dove se troverala?

Lissandro. Adesso che ghe penso, come che gierimo là che fevimo certi conti co sior Gasparo, me recordo che l’ho messa in quel cassetin. (da sè)

Tonina. Se la ghe xe, tolevela.

Lissandro. Con so bona grazia. (apre) Poveretto mi, no gh’è gnente.

Tonina. Ghe xela?

Lissandro. Siora no. (malinconico)

Tonina. No ve l’oggio dito? Tutto l’ha dona via, tutto, e ghe ne fusse stà.

Lissandro. (Com’elo sto negozio? Che gh’abbia da perder cussì più de cento zecchini de roba?) (da sè)

Tonina. Mi ho paura ch’anca vu siè d’accordo con mio mario.

Lissandro. Oh siora no: ghe posso far tutt’i i zuramenti del mondo, che no semo d’accordo; ma cara siora Tonina, bisogna che la me aiuta.

Tonina. In che proposito?

Lissandro. Sta roba che ho lassà qua...

Tonina. Cossa gh’intrio mi? Domandeghela a elo. [p. 452 modifica]

Lissandro. (Son intriga morto). (da sè) La senta... Sior Gasparo no ghe n’ha colpa... sta roba che ho lassà qua...

Tonina. Sento zente su per le scale. Oh poveretta mi, sior Raimondo e siora Cattina! (affannata)

Lissandro. (Diavolo! i scoverzirà tutto. Mi no gh’ho cuor de restar. Se podesse andar via!) (da sè) Tornerò, a bon reverirla. Me permettela che vaga via per de qua? (si mette il volto)

Tonina. Sì, sì, dove volè... come oggio da far a riceverli? (Lissandro parte per l’altra porta) Con che cuor oggio da scusar quel senza giudizio de mio mario? (va ad incontrarli)

SCENA III.
Raimondo, Cattina e Tonina, poi Riosa.

Tonina. Serva umilissima. Che grazie? Che favori xe questi?

Raimondo. Bondì la mia sgnora19 Tonina.

Cattina. Sì, sì, cara. Son in collera con ella, ma quel che sta ben.20

Tonina. No so cossa dir, la gh’ha rason...

Raimondo. Oh l’an ve la perdona più mi fiola. (ridendo)

Tonina. No so cossa dir; so che i gh’ha tanta bontà l’uno e l’altro che i me compatirà. Mio mario... mio mario... giera impegna da sior Bernardin. (con pena)

Raimondo. El so; i me l’an ditt.

Cattina. Ma perchè no vegnir ella almanco?

Tonina. Mi, fia mia, in verità no saveva gnente.

Cattina. Oh giusto! no la saveva gnente?

Tonina. No, da donna d’onor che no saveva gnente.

Raimondo. Oh i n’21 l’avrà volsuda avisar, per no disturbarla da i so interess. Ma disim un poc, la mi fiola: è ’l andà ben el negozj?

Tonina. Qual negozio? [p. 453 modifica]

Raimondo. Quel cha fatt voster mari in cà del sgnor22 Bernardin.

Tonina. Cara ella, no la me fazza parlar...

Cattina. Oh via, che no i staga adesso a parlar de negozi.

Tonina. Vorla sentarse qua, vorla che andemo de là?...

Cattina. Gnente; mi no me son gnancora sfogada, e me veggio sfogar. La dise che la me vol tanto ben, e una zornada che avevimo da star insieme, la chiappa su e la n’impianta?23

Tonina. Ghe assicuro, siora Cattina, che mi no ghe n’ho colpa, e co mio mano m’ha dito24 sta cossa, el mio viso xe deventà una brasa de fogo. Anzi ghe dirò la verità. Mio mario voleva che vegnisse doman a domandarghe scusa, e in verità no saveva gnanca come far a vegnir.

Raimondo. Vì, se al sgnor Gaspar n’a psu25 esser con nu sta mattina, generosamente al vol ch’a cenamen in compagnì stassira.

Tonina. Dove? (con maraviglia)

Raimondo. Oh bella; in casa vostra, al n’ve l’ha ditt sior Gasper?26

Tonina. No, in verità, nol m’ha dito gnente.

Cattina. Gh’ala impegni? Anderala via anca stassera?

Tonina. No, cara siora Cattina, no la me mortifica d’avanzo27. Ghe digo e ghe accerto che no podeva aver una consolazion più granda de questa. Dove l’ala visto mio mario?

Raimondo. An l’ho minga vist, el m’ha scritt un bigliett. Oh el m’ha fatt rider con ste bigliett. (lo tira fuori e legge) Ci sarà tutta la compagnia fuori del ridicolo sior Zanetto e della sguattera sua consorte. S’ai iera28 quel matt, mi an ghe vegniva.

Tonina. Oh per mi za, la pol dir quel che la voli, mi no so gnente, mi no conosso nissun; el fa le so cosse senza dirme gnente.

Cattina. (Per mi me basta che ghe sia Bortoletto). (da sè)

Raimondo. Me despias solament una cossa. (a Tonina)

Tonina. Cossa, sior Raimondo? [p. 454 modifica]

Raimondo. Me despias ch’el sior Gasper29 abbia da suffrir una doppia speisa. Stamattina un disnar sontuos, stassira la cena.

Tonina. Tutta Venezia xe piena de sto gran disnar da un zecchin a testa.

Raimondo. Un zecchin a testa! Diavol! L’è ben purassà.

Tonina. Cossa disela? Che poco giudizio! Farse magnar el suo cussì miseramente. I giera in sette a magnarghe le coste30

Cattina. Siora?31

Raimondo. De chi parlev32, sgnora Tonina?

Tonina. Parlo de quei che ha magnà qua stamattina.

Raimondo. E i mittì tutti a mazz?

Tonina. Mi digo, che chi va a magnar in casa d’un omo maridà, in scondon de so muggier, sia chi se sia, i xe tutti poco de bon.

Cattina. Andemo a casa, sior padre. (sostenuta e sdegnata)

Tonina. Coss’è sta? (a Cattina, maravigliandosi)

Raimondo. La mi cara sgnora, se sem vegnù mi e mi fiola in casa vostra a magnar... (con caldo)

Tonina. Intendemose. No parlo miga della cena, parlo del disnar. (con forza)

Raimondo. E mi a ve respond del disnar. (con caldo)

Cattina. E se ella se fusse degnada de vegnir co i l’ha mandada a chiamar, no averessimo disnà in casa del mario, in scondon de la muggier33

Tonina. Come! Come! Oh poveretta mi! Coss’è sta cossa? Lori ha disnà qua stamattina?

