Deh cantate con canto di dolcezza

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Matteo Frescobaldi

XIV secolo D Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu ballate Letteratura Deh cantate con canto di dolcezza Intestazione 25 settembre 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV/Matteo Frescobaldi


[p. 221 modifica]

     Deh cantate con canto di dolcezza,
Ch’egli è tornato il fior d’ogni allegrezza.
     La donna ch’è d’ogni biltà fontana
È tornata per dar pace e salute
A chi la guarda non con mente vana5
Ma con amor fiorito di vertute;
Però che ’l suo valore e sua altezza
Risplende solo ovunque è gentilezza.
     Dunque si può e’ dir che sia beato
Nella corte d’Amor più ch’altro amante10
Chi di tanta biltà è infiammato
O chi nella sua fè servo è costante;
Chè per servir si rompe ogni durezza
E sormontasi in pregio e in grandezza.