Dell'Universo al glorioso pondo (Stampiglia)

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Silvio Stampiglia

D Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Dell’Universo al glorioso pondo Intestazione 31 luglio 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Silvio Stampiglia


[p. 391 modifica]

IV1


Dell’Universo al glorioso pondo
     L’Alcide sospirava il Ciel Romano,
     Quando la Fede al battezzato Mondo
     Scelse l’Alcide, e fu l’invitto Albano.
5Languendo Italia bella in duol profondo
     Sconsolata battea mano con mano;
     E sciolto il crine, innanellato, e biondo
     Ancor paventa, ma paventa invano.
Che tu, Signor, col senno alto, e possente
     10Farai, che immortal pace a quella arrida,
     E a questo nostro umìl Bosco innocente.
Onde ciascuno e si rallegra, e grida;
     Sarem felici; il nome tuo, Clemente
     Odi qual noi parla, e qual n’affida.


Note

  1. Coronale in lode di N.S. Papa Clemente XI.