Raimondo. Aviu dà voltag la mi fiola?

Tonina. Spieghemose: la me perdona, mi son in t’una confusion. Lori ha disnà qua stamattina?

Cattina. De cossa volevela domandarme scusa?

Tonina. Che ancuo mio mario no li ha podesti ricever, e nol gh’ha podesto dar da disnar. (affannata) [p. 455 modifica]

Cattina. Se anzi el n’ha invidà, e avemo disnà qua, e no avemo visto nè mario nè muggier...

Tonina. Gnanca mio mario no ghe giera? (con ansietà a Raimondo)

Raimondo. Sgnora no, al n’i è stà, al n’i è mai vegnù, e sem andadi vi senza poderl ringraziar.

Tonina. Oh cossa che sento! Oh cossa che la me dise! Mio mario no sa gnente! Mio mario xe innocente! La diga, la diga: chi ghe giera? Come èla stada?... Ma... L’aspetta, che qua se bira da freddoìh: oe Riosa. (affannata e contenta)

Riosa. Siora.

Tonina. Ghe xe fogo in tinello?

Riosa. Siora sì.

Tonina. Andemo, andemo, la favorissa. (li prende lutti due per mano) Che la me diga... Che la me conta... Oe Riosa, el paron xe innocente. (allegra) Son fora de mi dalla consolazion. (Corre tenendo li due per la mano, e fa traballare Raimondo, e tulli partono.)

SCENA IV.
Riosa, poi Gasparo con seguito di varie persone.

Riosa. Oh che gh’ho tanto da caroi, gh’ho tanto da caro! In verità per elo, ch’el xe el più bon paron che se possa trovar. Nol parla mai, el se contenta de tutto, sia salà, sia dessavìoj, quella bocca no parla mai. Mo come mai xela stada? Chi mai ha disnà ancuo in sta casa? Che ghe sia el foletto34? Ho paura de sì mi. Oh poveretta mi! Mi che dormo sola! Ah i averze la porta! (si vede aprire la porta, e trema)

Gasparo. (Entra solo, e parla sottovoce e lontano) Riosa.

Riosa. Ah el xe elo. (prende coraggio)

Gasparo. Dove xe la patrona? (sempre sottovoce e ridente) [p. 456 modifica]

Riosa. La xe... (forte)

Gasparo. Zitto, no ve fe sentir.

Riosa. La xe in tinello, e ghe xe sior Raimondo e siora Tonina. (anch’ella sottovoce e ridente)

Gasparo. Bon, bon. Xela su le furie?

Riosa. Oh la xe tutta contenta.

Gasparo. Sì? com’èla?

Riosa. No la sa?

Gasparo. Cossa?

Riosa. Ghe xe el foletto in sta casa.

Gasparo. Oh sì, so mi che foletto ch’el xe. Impizzè una luse35, e andè a verzer36 el cameron.

Riosa. Oh mi no, sior, che no ghe vago.

Gasparo. Per cossa?

Riosa. Perchè gh’ho paura del foletto.

Gasparo. Eh via, matta.

Riosa. No in verità, che no ghe vago, che no me vôi ispiritar.

Gasparo. Via, via, lasse star. Delle volte la paura pol far dei brutti scherzi. Impizzè quella luse, che anderò mi.

Riosa. Cossa vorlo far a sta ora in quel cameron? (accendendo il lame)

Gasparo. No disè gnente alla patrona che mi ghe sia, nè disè gnente del cameron, nè de sta zente che vederè. (va pian piano alla porta) Amici, vegnì avanti pian pian. (sottovoce alla porta, e si vedono entrare varie persone:37 alcuni con delle placcheì38 e delle chiocchek, e delle candele di cera in una cesta, ma che si vedano; altri con degli strumenti, violoni, violini, corni, e qualche maschera ancora) Vegnì con mi. (prende il lume)

Riosa. Coss’è sto negozio? (a Gasparo)

Gasparo. Zitto, no disè gnente a nissun. Dove xe el mio tabarro e la mia bautta? (a Riosa) [p. 457 modifica]

Riosa. In cameron; sul tavolin sotto el specchio.

Gasparo. Zitto. (a Riosa, e ridendo parte col lume in mano e tutti gli vanno dietro.)

SCENA V.
Riosa, poi Lissandro in maschera.

Riosa. I sonadori! Bisogna ch’el voggia far un festin. Ghe scometto mi ch’el vol far un’improvvisata a so muggier. Siestu benedetto! Va là che ti xe una pua.l Ti xe una pasta de marzapan. Lo gradirala gnanca sta rustegona? (prende il lume in mano) Oh l’ha lassà la porta averta: presto presto, che la vaga a serrar. Nissun me leverà dalla testa che in sta casa no se ghe senta. (tiene in mano il candeliere, e va per chiudere la porta. Nell’atto ch’ella vuol chiudere, si presenta Lissandro in maschera, col volto sul viso. Riosa si spaventa, le casca il candeliere di mano, la candela si smorza e grida) Agiuto.

Lissandro. Non abbiè paura, son mi. (si avanza)

Riosa. Agiuto, agiuto. (torna a gridare, si salva all’oscuro, e corre via)

Lissandro. Se trovasse la porta... (vorrebbe andar via)

SCENA VI.
Tonina con lume in mano, e Lissandro.

Tonina. Coss’è sta, cossa xe sti zighi?39 Siora maschera, cossa voleu? (fra il timore e lo sdegno)

Lissandro. Son mi, siora Tonina. (si smaschera confuso)

Tonina. Ah vu sè, sior Lissandro? (Ho ben gusto ch’el sia elo). (da sè, ridendo) Cossa gh’aveu fatto a Riosa?

Lissandro. Mi no gh’ho fatto gnente. La porta giera averta, voleva chiamar, la m’ha visto in maschera, e la s’ha messo in sto boccon40 de paura. [p. 458 modifica]

Tonina. Vardè che stramba! L’averà lassa ella la porta averta. (Se posso, me vôi divertir con sto cortesan). (da sè, e va a chiuder la porta41)

Lissandro. Xe mo che, per dirghe la verità, giera vegnù giusto per parlar con Riosa.

