Del dolor tant'è 'l soverchio fero

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Si. Gui. da Pistoia

Guido Zaccagnini/Amos Parducci XIII secolo Indice:Rimatori siculo-toscani del Dugento.djvu Duecento Del dolor tant’è ’l soverchio fero Intestazione 16 luglio 2020 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rimatori siculo-toscani del Dugento
[p. 20 modifica]

II

Prega Dio che lo liberi dal dolore che l’affanna.

Del dolor tant’è ’l soverchio fero,
che l’alma e ’l corpo e ’l core mio sostene,
che, lasso! qual fusseme piú crudero,
se ’l vedesse, cordoglio avria di mene.
Ahi Deo! perché fuste me piagentero,
donando voi me gioí’ con ogni bene?
Che però il dolor m’è troppo altero:
chi piú gioi’ ha, poi doglia li è piú pene.
Vorria ch’al vostro piacere piacesse
pietade, per merzé; sì che la doglia
mia crudel oramai tranquilla avesse.
Ed è ragion; ché ’l core ho in bona voglia,
corno di prima era, nelle duresse:
Padre pietoso, di pena lo spoglia.