Così parlò Zarathustra/Parte prima/Della castità

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Della castità

../Delle mosche del mercato ../Dell’amico IncludiIntestazione 27 novembre 2014 100% Da definire

Friedrich Nietzsche - Così parlò Zarathustra (1885)
Traduzione dal tedesco di Renato Giani (1915)
Della castità
Parte prima - Delle mosche del mercato Parte prima - Dell’amico
[p. 50 modifica]

Della castità.

«Io amo il bosco. Nelle città si vive male: ci son troppi lussuriosi.

Non è forse meglio cadere nelle mani d’un assassino, che nei sogni d’una donna lasciva?

Osservate questi uomini: il loro occhio lo dice — essi non sanno far di meglio in terra che giacere presso una donna.

Nel fondo della loro anima è fango; e guai se il lor fango possiede dello spirito!

Almeno foste animali perfetti! Ma privilegio dell’animale è l’innocenza. [p. 51 modifica]

Vi consiglio io forse la morte dei sensi? No, ma l'innocenza dei sensi.

Vi consiglio io la castità? La castità, in alcuni è una virtù, in altri poco meno d’un vizio.

Costoro si astengono, è vero; ma la cagna, che si chiama sensualità, si manifesta in loro con l’invidia che traspare da ogni atto.

Persino nella sublimità delle loro virtù e nella saggezza delle meditazioni quel mostro irrequieto li segue.

E con quanta grazia la cagna sensualità sa medicare un briciolo di spirito, se altri le ricusa un pezzo di pane!

Voi amate le tragedie e tutto ciò che spezza il cuore. Ma io diffido della vostra cagna.

Voi avete occhi troppo crudeli, e con lo sguardo ardente andate in cerca di sofferenti. La vostra voluttà non s’è forse messa la maschera della compassione?

Ed anche questa sentenza dedico a voi: non pochi di coloro che volevano cacciare il diavolo si sono cacciati essi nei porci.

La castità è da sconsigliare a colui al quale è dura; affinchè non diventi la via dell’inferno — cioè del fango e della lussuria dell’anima.

Parlo di cose sconce? Ma questa non mi sembra la peggiore delle cose.

Non già quando la verità è sucida, bensì quando è poco profonda quegli che ha intendimento esita a tuffarsi nella sua acqua.

Invero v’hanno certuni che sono casti in fondo: essi son più miti di cuore, essi amano ridere più volentieri e più frequentemente di voi.

Essi ridono anche della nascita e chiedono che cosa essa sia.

«La castità non è forse una follia? Ma questa follia venne a cercar noi; non già noi la cercammo.

«Noi abbiamo offerto un asilo ed un cuore a quest’ospite: ora egli dimora in noi — ci rimanga finchè vuole».

Così parlò Zarathustra.