Tonina. Dasseno? Cossa voleu da ella?

Lissandro. Ghe dirò... Me sta sul cuor la mia roba, voleva domandarghe se a caso la l’avesse trovada, se la l’avesse messa via in qualche logo...

Tonina. Oh sior no, ve l’assicuro mi che no l’ha trova gnente. Se la l’avesse trovada, figureve, la me l’averave dito.

Lissandro. Bisogna donca che sior Gasparo l’abbia avuda elo.

Tonina. Via, via, no v’inquietè; se el la gh’averà elo, el ve la darà.

Lissandro. Noi xe gnancora vegnù sior Gasparo42?

Tonina. Gnancora.

Lissandro. (Vorave andar, vorave restar). (da sè)

Tonina. Aspettèlo, ch’el pol star poco a vegnir.

Lissandro. Me despiase... No vorria... (No so quala far). (da sè)

Tonina. (El gh’ha paura d’esser scoverto, bisogna procurar de fidarlo43). (da sè) Sior Lissandro, savè de quel disnar che s’ha fatto qua stamattina?

Lissandro. Che disnar? (ridendo)

Tonina. Oh via; cossa serve? So che sè stà anca vu a sto disnar.

Lissandro. Anca mi ghe son stà? (ridendo)

Tonina. Sì, lo so de seguro.

Lissandro. Co la lo sa donca....

Tonina. Sentì, no xe sta miga mio mario, savè, che l’ha fatto far sto disnar.

Lissandro. No? (con affettazione)

Tonina. Oh giusto! gnanca per immaginazion.

Lissandro. Mo chi donca? (con maraviglia affettata) [p. 459 modifica]

Tonina. No ve poderessi mai immaginar.

Lissandro. Mi no saverave. (con affettata curiosità)

Tonina. Oe... Zitto che no i ne senta. Xe sta quela flemma malignaza de sior Raimondo. (piano e ridendo)

Lissandro. Eh via!

Tonina. Cossa diseu? Chi l’averave dito?

Lissandro. Lo sala de seguro?

Tonina. Oh no gh’è nissun dubbio. El xe stà elo che n’ha fatta sta burla. El n’ha fatto parecchiar sto disnar, sperando che ghe fussimo anca nu; no l’averà savesto dove trovarne, e adesso el se vergogna de dirlo. Sentì, sentì, el voleva buttarla sora de vu... (ridendo)

Lissandro. Sora de mi?....

Tonina. Figureve, mi che son dretta, l’ho subito dito. Sior Lissandro, digo, che confidenza gh’alo in casa mia de vegnirme a far sta insolenza? Fina sior Raimondo, el xe mio santolo, el m’ha visto putella, el xe un omo vecchio, el xe quel ch’el xe, el se pol tor sta sorte de libertà. Ma sior Lissandro nol gh’ha nissuna rason de vegnir in casa nostra co no ghe semo, le xe burle che a elo no ghe convien, el xe un omo civil, e no lo credo capace de far de ste male azion. Ah, cossa diseu? Oggio dito ben?

Lissandro. Pulito, pulito. (mortificato) E sior Raimondo coss’alo dito?

Tonina. Oe, no l’ha savesto cossa dir. El s’ha imutìo44. L’ha tasesto, e chi tase conferma.

Lissandro. Brava, brava, da galantomo. (ridendo) (Fin adesso la va ben. Nissun sa gnente de mi). (da sè, ridendo)

Tonina. (Ghe l’ho piantada pulito a sto cortesan). (da sè, ridendo)

Lissandro. E sior Gasparo mo coss’alo dito elo a proposito de sto disnar?

Tonina. Oh, elo el l’ha dito subito che sarà sta sior Raimondo. [p. 460 modifica]

Lissandro. Se gh’ho da dir la verità, el me giera vegnù in testa anca a mi.

Tonina. Oh sì, la xe natural.

Lissandro. E cossa mo xeli vegnui a far qua sior Raimondo e so fia?

Tonina. I xe vegnui, perchè li avemo invidai. Tanto xe vero, che mio mario ha sospettà de lori, che per renderghe la burla, el li ha pregai de vegnir qua stassera a zogar alla Meneghellam, e all’improvviso el ghe fa parecchiar una cena. Doveressi restar anca vu, sior Lissandro.

Lissandro. Ghe dirò: sior Gasparo per so grazia l’ha mandà al caffè dove ch’el sa che son solito a andar. E se gh’ho da dir la verità, el m’ha invidà a cenar da elo.

Tonina. Oh bravo, bravo! Gh’ho gusto. Rideremo, se divertiremo.

Lissandro. Ma me despiase de no poder restar.

Tonina. Oh no ve lasso andar via, vedè. (ridendo)

Lissandro. Me despiase che gh’ho un impegno...

Tonina. Oh no ghe xe impegni che tegna. E po, se ve preme i vostri anelli e le vostre fiube, bisogna ben che l’aspettè.

Lissandro. Veramente i me premerave... (Ma se resto a cena, xe impussibile che no se scoversa45, e dopo quele quattro fregole46 che l’ha m’ha diton...) (da sè)

Tonina. Via, animo, cavève zosoo. (ridendo, e con forza)

Lissandro. No, siora Tonlna... La ringrazio, ma no posso restar. (vuol andar via)

Tonina. Oh no ghe andè, vedè, fora de sta porta. (si mette colla schiena alla porta)

Lissandro. Cara ella, la me permetta. (guarda per sortire per l’altra porta)

Tonina. Si, sì, vardè pur. Ho serrà colle chiave. Per de là no se va più via. (si batte forte alla stessa porta, e Tonina si spaventa un poco) De dia!47 i m’ha fatto paura! Chi è che batte cussì pulito? (apre) [p. 461 modifica]

SCENA VII.
Cecilia, Bortolo e detti.

Cecilia. Amici.

Tonina. Chi domandeli?

Cecilia. No la me cognosse, siora Tonina?

Tonina. Me par, e no me par.

Lissandro. (Se podesse sbrigarmela!) (tenta di andarsene, ma gli altri restano verso la porta, e Tonina sta attenta, e chiude.)

Bortolo. Semo boni amici de sior Gasparo, e semo pieni d’obbligazion.

Cecilia. Certo: no gh’ha bastà favorirne sta mattina, el vuol che godemo le so grazie anca stassera.

Tonina. Oh cossa disela? L’onor, semo nu che lo ricevemo.

