Della dissimulazione onesta/XVII. Nella considerazione della divina giustizia si facilita il tollerar, e però il dissimular le cose che in altri ci dispiacciono

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XVII. Nella considerazione della divina giustizia si facilita il tollerar, e però il dissimular le cose che in altri ci dispiacciono

../XVI. Chi ha soverchio concetto di se stesso ha gran difficultà di dissimulare ../XVIII. Del dissimular l'altrui fortunata ignoranzia IncludiIntestazione 25 settembre 2008 75% romanzi

XVII. Nella considerazione della divina giustizia si facilita il tollerar, e però il dissimular le cose che in altri ci dispiacciono
XVI. Chi ha soverchio concetto di se stesso ha gran difficultà di dissimulare XVIII. Del dissimular l'altrui fortunata ignoranzia

Convien di trattar di alcune cose piú in particolare, che ricercano d’esser tollerate, ch’è lo stesso a dir dissimulate, poiché sono molt’i dispiaceri dell’uomo ch’è spettator in questo gran teatro del mondo, nel qual si rappresentano ogni dí comedie e tragedie; ed or non dico di quelle che son invenzioni de’ poeti antichi o moderni, ma delle vere mutazioni del mondo stesso, che da tempo in tempo, in quanto agli accidenti umani, prende altra faccia ed altro costume. L’ordine è forma che fa il tutto simigliante a Dio, che lo creò e lo serba col dono della sua providenza, la qual per lo gran mar dell’essere ogni cosa conduce con prospero viaggio; e disponendo la medesima regola sopra il merito o demerito delle opere umane, si vieta nondimeno alla debolezza de’ nostri pensieri il passar negli abissi de’ consigli divini, alli quali si dee infinita riverenza, avendosi da ricever per giusto quanto consòna alla volontà di Dio. E se pur sempre non vediamo nelle cose mortali quell’ordine infallibile che si manifesta nel moto del sole, della luna e dell’altre stelle, anz’in molta confusione spesse volte si truovano i negozii di qua giú, non manca però la certezza dell’eterna legge, che tutto sa applicar ad ottimo fine; e ’l premio e la pena, che non sempre vien pronta, si aspetti come decreto inseparabile dal giudizio divino, che per tutto va penetrando con la sua non mai limitata potenzia. A questa verità, ch’è via di quiete, per dissimular le sinistre apparenze, soggiungerò piú distinto il modo di accommodarsi a quelle.