Dalla bella Salamina

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
greco

Solone Antichità D 1886 Achille Giulio Danesi Indice:Poesie_greche.djvu Poesie letteratura Intestazione 23 febbraio 2011 100% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Poesie greche


[p. 81 modifica]

Dalla bella Salamina
     Io men vengo messaggiero:
     Con discorsi il mio pensiero
     Non vo’ dir, ma canterò1.
Foss’io pur di Folegandro2,

[p. 82 modifica]

Di Sicino3 deh! foss’io;
     Ateniese il suol natio
     Deh! potessi io commutar.
Chè di me certo tal detto
     Or potrebbe essere udito: —
     Ha quest’attico tradito
     Salamina per viltà
Su corriamo a Salamina,
     Espugnam l’isola bella,
     E dell’armi la procella
     L’onta grave ne torrà.


Note

  1. Questa parte è divisa dal resto nel Buccholz (Anthologie aus den lyrichern).
  2. Isola dell’Egeo (?) id.
  3. Cioè:— Non vorrei essere Ateniese, perchè di me si direbbe che sono stato uno di quelli che vilmente hanno abbandonato Salamina (V. Muller 58. Lett. Gr.).