Lissandro. (Sieu maledetti! Se moverali de là una volta?) (da sè)

Tonina. (Te cognosso, ma no ti va via) (da sè, accennando Lissandro) La favorissa, no xela sior Bortolo ela?

Bortolo. Per servirla.

Tonina. E sta signora me par de conoscerla...

Bortolo. La xe mia muggier.

Tonina. Ah so consorte la xe! E mi delle altre volte che ho avuda la fortuna de vederla, l’ho sempre credesta so sorella.

Cecilia. Dasseno! (un poco confusa) (Sentìu in che impegni che me mettè? Oh stassera no vado via de qua, se la cossa no xe dichiarada). (piano a Bortolo) Sior Lissandro, patron. (scoprendolo nel cuor del sudetto discorso, lo saluta grossamente)

Lissandro. Patrona reverita.

Tonina. Andemo de là, se le se contenta. (a Cecilia e a Bortolo)

Cecilia. Quel che la comanda. (rasserenandosi per non darsi a conoscere)

Lissandro. Me permettela? (a Tonina, per andarsene)

Tonina. Sior no. (a Lissandro)

Bortolo. La perdoni, no gh’ha da esser, me par, anca sior Raimondo? (a Tonina)

Tonina. Sior sì, el xe de là in tinello co la so putta. [p. 462 modifica]

Bortolo. Dasseno! xeli soli?

Tonina. I xe soli, ma ghe dirò. Sior Raimondo m’ha domandà da scriver, e mi, per no far chiaccole, per no disturbarlo, gh’ho dà un libro a siora Cattina, e gh’ho dito che co sior Raimondo ha fenio, la me chiama.

Bortolo. Andemo, andemo a tegnirghe un poco de compagnia. (offre la mano a Tonina)

Tonina. Via, sior Lissandro, deghe man a sta signora.

Lissandro. Mi la sa quel che gh’ho dito.

Tonina. La varda che azion che me vuol far sior Lissandro. Mio mario l’ha invidà, mi lo prego, e nol vuol restar. (a Cecilia, ridendo)

Cecilia. Oh el resterà, el resterà. (lo prende per mano)

Lissandro. Ma se ghe digo... (cercando di liberarsi)

Tonina. L’è capace de scampar, sala? (a Cecilia, ridendo)

Cecilia. Vorave veder anca questa. (contro Lissandro)

Bortolo. Via, sior Lissandro. (forte)

Lissandro. Ma se no posso.

SCENA VIII.
Cattina, poi Raimondo e detti

Cattina. Oh cari, cossa fali qua co sta bella conversazion?

Bortolo. Oh siora Cattina, patrona. (con allegria lascia Tonino e le corre incontro.)

Tonina. Alo fenio sior Raimondo? (anch’ella si accosta a Cattina)

Cecilia. Patrona, siora Cattina. (lascia Lissandro, e corre do Cattina)

Cattina. Debotto. (a Tonino)

Lissandro. Se posso, me la batto. (va verso la porta)

Tonina. El ne scampa, el ne scampa. (a Cecilia, parlando di Lissandro)

Cecilia. Fermèlo, fermèlo. (corre e gli porta via il cappello)

Lissandro. Diavolo maledetto!

Raimondo. (Colla penna da scrivere in mano) (Coss’è ste tananai?)

Tonina. Sior Lissandro che vuol andar via. [p. 463 modifica]

Cecilia. Ch’el vaga, se ghe basta l’anemo. (mostrando il cappello)

Bortolo. L’è ch’el vien zoso un’acqua che la consola.

Tonina. Meggio.

Cecilia. Oh che gusto!

SCENA IX.
Riosa e detti.

Riosa. Siora patrona. (affannata)

Tonina. Cossa gh’è?

Riosa. Presto, la vegna in cameron, presto. (affannata)

Tonina. Coss’è sta? (intimorita)

Riosa. La vegna a veder cossa che ha fatto el foletto. (ridendo)

Tonina. Eh va via, matta.

Riosa. Che i vegna, che i vederà. (ridendo e facendo festa)

Tutti. Andemo, andemo.
(Cecilia e Tonino prendono in mezzo Lissandro, Bortolo dà mano a Cattina, Raimondo seguita Riosa, ride, e tutti partono.)

SCENA X.
Camerone illuminato, e colle sedie accomodate per una festa da ballo.

Gasparo in maschera in bautta, e varie maschere che passeggiano. Subito l’orchestra suona con minuetti; poi Tonina, Cecilia e Lissandro senza cappello, Bortolo, Cattina e Raimondo. Entrano tutti maravigliandosi, e Tonina principalmente fa grandi maraviglie battendo le mani come sogliono fare le donne che si meravigliano di qualche cosa, e facendo delle esclamazioni di giubilo. Ah! Ah! Coss’è sta cossa? Gasparo in un canto mascherato, tenendosi ben coperto col tabarro, ride, e se la gode. Tutta questa Pantomima dura una parte di minuetto, poi gl’instrumenti si fermano, e principiano a parlare.

Tonina. Cossa xe sto negozio? Chi xe ste maschere? Coss’è sta zente? (a tutti)

Cecilia. Poveretta! No la sa gnente. (ironica) [p. 464 modifica]

Tonina. No, da donna onorata che no saveva gnente, e che no so gnente.

Lissandro. Mi resto incantà, e stimo che no se vede sior Gasparo.

Raimondo. (Passeggia sbuffando) Che l’am perdona, sgnora Tonina. (passeggiando)

Tonina. Coss’è? sior Raimondo, la gh’alo con mi?

Raimondo. L’è veira che mi cugnà m’ha fatt jersira l’istessa soverchierì, ma lìp, l’am perdona, an la credeva capaz.

Tonina. M’intendelo che no so gnente? Credelo che sia una donna onorata? (a Raimondo)

Raimondo. Catterina.

Cattina. Sior. (mortificata)

Raimondo. Andemq.

Cecilia. Eh no, sior Raimondo, za che ghe semo...

Tonina. L’aspetta un momento. La lassa che sappiemo almanco... (a Raimondo)

Gasparo. (Da sè in un canto, e ride.)

Tonina. Sior Lissandro. (accostandosi a lui)

Lissandro. Siora.

Tonina. Coss’èlo sto negozio? (con calore)

Lissandro. A mi la mel48 domanda?

Tonina. Ghe scometteria la testa... (a Lissandro)

Lissandro. Oh la la perderia. (a Tonina)

Tonina. Vorave ben saver chi ghe xe in casa mia. (Fa dalle maschere ad una ad una domandando piano. Le maschere con civiltà la salutano, e fanno cenno che non sanno niente; intanto Lissandro e Cecilia parlano come segue, e Raimondo passeggia.)

Lissandro. La diga, siora Cecilia, xela una bella figura che la me fa far, a star qua cussì come un matto?

Cecilia. Voressi el vostro cappello.

Lissandro. Se ghe par che cussì staga ben.

Cecilia. Deme el tabarro e la bauta, e mi ve darò el cappello. [p. 465 modifica]

Lissandro. Oh via, no femo chiaccole.

Cecilia. Oh, se no me de el tabarro e la bauta, no ghavè el cappello.

Lissandro. Eh sangue de diana! Che la sia come esser se voggia. Ghe semo, stemoghe, animo. (si cava il tabarro e la bautta) La toga, la me daga el cappello, e divertimose, e ballemo, che ballerò anca mi.

Cecilia. Bravo! Cussi me piase. (gli dà il cappello, prende la bautta e il tabarro, e lo dà alla scena.)

Tonina. (Dopo aver fatto il giro delle maschere, arriva vicina a Gasparo) E cussì, siora maschera, se pol saver...

Gasparo. (Ride.)

Tonina. Oh siestu malignazzo!49 Adesso ho capio. (lo conosce) Senza dirme gnente! (piano a Gasparo)

Gasparo. Tasè; no disè gnente a Lissandro. (piano a Tonina)

Tonina. Patroni, adesso ho savesto tutto. (alla compagnia) Mio mario, senza dirme gnente, l’ha imprestà el portego a questi che ne sta dessora50, e i xe qua tra de lori che i se diverte in fameggia.

Cecilia. Se péttelar . (a Tonino)

Tonina. La tasa che ghe conterò. (piano a Cecilia, urtandola)

Lissandro. E nol gh’ha dito gnente sior Gasparo? (a Tonino)

Tonina. Cossa diseu? Nol m’ha dito gnente. Ma col vien a casa, el me sentirà. (affettando d’esser in collera)

Lissandro. (Vorave squasi che nol vegnisse). (da sè)

Raimondo. Anim, Catterina, andem. (risoluto)

Cattina. Sia malignazzo! (mortificata)

Tonina. La vuol andar via? (si accosta pian piano a Raimondo)

Raimondo. An vui52 ch’resta qua la mi fiola con de la zent ch’an se cognoss.

Tonina. (La tasa, che la xe una burla de mio mario). (piano a Raimondo) [p. 466 modifica]

Raimondo. (Mo dov’el el sior Gasper?) (piano, rasserenandosi)

Tonina. (Quella maschera là infondi). (piano a Raimondo)

Raimondo. (N’occor alter, ai ò capì),. (piano a Tonina, e va bel bello, a poco a poco, per non dar nell'occhio, accostandosi a Gasparo)

Tonina. Via, con licenza dei patroni della festa, che la fazza un menuetto, siora Cattina.

Cattina. (Quarda Raimondo pateticamente.)

Tonina. Se contentelo, sior Raimondo?

Raimondo. An gh’è miga sta gran premura. (a Tonina)

Cecilia. Oh sior sì, sior sì; mettemose in moto un pochetto. Con licenza de chi comanda. Sonadori, sonè.
(Li suonatori suonano un minuetto. Cattina balla con Bortolo. Intanto Raimondo si accosta a Gasparo; siedono vicini, si parlano piano, e ridono. Tonina e Cecilia siedono da un’altra parte, parlano tra di loro, e ridono. Finito il minuetto. Cattina va a sedere vicina a Bortolo. Tutti applaudiscono al minuetto. Gasparo batte le mani, e ride.)

SCENA XI.
Riosa e detti.

Riosa. Sior patron... (forte verso Gasparo, ma da lontano)

Tonina. Gossa voleu dal patron? Qua nol ghe xe el patron. (a Riosa)

Riosa. Ah sì, nol ghe xe; no m’arecordava. (ironica)

Tonina. Cossa volevi?

Riosa. Ghe xe do maschere alla porta che vorave intrar.

Tonina. Ghi xele?

Riosa. Mi no so, la veda, che mi no gh’ho averto. I m’ha dito che le xe do maschere omo e donna.

Tonina. Chi domandeli!

Riosa. El patron.

Tonina. Chi mai porli esser?

Raimondo. (Domanda piano a Gasparo, ed egli fa cenno che non sa niente.)

Lissandro. Vorla che vaga a veder mi? (a Tonina) [p. 467 modifica]

Tonina. Sì ben, sappieme dir.

Cecilia. Oe, no ghe dè miga el tabarro e la bauta, vedè. (alla scena)

Lissandro. No la se indubita, che adesso no vago via gnanca se i me bastona. (in atto di partire)

Riosa. Oh el diga, faroggio anca mi una furlana? (a Lissandro)

Lissandro. Sì ben, la farè con mi. (a Riosa, e parte)

Riosa. Oh che caro matto ch’el xe! (parte)

Tonina. (Si alza, e corre da Gasparo) Che Voggia che ve xe vegnù de far sta chiassana53.

Gasparo. Senteve qua, che ve conterò. (piano)

Raimondo. (Vorrebbe levarsi.)

Tonina. No, no, che nol se incomoda. (a Rainìondo)

Gasparo. Qua, qua, ch’el senta anca elo. (sono tutti tre a sedere vicini, parlano piano, e ridono.)

Cecilia. E cussì, cossa penseu de far? (a Bortolo, che senta anca Cattina, ma sottovoce.)

Bortolo. Cossa me conseggieu?

Cecilia. Mi ve digo cussì, che se tiremo de longo, ghe va della vostra, e della mia reputazion.

Cattina. Voravela che andasse via? (a Cecilia, con passione)

Cecilia. No digo questo, ma qualcossa bisogna far: perchè no ghe parleu a sior Raimondo? (a Bortolo)

Bortolo. No so cossa far. Sia maledio cos ho finto da esser maridà.

Cecilia. Voleu che ghe parla mi?

Bortolo. Magari!

Cattina. Oh sì, cara ella.

Cecilia. Mo za bisognerà che m’espona mi.

Bortolo. Via, cossa voleu far? Per el vostro povero fradello.

Cecilia. Oh putti senza giudizio! (si alza) Ma mi son stada una matta. (da sè, camminando) Sior Raimondo.

Raimondo. Sgnorat. [p. 468 modifica]

Cecilia. Con licenza de siora Tonina, e de quella maschera che no conosso. (ironica, Gasparo la saluta ridendo) Vegnirala in tinello a ascoltar una parola?

Raimondo. Mi sol?

Cecilia. Ella solo.

Raimondo. Senza mi fiola?

Cecilia. La xe qua... Ghe xe siora Tonina.

Raimondo. A gh’la raccomand. (a Tonina, e s’alza)

Tonina. Ch’el staga col so cuor quieto. (s’alza, e s’incammina verso Cattina.)

Cecilia. La vegna con mi. (a Raimondo, passano dinanzi a Cattina, e Bortolo. Cattina abbassa gli occhi, e Bortolo si alza, e fa una riverenza a Raimondo, rispettosa e timida.)

Raimondo. Ch’ai n s’incomoda. (a Bortolo) Coss’al el so sgnor consort, ch’al me par malinconich? (a Cecilia)

Cecilia. Ghe conterò. Gh’ho da parlar de elo. (piano a Raimondo)

Raimondo. Oh! Ai ò54 da sentir di guaj. Am despiass. (da sè, e parte con Cecilia)

Tonina. Son qua con ela. (siede vicino a Cattina) Cossa gh’ala che la me par sbattuettau. (a Cattina)

Cattina. Oh gnente; no in verità, gnente. (Oh come che me batte el cuor!) (piano a Bortolo)

Bortolo. E mi! Me trema fina le gambe. (piano a Cattina)

SCENA XII.
Lissandro e detti, poi Riosa.

Lissandro. Sala chi xe? (a Tonina, ridendo)

Tonina. Chi?

Lissandro. Sior Zanetto Bigolini.

Tonina. Mi no lo55 cognosso. (Gasparo freme, Bortolo e Cattina ancora) [p. 469 modifica]

Lissandro. El xe el più caro matto de sto mondo.

Tonina. E la donna! (a Lissandro)

Lissandro. (Guarda intorno) Sì ben, no gh’è nè siora Cecilia, nè sior Raimondo, lo posso dir. El xe colla massera de siora Cecilia.

Tonina. Chi èlo sto pezzo de aseno? Xelo logo questo de menar massere? (si alza)

Lissandro. La se ferma. Chi fa la festa, no l’ha da saver. Co ela ha impresta el portego, no la xe più casa soa. Lucietta xe vestìa coi abiti de la patrona, e la passa per so muggier. (Gasparo freme, e si alza)

Tonina. Coss’è ste baronade? Me maraveggio de vu, sior.

Lissandro. Mo la se ferma; el xe un chiassetto56 de carneval.

Riosa. Chi gh’ha nome sior Bortolo?

Bortolo. Mi, fia. (alzandosi con affanno)

Riosa. Che la vegna in tinello, che i la domanda. (parte)

Bortolo. Vegno. (Vago a sentir la mia sentenza). (parte)

Cattina. (Poveretta mi! Me par che me vegna mal). (da sè, e beve qualche spirito)

Tonina. Cossa gh’ala? (a Cattino)

Cattina. Gnente, fazzo perchè no me vegna sonno.

Tonina. E cussì, sior, cossa me diseu de chiassetti? Coss’è sto finzerse mario e muggier? (a Lissandro)

Lissandro. (Guardandosi intorno) La xe una burla; giusto come quella de sior Bortolo e de siora Cecilia.

Tonina. Come! No i xe mario e muggier, sior Bortolo e siora Cecilia? (con maraviglia)

Lissandro. No la sa che i xe fradello e sorella?

Tonina. Mi! No v’arecordè cossa che i m’ha dito in portego, co i xe vegnui? (con caldo, fremendo)

Lissandro. No gh’ho miga bada, la veda.

Gasparo. (Ride, e passeggia.)

Cattina. (Oh poveretti nu, in che intrigo che semo!) (da sè) [p. 470 modifica]

Tonina. Siora maschera, cossa diseu? (a Gasparo, fremendo)

Lissandro. Xelo el patron della festa? (a Tonina)

Tonina. Sior sì, sior sì; el xe el patron. (a Lissandro)

Lissandro. Signor, no la se metta in sospetto de gnente, perchè i xe tutti galantomeni, persone oneste; la xe una burla, e no gh’è gnente de mal. (a Gasparo, ridendo)

Gasparo. (Fa cenno che domandi permissione a Tonina.)

Lissandro. Siora Tonina, se contentela che le vegna ste maschere? (a Tonina)

Tonina. Dove xele? (a Lissandro)

Lissandro. In portego.

Tonina. Chi le ha fatte intrar?

Lissandro. Gh’ho averto mi, veramente.

Tonina. Chi va dà sti ordini, sior?

SCENA XIII.
Zanetto e detti, poi Riosa.

Zanetto. (Senza volto, e colla bautta sotto la gola, correndo innanzi, dice) Vedendo che le s’ha desmentegà de un so umilissimo servitor, me son tolto la libertà de rassegnarghe el mio gran rispetto, e de supplicarle della so devotissima tolleranza.

Tonina. Bracket left 2.png (si guardano l'uno l'attro, e non ponno far a meno di ridere
Gasparo.

Lissandro. Lassèlo andar via, se ve basta l’anemo. (a Gasparo)

Zanetto. Se le me permette...

Riosa. Siora Cattina. (chiamandola)

Cattina. Me chiameli? (a Riosa, alzandosi con ansietà)

Riosa. I la chiama in tinello. (parte)

Cattina. Vegno, vegno; co so bona grazia, (a Tonina, correndo)

Zanetto. Dove vala? Dove vala? (a Cattina, andandole dietro)

Cattina. Cossa vorlo saver? Che el me lassa star. (Oh co i me chiama, xe bon segno) (da sè, parte)

Zanetto. Se le me permette, me cavo zo. (si cava il tabarro e bautta, si guarda l’abito, e si pavoneggia) [p. 471 modifica]

SCENA XIV.
Lucietta in maschera, col volto sul cappello, e con la bautta mal messa; Riosa e detti.

Riosa. La varda, ghe xe qua sta signora in maschera... (introducendola)

Zanetto. (Corre a prender Lucietta) Le me permetta che abbia l’onor de presentarghe....

Lissandro. La so signora consorte. (a Zanetto, ridendo)

Zanetto. No... (si guarda intorno se vede Cecilia o altri) La massera de Siora Cecilia. (sottoooce. Gasparo e Tonino non possono lasciar di ridere)

Lissandro. Cossa gh’oio dito? (a Gasparo e Tonino)

Riosa. (Siestu maledìa! Varè che sporca? E mi ancora gh’ho fatto tante cerimonie!)

Lucietta. No la ghe xe la patrona? (a Zanetto)

Zanetto. Via, fe el vostro debito, e ringrazieli. (a Lucietta)

Lucietta. Patroni. (fa una riverenza sgarbata) Grazie tanto57. No avemio disnà qua stamattina? (a Zanetto)

Zanetto. Certo; no v’arecordè?

Lucietta. Ceneremio anca?

Riosa. (La vegna, lustrissima, la vegna in cusina che ghe faremo una polentina). (si ritira un poco per rispetto dei patroni)

Zanetto. Me permettela? (a Tonino)

Tonina. Via, per un minuetto la se comoda.

Zanetto. Sonadori, sonemelo bello e longo58 Favorissela? (a Tonina)

Tonina. No dasseno, mi no ballo. Perchè no ballelo co la so maschera?

Zanetto. La gh’ha rason. Son qua; animo59 un menuetto gaggiardo. (a Lucietta)

Lucietta. Oh mi no, sior...

Zanetto. Anemo, anemo, digo.

Lucietta. Se no ghe ne so.

Tonina. Via, da brava. (a Lucietta)

Lissandro. Feve coraggio. (a Lucietta) [p. 472 modifica]

Lucietta. Farò quel poco che so. (Finito il minuetto, tutti applaudiscono. Zanetto si pavoneggia.)

Lissandro. Animo, una furlana. (prende Lucietta. Sonatori suonano, Lissandro e Lucietta ballano la furlana.)

SCENA ULTIMA.
Tutti.

Cecilia avanti, poi si vedono Cattina e Bortolo che si tengono per mano, e Cattina s’asciuga gli occhi col fazzoletto; ultimo viene Raimondo. Cecilia. Bravi, bravi. Evviva chi balla... Cossa fastu qua ti? (a Lucietta)

Lucietta. El xe vegnù a torme, el m’ha dito che la lo saveva. (a Cecilia, mortificata)

Cecilia. Chi v’ha dà sta libertà, sior, che andè a casa da mi e che menè con vu la mia serva? (a Zanetto)

Zanetto. Se l’ho fatto, l’ho fatto con le mie razon60. Dov’èlo sior Raimondo?

Raimondo. A son qua mi, per obbedirla.

Zanetto. E la crede che mi sia maridà?

Raimondo. Un galantom ne doverav61 mentir.

Zanetto. La gh’ha rason, ma no xe vero gnente.

Tonina. Oh che zavaggiv. Oh che polacchi62! E ella, siora Cecilia, perchè lassela che so mario tegna per man co sta confidenza la fia de sior Raimondo?

Cecilia. Vorla saver el perchè? Perchè sior Bortolo ancuo xe stà mio mario, e doman el sarà mario de siora Cattina.

Tonina. Com’èlo sto negozio? (con allegria)

Zanetto. No xe vero gnente, no i sa cossa che i se diga. E mi son qua per domandarghela a sior Raimondo. [p. 473 modifica]

Raimondo. E mi son qua per dirgh, che mi fiola l’è promessa, e che dman la sarà maridà.

Zanetto. Con chi, patron?

Raimondo. Con un galantom che merita la mi stima, e che abbrazz com zener, e com mi fiol. (lo abbraccia. Bortolo abbraccia Raimondo teneramente, senza parlare; Cattina piange forte di consolazione.)

Zanetto. Sangue de mi! cospetto de mi! No la posso tegnir.

Tonina. Ma come xela stada? Contème. (a Raimondo)

Raimondo. La sgnora Cecilia ve la conterà lì. Mi an ve poss dir gnent; v’assicur che son fora de mi da la consolazion.

Lissandro. Orsù, za che la cossa xe andada ben, qua bisogna cavarse la maschera, e dir le cosse come che le xe. Sta barca l’ho menada mi, e la xe arrivada a bon porto. Xe vero che sior Gasparo ha pagà el nolo, ma el xe un galantomo, el xe bon amigo. Col vegnirà63 ghe domanderemo scusa, e con sette zecchini de la so moneda el sugherà sta lissiaw .

Gasparo. (Si leva la maschera) Bravo, compare Lissandro!

Lissandro. (Un poco confuso) Com’èla? Ve ne aveu per mal?

Gasparo. Niente, compare. Semo amici, e saremo amici.

Lissandro. E la mia roba? I mi scrignetti li gh’aveu vu?

Gasparo. I vostri scrignetti i xe in bone man. Andè da l’osto qua vesin. Deghe sette zecchini del disnar de stamattina, e el ve darà pontualmente la vostra roba, e mi ve dago de soraviax la cena de stassera, el festin e la vostra chiave del saggiaory. (gli dà la chiave)

Tutti. Bravo, bravo. (a Gasparo, e danno la battarella a Lissandro)

Lissandro. Gh’avè rason. Compatì un chiassetto de carneval. Pagherò volentiera i sette zecchini per la consolazion che sto tal accidente abbia prodotto la consolazion de sti do zoveni innamorai.

Zanetto. E mi? [p. 474 modifica]

Lissandro. E ela l’r ha fatto el so ballo.... Deghe el so tabarro e la so bauta. (alla scena)

Zanetto. E mi resto senza muggier!

Lissandro. E cussì!

Zanetto. E anca... I me manderà via senza cena?

Tonina. Sior no, sior no, poveretto, che el resta. (a Gasparo)

Gasparo. Cossa disela, sior Raimondo?65

Zanetto. Grazie, cenemo, ballemo, divertimose, e no ghe vôiz più pensar.

Tonina. Oe putti, cossa feu? Vegnì avanti. Aveu perso le parole? (a Bortolo e Cattina)

Bortolo. Son confuso, tra l’allegrezza, la contentezza, e el rimorso de qualche busia che ho ditto, e la confusion che i m’abbia cussì ben perdonà.

Tonina. Bravo! e vu, fia? (a Cattino)

Cattina. Mi, siora... ghe digo... che me sento... In verità no so cossa dir.

Tonina. Siori; no la pol dir gnente, ma la dise assae. No la gh’ha fiàaa de parlar, perchè el so spirito xe impiega a consolar el so cuor. Lassemo che la se remetta in forza, e dopo del so incantesmo, succederà l’allegria. Intanto divertimose, ballemo e po andaremo a cenar. Ma prima che se torna a ballar, permetteme che diga quattro parole a chi seab convien.

          Siori, i nostri chiassetti xe fenii;
          Se ve sè divertii,
          Tanto meggio per nu. Ma per saverlo
          Come mai se pol far? Sì, benedetto
          L’uso sia de Venezia. Se in Teatro
          Qualcossetta ghe xe che dà diletto,
          Colle man e coi piè se fa chiassetto.
 Segue la contradanza.

Fine della Commedia.


Note dell’autore
  1. Frase bassa, come se dicesse, è il suo diavolo che se lo porti.
  2. Osato.
  3. Che linguaccia!
  4. L’esempio, la facilità12.
  5. Tolè suso, lo stesso che ecco qui.
  6. Si conosce da sè che è colpevole.
  7. Siete impazzita.
  8. Birar da freddo, intirizzire.
  9. Aver da caro, aver caro, sentir piacere.
  10. Che le vivande sieno salate, o sieno insipide.
  11. Lampadari.
  12. Buono come un bambino.
  13. Gioco di carte così chiamato dai Veneziani.
  14. Dopo il discorso che ella m’ha tenuto.
  15. Smascheratevi.
  16. Ella.
  17. Andiamo.
  18. Frase bassa, il di cui significato è: V'immaginate che lo crediamo51.
  19. Co, quando.
  20. Sgnora, signora.
  21. Di ciera pallida e patetica.
  22. Imbrogli.
  23. Darà fine a questa faccenda64.
  24. Di soprapiù.
  25. Saggiaor, saliscendi.
  26. Non ci voglio.
  27. Fiato, respiro.
  28. Si.
Note dell’editore
  1. Cussì trovasi quasi sempre nelle commedie dialettali del Goldoni; ma qui nel testo dello Zatta si legge cossì.
  2. Se lo tenga per sè: detto con isprezzo. Petar, attaccare.
  3. Questo pronome mi, io, posposto al verbo, è un rinforzativo comunissimo nel dialetto veneto.
  4. Fegato.
  5. In fretta.
  6. Sudata.
  7. Zatta: voleva.
  8. In disordine.
  9. Zatta: mangiar.
  10. Quel pochino.
  11. Pronunciato con tuono un po’ interrogativo, significa: Che cosa dite? V. Boerio.
  12. Letteralmente: le dà del buono (delle buone ragioni) in mano; e quindi "la lascia troppo imbaldanzire " (Musatti).
  13. Qui significa oh ingannatore!
  14. Voce composta da sa ella.
  15. Fibbie.
  16. Dimenticata.
  17. Nell’ed. Zatta trovasi stampato avrà, ma non è forma veneziana, nè l’usa mai il Goldoni.
  18. Sudice. disoneste.
  19. Nell’ed. Zatta qui è stampato signora, ma poi sempre sgnora.
  20. Quel ch’è giusto, ben bene.
  21. Nel testo dello Zatta è stampato: Oh in i n’l’avrà ecc.
  22. Ed. Zatta: signor.
  23. Prende su (opp. se la piglia) e ci pianta.
  24. Quasi sempre è stampato dito (detto), secondo la pronuncia naturale veneziana.
  25. Mi sono qui preso la licenza di correggere il testo dello Zatta dove è stampato: se el signor Gaspar n’ha più ecc.
  26. Così l’ed. Zatta.
  27. Per di più.
  28. Se c’era.
  29. Così il testo dello Zatta. Bisognerebbe forse correggere: ch’al sgnor Gaspar.
  30. A rodergli i fianchi, a mangiare alle sue spese.
  31. Vedi più indietro, pag. 449, n. I.
  32. Zatta: parleu.
  33. Qui l’ed. Zatta stampa mugger.
  34. Intende lo spirito folletto.
  35. Accendete un lume.
  36. Aprire.
  37. C’è il punto fermo nell’ed. Zatta.
  38. O anche ventole, da attaccare alle pareti per sostenere le candele.
  39. Queste grida?
  40. In questo po’ po’ ecc.: espressione ancora viva, che il Boerio non ricorda nell’ottimo suo dizionario.
  41. Nell’ed. Zatta questa didascalia precede la parentesi.
  42. In questa scena, e in quelle che seguono, nell’ed. Zatta si trova stampato per lo più Gaspero.
  43. Rassicurarlo.
  44. Immutolito.
  45. Che non si scopra (la burla).
  46. Fregola, briciola: vedi per es. vol. XIII, 491.
  47. Vedi sc. 1, atto I, pag. 379, n. a.
  48. Così l’ed. Zatta. Cameroni. l. c., corregge: la me ecc. Meglio, in veneziano; la me lo ecc.
  49. Letteralmente significa Sii maledetto!, ma si dice bonariamente, scherzando. Vedi vol. XVIII, p. 390, n. g.
  50. Di sopra.
  51. Interrogativo. Manca nel Boerio.
  52. Nell’ed. Zatta è stampato An uvì; e lo stesso strano errore si ripete nelle altre edizioni. Nel dialetto bolognese si direbbe propriamente: An vòi. Anche il prof. Landozzi nella sua traduzione italiana (Florilegio drammatico, n. 676: vedi Nota storica) interpreta: Non voglio.
  53. Chiassata, festa o anche burla chiassosa.
  54. Nell’ed. Zatta: Aj ho. Più sopra è stampato aiò.
  55. Nell’ed. Zatta è stampato per errore la.
  56. Un onesto passatempo chiassoso.
  57. Probabilmente è da leggersi tante.
  58. Zatta: lungo.
  59. Forse è da leggero anemo.
  60. Nell’ed. Zatta qui è più sotto è stampalo rason.
  61. In dialetto bolognese: an devrev.
  62. Potacchio propriamente significa imbratto: v. Patriarchi e Boerio.
  63. Quand’egli verrà ecc.
  64. Propriamente si caverà d’impaccio (v. Boerio); e letteralmente significa asciugherà questo bucato.
  65. Manca la risposta di sior Raimondo.